I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Aperitivi ‘batterici’, occhio a inzuppare più volte gli snack nelle salse

Intingere gli alimenti già 'assaggiati' più e più volte nel condimento contribuisce a diffondere germi in abbondanza

Pubblicato il 09/08/2016 da Prevenzione a tavola

Al via gli aperitivi sulla spiaggia a suon di bevande alcoliche o meno, ma soprattutto dei più diversi snack. Molto in voga le salse millegusti (dal guacamole alla 'barbecue') dove immergere cracker o nachos alla messicana, per stuzzicare le papille gustative. Ma attenzione all'igiene: intingere gli alimenti già 'assaggiati' più e più volte nel condimento contribuisce infatti a diffondere, ma anche ad assumere germi in abbondanza. L'avvertimento arriva niente di meno che dalla rivista 'Healthbeat', edita dall'università di Harvard, che ripercorre la letteratura scientifica disponibile sul tema.

Anche Oltreoceano infatti è molto diffusa l'usanza del 'double-dipping', ossia dell'inzuppare snack di ogni tipo nelle salsine al formaggio o nel semplice ketchup. Ma proprio quando è 'double' (cioè 'doppio', ripetuto) il gesto, all'apparenza innocuo, diventa realmente pericoloso.

Robert Shmerling, editore di HealthBeat, spiega: "Se una persona affetta da qualsiasi infezione immerge due volte un alimento nella salsa in comune con altri, diffonde i germi: dalla tubercolosi alla legionella, possono diffondersi le più disparate malattie" attraverso un semplice aperitivo.

Una recente ricerca, ricorda la rivista, ha esaminato gli effetti dell'inzuppamento selvaggio e ripetuto di vari alimenti, in varie salse. Si è riscontrato che la contaminazione varia a seconda del tipo di salsa e le meno 'pericolose' sono quelle al formaggio e al cioccolato (in caso di spuntini dolci), perché più dense e meno esposte al rischio di ricadere in pezzetti nel contenitore. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

Corsi - Prevenzione a tavola

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Corsi - Prevenzione a tavola

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Cosa significano i numeri e le lettere sulle uova?

Importante informarsi per sapere che tipo di uova stiamo acquistando

Le uova non aumentano il colesterolo né rovinano il fegato

Sfiatiamo un falso mito e facciamo chiarezza sul ruolo delle uova nella nostra alimentazione

La pasta madre: proprietà, benefici e vantaggi in cucina

Anche chiamato lievito madre, migliora la regolazione della glicemia e la digeribilità dei prodotti