I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Allarme Tbc, esperti: “E’ un’emergenza sanitaria trascurata, che va arginata”

Casi in aumento, da Fondazione Gimbe linee guida in italiano

Pubblicato il 21/07/2016 da Prevenzione a tavola

Tbc, un'emergenza trascurata, che invece va arginata. In Italia la tubercolosi, secondo il Piano nazionale per la prevenzione 2014-2018, è una patologia a bassa incidenza nella popolazione generale (7,7 per 100.000 abitanti nel 2010), ma diffusa in gruppi a rischio - come persone senza fissa dimora, o che appartengono alle classi più povere, tossicodipendenti, immigrati da Paesi molto colpiti, pazienti immunodepressi - e in alcune aree metropolitane, dove l’incidenza può addirittura quadruplicare. E i casi sono in aumento fra i 15 e i 24 anni.

A lanciare l'allarme è la Fondazione Gimbe, che per colmare il 'buco' di linee guida nazionali aggiornate, ha realizzato la sintesi italiana delle indicazioni pubblicate a gennaio dal Nice (l'Istituto britannico per la salute e l'eccellenza sanitaria), con un approccio sistematico e integrato alla prevenzione, diagnosi, terapia e gestione della Tbc, combinando le misure di sanità pubblica con quelle clinico-assistenziali-organizzative.

"Il ritorno della Tbc - sottolinea Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe - rappresenta un’emergenza sanitaria sottovalutata perché esistono numerosi ostacoli per un’efficace prevenzione e trattamento: standard assistenziali spesso obsoleti a dispetto di una notevole evoluzione delle conoscenze scientifiche, frammentazione e scarso coordinamento dei percorsi assistenziali tra servizi di sanità pubblica, cure primarie e assistenza specialistica, barriere culturali e linguistiche, carenze nella rete di diagnosi e cura".

Il Piano nazionale della prevenzione 2014-2018, ricorda Gimbe, elenca "tra gli obiettivi prioritari 'l’implementazione di linee guida aggiornate', ma di fatto l’ultimo aggiornamento delle linee guida nazionali risale al 2010". Per Cartabellotta, "la mancanza di linee guida aggiornate, in grado di sintetizzare le migliori evidenze scientifiche, rappresenta un ulteriore ostacolo alla gestione ottimale della Tbc: l'uso appropriato dei nuovi test diagnostici (Igra test, Naat), le strategie per migliorare l’aderenza terapeutica e i protocolli di cura per i casi multi-farmaco resistenti oggi sono ben lontani dall'essere promossi in modo uniforme sul territorio nazionale".

Le linea guida del Nice, tradotte in italiano dalla Fondazione Gimbe (www.evidence.it/TBC), indicano misure per il controllo dell’infezione, diagnosi e terapia dell’infezione latente (in particolare nei bambini di età inferiore a 2 anni), trattamento della Tbc multi-farmacoresistente, strategie per migliorare la compliance terapeutica e potenziare il case management della Tbc, protocolli di trattamento per la tubercolosi attiva, strategie per riprendere la terapia dopo la sospensione per effetti avversi, criteri di appropriatezza per la vaccinazione Bcg.

"Tutti i professionisti coinvolti nella gestione della malattia tubercolare - conclude Cartabellotta - dovrebbero prendere in considerazione queste linee guida, per garantire un'assistenza omogenea su tutto il territorio nazionale per questa emergenza sanitaria, che può essere adeguatamente prevenuta e trattata integrando le migliori evidenze nei percorsi assistenziali regionali e aziendali". (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

Corsi - Prevenzione a tavola

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Corsi - Prevenzione a tavola

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Cosa significano i numeri e le lettere sulle uova?

Importante informarsi per sapere che tipo di uova stiamo acquistando

Le uova non aumentano il colesterolo né rovinano il fegato

Sfiatiamo un falso mito e facciamo chiarezza sul ruolo delle uova nella nostra alimentazione

La pasta madre: proprietà, benefici e vantaggi in cucina

Anche chiamato lievito madre, migliora la regolazione della glicemia e la digeribilità dei prodotti