I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Mangiare più proteine ‘veg’ riduce rischi di morte

Studio promuove scelte green

Pubblicato il 02/08/2016 da Prevenzione a tavola

Buone notizie per i vegetariani. Riempire il piatto di proteine ​​da fonti vegetali è stato associato a un minor rischio di morte. Un pericolo che, al contrario, aumenta, per chi consuma più proteine ​​animali, specialmente tra gli adulti con almeno un comportamento negativo fra cui fumare, bere alcolici, essere in sovrappeso o sedentari. A promuovere le scelte 'green' è uno studio dell'Harvard Medical School di Boston, pubblicato su 'Jama Internal Medicine'.

Mingyang Song del Massachusetts General Hospital e della Harvard Medical School, insieme ai colleghi, ha utilizzato i dati di due grandi studi statunitensi che hanno monitorato i consumi alimentari attraverso questionari per 32 anni. I ricercatori hanno esaminato il rischio di morte per tutte le cause, e per cause specifiche, in chi mangiava più proteine animali e in chi consumava più vegetali. Tra i 131.342 partecipanti allo studio, 85.013 (64,7%) erano donne, con un'età media di 49 anni. L'assunzione di proteine ​​media, misurata come percentuale di calorie, è stata del 14% per le proteine ​​animali e del 4% per quelle ​​vegetali.

Ebbene, dopo un aggiustamento che teneva conto dei principali fattori di stile di vita e del rischio alimentare, ogni incremento del 10% delle proteine ​​animali sulle calorie totali è risultato associato a un rischio del 2% più elevato di morte per tutte le cause e di un +8% per decessi causati da malattie cardiovascolari.

Al contrario, mangiare più proteine ​​vegetali è stato associato a un rischio di morte del 10% più basso per tutte le cause, e questo per ogni incremento del 3% sul totale delle calorie, con un -12% di pericolo di morte cardiovascolare. Non solo, l'effetto letale delle 'scorpacciate' di proteine animali è stato più pronunciato tra i partecipanti allo studio che erano obesi o bevevano pesantemente.

L'associazione tra proteine ​​vegetali e mortalità più bassa, invece, è più forte tra i partecipanti allo studio che fumavano, bevevano almeno 14 grammi di alcol al giorno, erano in sovrappeso oppure obesi, erano pigri, avevano meno di 65 anni o più di 80 anni. Sostituire il 3% delle calorie da proteine ​​animali con quelle ​​vegetali, inoltre, è associato a un più basso rischio di morte per tutte le cause. Un calo che è del 34% per la sostituzione della carne rossa lavorata, del 12% per la sostituzione di carne rossa non trasformata e del 19% per la sostituzione delle uova.

"La sostituzione delle proteine ​​animali, in particolare di quelle da carne rossa lavorata, con quelle ​​vegetali può conferire benefici sostanziali per la salute", concludono i ricercatori. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Corsi - Prevenzione a tavola

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Corsi - Prevenzione a tavola

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?