I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Vespe e api pungono 5 mln italiani l’anno, rischio allergie

8 su 10 sviluppa reazione allergica, in alcuni casi grave

Pubblicato il 22/07/2016 da Prevenzione a tavola

Oltre 5 milioni di italiani ogni anno vengono punti da insetti come api, vespe e calabroni. Le reazioni più comuni sono arrossamenti e gonfiori locali ma fino a 8 su 100 sviluppano una reazione allergica, anche grave. A fare il punto su uno dei nemici più insidiosi dell'estate è Beatrice Bilò, presidente dell'Associazione Italiana Allergologi Immunologi Ospedalieri e Territoriali. Nei casi non gravi compaiono rossore e gonfiore su cui si può applicare ghiaccio ed eventualmente una pomata al cortisone, facendo attenzione alla presenza del pungiglione che, se rimane nella pelle, va estratto con delicatezza. In circa 8 casi su 100 può dare però reazioni allergiche che possono manifestarsi con sintomi come orticaria, prurito diffuso, gonfiore, vertigini, nausea, vomito, diarrea, dolori addominali, mancanza del respiro, stordimento, abbassamento della pressione sanguigna, fino a perdita di coscienza e shock anafilattico. Sintomi che indicano la necessità di rivolgersi ad un allergologo per una terapia specifica. Importante è soprattutto però prevenire le punture. Innanzitutto, non camminare senza scarpe, soprattutto sull'erba; evitare abiti ampi, con colori vivaci e disegni floreali così come cosmetici profumati. Non sedersi su tronchi caduti in terra, perché possono nascondere nidi. Non compiere movimenti bruschi quando si avvicinano api o vespe e fare attenzione durante l'attività sportiva in quanto il sudore le attira. Evitare di cucinare all'aperto, conservare ben chiusi i rifiuti ed evitare le aree adibite alla loro raccolta. Attenzione infine alle bibite in lattina una volta aperte. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

Corsi - Prevenzione a tavola

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Corsi - Prevenzione a tavola

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Cosa significano i numeri e le lettere sulle uova?

Importante informarsi per sapere che tipo di uova stiamo acquistando

Le uova non aumentano il colesterolo né rovinano il fegato

Sfiatiamo un falso mito e facciamo chiarezza sul ruolo delle uova nella nostra alimentazione

La pasta madre: proprietà, benefici e vantaggi in cucina

Anche chiamato lievito madre, migliora la regolazione della glicemia e la digeribilità dei prodotti