I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Il cervello di un obeso? E’ più vecchio di 10 anni

L'obesità può influenzare anche l'insorgenza e la progressione dell'invecchiamento cerebrale

Pubblicato il 04/08/2016 da Prevenzione a tavola

Dalla mezza età, il cervello di chi è oversize presenta 'sembianze' simili a quelle di chi ha 10 anni in più a livello di sostanza bianca, il tessuto che collega le aree del cervello trasmettendo le informazioni che devono essere comunicate tra le varie aree. Questo secondo una nuova ricerca condotta dall'Università di Cambridge, che si è guadagnata le pagine della rivista 'Neurobiology of Aging'.

Il nostro cervello si riduce naturalmente con l'età, ma gli scienziati stanno raccogliendo sempre più prove secondo cui l'obesità - già collegata a condizioni come il diabete, il cancro e le malattie cardiache - può influenzare anche l'insorgenza e la progressione dell'invecchiamento cerebrale. Tuttavia, mancavano studi diretti a sostenere questo link.

I ricercatori britannici hanno così esaminato l'impatto dell'obesità sulla struttura del cervello di 473 individui di età compresa tra 20 e 87 anni reclutati dal centro per l'invecchiamento e le neuroscienze di Cambridge. Hanno diviso i partecipanti in due categorie in base al peso: magri e in sovrappeso. E hanno trovato notevoli differenze nel volume della materia bianca nel cervello di individui in sovrappeso rispetto a quello delle loro controparti più snelle: in particolare, chi era 'oversize' ha subito una riduzione del volume.

Il team ha poi analizzato l'aspetto dell'età, scoprendo che una persona in sovrappeso a 50 anni ha un volume di materia bianca paragonabile a una persona magra di 60 anni, il che implica una differenza di età cerebrale di 10 anni. Queste differenze si osservano però dalla mezza età in poi, suggerendo il nostro cervello passa un periodo particolarmente vulnerabile in questa fase della vita. "Sarà importante scoprire se questi cambiamenti possano essere reversibili con la perdita di peso", suggeriscono gli esperti. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Corsi - Prevenzione a tavola

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Corsi - Prevenzione a tavola

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina