I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Mangiare più proteine ‘veg’ riduce rischi di morte

Studio promuove scelte green

Pubblicato il 02/08/2016 da Prevenzione a tavola

Buone notizie per i vegetariani. Riempire il piatto di proteine ​​da fonti vegetali è stato associato a un minor rischio di morte. Un pericolo che, al contrario, aumenta, per chi consuma più proteine ​​animali, specialmente tra gli adulti con almeno un comportamento negativo fra cui fumare, bere alcolici, essere in sovrappeso o sedentari. A promuovere le scelte 'green' è uno studio dell'Harvard Medical School di Boston, pubblicato su 'Jama Internal Medicine'.

Mingyang Song del Massachusetts General Hospital e della Harvard Medical School, insieme ai colleghi, ha utilizzato i dati di due grandi studi statunitensi che hanno monitorato i consumi alimentari attraverso questionari per 32 anni. I ricercatori hanno esaminato il rischio di morte per tutte le cause, e per cause specifiche, in chi mangiava più proteine animali e in chi consumava più vegetali. Tra i 131.342 partecipanti allo studio, 85.013 (64,7%) erano donne, con un'età media di 49 anni. L'assunzione di proteine ​​media, misurata come percentuale di calorie, è stata del 14% per le proteine ​​animali e del 4% per quelle ​​vegetali.

Ebbene, dopo un aggiustamento che teneva conto dei principali fattori di stile di vita e del rischio alimentare, ogni incremento del 10% delle proteine ​​animali sulle calorie totali è risultato associato a un rischio del 2% più elevato di morte per tutte le cause e di un +8% per decessi causati da malattie cardiovascolari.

Al contrario, mangiare più proteine ​​vegetali è stato associato a un rischio di morte del 10% più basso per tutte le cause, e questo per ogni incremento del 3% sul totale delle calorie, con un -12% di pericolo di morte cardiovascolare. Non solo, l'effetto letale delle 'scorpacciate' di proteine animali è stato più pronunciato tra i partecipanti allo studio che erano obesi o bevevano pesantemente.

L'associazione tra proteine ​​vegetali e mortalità più bassa, invece, è più forte tra i partecipanti allo studio che fumavano, bevevano almeno 14 grammi di alcol al giorno, erano in sovrappeso oppure obesi, erano pigri, avevano meno di 65 anni o più di 80 anni. Sostituire il 3% delle calorie da proteine ​​animali con quelle ​​vegetali, inoltre, è associato a un più basso rischio di morte per tutte le cause. Un calo che è del 34% per la sostituzione della carne rossa lavorata, del 12% per la sostituzione di carne rossa non trasformata e del 19% per la sostituzione delle uova.

"La sostituzione delle proteine ​​animali, in particolare di quelle da carne rossa lavorata, con quelle ​​vegetali può conferire benefici sostanziali per la salute", concludono i ricercatori. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Corsi - Prevenzione a tavola

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Corsi - Prevenzione a tavola

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati

Il colesterolo delle uova mette a rischio il cuore?

Nuovo studio riapre il dibattito sulle uova

Arriva la quinoa tutta italiana

Una varietà adattabile alle nostre condizioni climatiche di quinoa, lo pseudocereale delle Ande