I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Melagrana ‘superfood’, il segreto in una molecola allunga-vita

Permette alle cellule muscolari di proteggersi contro una delle principali cause di invecchiamento

Pubblicato il 12/07/2016 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Rappresenta davvero il 'superfood' per eccellenza, in grado di contrastare il processo di invecchiamento? Fino ad ora, le prove scientifiche erano piuttosto deboli. Ma ora per il melograno e i suoi frutti, di solito consumati in succo, arriva la 'promozione' scientifica: un team di scienziati dell'Ecole Polytechnique Fédérale di Losanna (Svizzera) ha infatti scoperto che una molecola presente nelle melagrane, che viene elaborata dai microbi dell'intestino umano, permette alle cellule muscolari di proteggersi contro una delle principali cause di invecchiamento. Nei nematodi e nei roditori, l'effetto è apparso a dir poco sorprendente. Studi clinici sono in corso, ma questi primi risultati sono già stati pubblicati sulla rivista 'Nature Medicine'.

GUARDA IN ALTO IL VIDEO: Tutti i benefici della melagrana

Gli esperti hanno identificato una molecola che, da sola, riesce a ristabilire la capacità delle cellule di riciclare i mitocondri (i loro 'centri d'energia') difettosi: si chiama urolitina A. "E' una sostanza completamente naturale, e il suo effetto è potente e misurabile", assicura Patrick Aebischer, autore dello studio. Ad esempio, nei vermi C. elegans, terreno di prova preferito dagli studiosi di invecchiamento perché dopo soli 8-10 giorni sono già considerati 'anziani', la sopravvivenza a seguito dell'esposizione a urolitina A è aumentata di oltre il 45%, rispetto al gruppo di controllo. Anche negli studi sui roditori è stato osservato un solido processo di riciclo cellulare, con un 42% in più di resistenza durante l'allenamento fisico.

Prima di uscire a fare scorta di melagrane, tuttavia, vale la pena notare che questi frutti non contengono la miracolosa molecola, ma piuttosto il suo precursore, convertito in urolitina attraverso i batteri che popolano l'intestino. A causa di questo, la quantità di urolitina può variare ampiamente, a seconda della specie animale e della flora presenti nel microbioma intestinale di chi consuma melagrane. E alcuni individui non la producono affatto. E se si è fra questi sfortunati, è possibile che il buon succo di frutta non abbia effetti benefici.

Per coloro che non possiedono i microbi adatti, tuttavia, gli scienziati stanno già lavorando a una soluzione: gli autori dello studio hanno fondato la start-up Amazentis, che ha sviluppato un metodo per fornire dosi finemente calibrate di urolitina A pronte per il consumo. La società sta attualmente conducendo i primi studi clinici in alcuni ospedali europei. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Corsi - Prevenzione a tavola

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Corsi - Prevenzione a tavola

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?

Alla scoperta del topinambur, l’ortaggio che vi cambierà la vita

Il topinambur combina proprietà diuretiche con doti benefiche per abbassare la glicemia

Ecco gli alimenti per sorridere all’autunno

Cambio di stagione, gli alimenti alleati del buonumore

Ecco perché vale la pena mangiare i cachi

Racchiudono straordinarie proprietà per il nostro organismo