I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Pappe fatte in casa per il bebè? Poco sane

Troppo grasse e meno sane di quelle industriali

Pubblicato il 20/07/2016 da Prevenzione a tavola

Le pappe fatte in casa da mamma e papà per il loro bambino potrebbero essere a volte meno sane rispetto a quelle confezionate, provocando in particolare un aumento di peso nel piccolo perché troppo grasse. Sono i controversi risultati di uno studio scientifico pubblicato sugli 'Archives of Disease in Childhood' da ricercatori dell'Università di Aberdeen, guidati da Sharon Carstairs, secondo cui, appunto, i piatti casalinghi sono sì più convenienti, ma di solito contengono più grassi e calorie di quanto raccomandino le linee guida.

Risultati che, chiaramente, hanno riaperto il dibattito su cosa è meglio far mangiare ai bebè una volta iniziato lo svezzamento, al fine di promuoverne sviluppo fisico e mentale. I nuovi dati "sorprenderanno molti genitori - ammette Carstairs - ma la maggior parte degli alimenti industriali, anche se più cara, garantisce un pasto ad alta densità di energia con una maggiore varietà di alimenti".

Conclusioni alle quali gli esperti sono giunti dopo aver confrontato il costo e il contenuto nutrizionale di 278 pasti pronti destinati ai bambini di età inferiore ai 5 anni, acquistati nei supermercati o in farmacia (di cui 174 biologici), e 408 cucinati in casa con ricette provenienti da 55 libri di cucina rivolti specificamente ai lattanti e ai bambini.

I pasti industriali sono risultati di gran lunga più costosi: 80 centesimi di euro per 100 g, rispetto ad appena 30 centesimi per 100 g per i piatti cucinati in casa. Mentre a livello nutrizionale sono emersi pro e contro per entrambe le opzioni. Le ricette casalinghe, dice lo studio, contenevano il 51% in più di calorie rispetto ai prodotti commerciali e un maggior contenuto di carboidrati, sale, proteine, grassi saturi e totali rispetto alle scelte industriali, fornendo dal 7% al 200% in più di sostanze nutritive.

I pasti cucinati in casa contenevano inoltre un po' più di zucchero: il 2,5% contro il 2,2%. In pratica, le ricette casalinghe forniscono il 26% in più di energia e il 44% in più di proteine ​​e di grassi, che pur essendo di vitale importanza per la crescita del bambino, se in quantità eccessive possono avere un impatto sul rischio di obesità.

Come di consueto il consiglio degli esperti è di variare la scelta: "Questo studio dimostra non solo che sarebbero necessari standard normativi per i prodotti commerciali - dice Neena Modi, presidente del Royal College of Paediatrics and Child Health - ma anche che i genitori dovrebbero essere supportati per essere 'nutrizionalmente consapevoli'". (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Riso integrale al pesto di fave con profumo di menta

Oggi voglio condividere con voi questa ricetta semplice, veloce, sfiziosa

Miele di corbezzolo, nuova arma contro il tumore

Bloccherebbe la crescita delle cellule del tumore al colon

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

Corsi - Prevenzione a tavola

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Corsi - Prevenzione a tavola

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati