I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

La cannella migliora memoria e apprendimento

Virtù neurologiche utili a chi ha bisogno di migliorare la memoria e le performance cognitive

Pubblicato il 14/07/2016 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

C'è chi la mette nel cappuccino invece del cacao, chi la spruzza sui dolci al posto dello zucchero a velo, e chi a dicembre la dissemina per casa perché il suo aroma 'fa tanto Natale'. Ma nascoste fra i riccioli dei bastoncini di cannella ci sarebbero anche virtù neurologiche utili a chi ha bisogno di migliorare la memoria e le performance cognitive. A svelare la faccia 'smart' di una delle spezie più usate in cucina è uno studio condotto da un gruppo di neuroscienziati del Rush University Medical Center di Chicago, pubblicato sul 'Journal of Neuroimmune Pharmacology' e sostenuto dai National Institutes of Health, dal Dipartimento degli Affari dei veterani e dall'Alzheimer Association.

GUARDA IN ALTO IL VIDEO: Tutti i benefici del the alla cannella

Il lavoro suggerisce che 'aiutini' a base di cannella riescono a invertire i cambiamenti biochimici, cellulari e anatomici che caratterizzano il cervello dei topi con ridotta capacità di apprendimento. Questo grazie a una sostanza in cui la spezia si trasforma all'interno dell'organismo.

Sui roditori cavia "ci siamo riusciti con successo", dice il coordinatore della ricerca americana Kalipada Pahan, convinto che "se questi risultati venissero replicati anche negli studenti con le stesse caratteristiche, sarebbe un passo notevole passo avanti". Prima però, precisa lo studioso, c'è bisogno di ulteriori test sui cosiddetti 'poor learner'.

Secondo le indagini di Pahan e colleghi tutto si gioca nell'ippocampo, una piccola regione del cervello che genera, organizza e immagazzina i ricordi. Gli scienziati hanno scoperto che l'ippocampo dei poor learner, rispetto a quello dei good learner, presenta meno Creb (proteina coinvolta nella memoria e nell'apprendimento) e più subunità alfa-5 di recettori Gabaa (Gabra5, proteine che generano segnali inibitori).

I topi 'arruolati' hanno ricevuto cannella in polvere. Nell'organismo la spezia viene metabolizzata in sodio benzoato, una sostanza chimica impiegata come farmaco in caso di danni cerebrali. Una volta arrivato al cervello dei topi poor learner, il sodio benzoato ha aumentato i livelli di Creb, ridotto i Gabra5 e stimolato la plasticità dei neuroni dell'ippocampo. Come risultato, negli animali meno dotati sono migliorati memoria e apprendimento, misurati prima e dopo l'esperimento con un test ad hoc. Gli stessi effetti non sono stati invece registrati nei topi good learner.

Non è la prima volta che per il team statunitense la cannella riserva dolci sorprese. In lavori precedenti, infatti, il gruppo di Pahan aveva osservato che la spezia può invertire le mutazioni tipiche del cervello di topi malati di Parkinson. Grazie a questi studi i neuroscienziati di Chicago sono diventati autentici intenditori di spezie: usando la spettrometria di massa hanno analizzato il destino metabolico dei due principali tipi di cannella diffusi negli Usa - la cannella cinese e quella di Ceylon - scoprendo che "benché entrambi vengano metabolizzati in sodio benzoato - puntualizza Pahan - la cannella di Ceylon e molto più pura della cinese che contiene cumarina, una molecola epatotossica". (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

Corsi - Prevenzione a tavola

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Corsi - Prevenzione a tavola

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Cosa significano i numeri e le lettere sulle uova?

Importante informarsi per sapere che tipo di uova stiamo acquistando

Le uova non aumentano il colesterolo né rovinano il fegato

Sfiatiamo un falso mito e facciamo chiarezza sul ruolo delle uova nella nostra alimentazione

La pasta madre: proprietà, benefici e vantaggi in cucina

Anche chiamato lievito madre, migliora la regolazione della glicemia e la digeribilità dei prodotti