I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Intossicazione per insalata di riso

Un centinaio di persone sono finite all'ospedale

Pubblicato il 19/07/2016 da Prevenzione a tavola

Per un centinaio di partecipanti, in età dai 15 ai 35 anni, il torneo di volley organizzato dalla parrocchia Ognissanti nel fine settimana al centro sportivo Matterello è finito al pronto soccorso per un’intossicazione alimentare, per avere mangiato un piatto dell’insalata di riso preparata dai volontari del centro giovanile parrocchiale. Il torneo “Matta volley” è iniziato sabato mattina per 24 squadre con la formula del 4 contro 4. Alle 12 per gli atleti reduci dalle partite è iniziata la distribuzione di panini e insalata di riso con i primi malesseri a manifestarsi verso le 14: nausea, vomito e  diarrea.

Decine di casi, un centinaio circa alla fine, con intervento sul posto dei sanitari del Suem per viaggi al pronto soccorso di Arzignano. Altri atleti si sono recati in autonomia al pronto soccorso di Valdagno e da più guardie mediche del territorio. Non ci sono stati ricoveri, anzi tutti gli intossicati si sono ripersi in poche ore. Dalle analisi effettuate dai due ospedali dall’Ulss 5 è emersa come ipotesi più probabile un’infezione da stafilococco, prodotta da qualche ingrediente dell’insalata di riso, forse la maionese. Sarà il laboratorio del Servizio igiene degli alimenti dell’Ulss 5 ad analizzare dei campioni dell’insalata di riso per fare chiarezza sul caso. Da prassi l’Ulss 5 segnalerà il fatto alla Procura della Repubblica di Vicenza che deciderà se aprire un’inchiesta per appurare le responsabilità. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Troppo sale, grassi e zuccheri nella carne ‘vegetale’

Una ricerca analizza hamburger, falafel, salsicce, polpette a base di tofu, soia e cereali. I risultati non sono entusiasmanti.

Queste bibite aumentano il rischio di morte

Studio condotto su dieci paesi relativo consumo di bibite, sia zuccherate sia con dolcificanti ipocalorici,

Mangi e non ingrassi? Ecco svelato il motivo

Un nuovo studio chiarisce ora il motivo di questa fortuna. E c'entrano le cellule adipose

Il vino rosso protegge l’intestino, combatte l’obesità e il colesterolo cattivo

Nuova ricerca rivela i benefici del vino rosso, basta anche un bicchiere ogni due settimane

Sindrome da rientro? Bastano 8 bicchieri d’acqua al giorno

Una corretta idratazione e una sana alimentazione garantiscono un ritorno più soft alla vita di tutti i giorni

Corsi - Prevenzione a tavola

Proteine vegetali per vivere più a lungo e in salute

Cala il rischio generale e quello per cause cardiovascolari, le conferme di un nuovo studio

Muore meno di malattie croniche chi mangia verdura, frutta e proteine vegetali

Questo dicono i risultati molto chiari di un nuovo studio

Due cibi potrebbero essere in grado di proteggere dalle demenze

La fosfatidilcolina potrebbe essere la sostanza protettiva contro l'Alzheimer e demenze

Corsi - Prevenzione a tavola

Come preparare il succo d’anguria in 1 minuto

Un'idea geniale e rinfrescante per questi giorni di caldo

Scottature al sole: i cibi che aumentano il rischio

Per proteggersi dalle scottature non basta mettere la crema, ma anche evitare alcuni alimenti

Alla scoperta della merendella, la deliziosa pesca calabrese

Incrocio tra pesca e mela, la merendella ha trovato in Calabria (e in alcune zone della Sicilia) il suo habitat naturale

Combattere il caldo con la giusta alimentazione

Alcuni cibi e abitudini possono aiutarci a sopportare meglio le alte temperature di questo periodo

Più tazzine di caffè non aumentano il rischio di cancro, ma cuore a rischio

E' quanto emerge da due studi vasti australiani

Ricotta di bufala: alimento anti-caldo, ricca di calcio e fosforo

Utile nel recupero dell'equilibrio energetico e per il reintegro dei sali minerali

Le bibite zuccherate potrebbero aumentare il rischio di cancro

Che fossero legate a diabete e obesità già lo si sapeva, ma adesso un motivo in più per non farne uso