I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Melagrana ‘superfood’, il segreto in una molecola allunga-vita

Permette alle cellule muscolari di proteggersi contro una delle principali cause di invecchiamento

Pubblicato il 12/07/2016 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Rappresenta davvero il 'superfood' per eccellenza, in grado di contrastare il processo di invecchiamento? Fino ad ora, le prove scientifiche erano piuttosto deboli. Ma ora per il melograno e i suoi frutti, di solito consumati in succo, arriva la 'promozione' scientifica: un team di scienziati dell'Ecole Polytechnique Fédérale di Losanna (Svizzera) ha infatti scoperto che una molecola presente nelle melagrane, che viene elaborata dai microbi dell'intestino umano, permette alle cellule muscolari di proteggersi contro una delle principali cause di invecchiamento. Nei nematodi e nei roditori, l'effetto è apparso a dir poco sorprendente. Studi clinici sono in corso, ma questi primi risultati sono già stati pubblicati sulla rivista 'Nature Medicine'.

GUARDA IN ALTO IL VIDEO: Tutti i benefici della melagrana

Gli esperti hanno identificato una molecola che, da sola, riesce a ristabilire la capacità delle cellule di riciclare i mitocondri (i loro 'centri d'energia') difettosi: si chiama urolitina A. "E' una sostanza completamente naturale, e il suo effetto è potente e misurabile", assicura Patrick Aebischer, autore dello studio. Ad esempio, nei vermi C. elegans, terreno di prova preferito dagli studiosi di invecchiamento perché dopo soli 8-10 giorni sono già considerati 'anziani', la sopravvivenza a seguito dell'esposizione a urolitina A è aumentata di oltre il 45%, rispetto al gruppo di controllo. Anche negli studi sui roditori è stato osservato un solido processo di riciclo cellulare, con un 42% in più di resistenza durante l'allenamento fisico.

Prima di uscire a fare scorta di melagrane, tuttavia, vale la pena notare che questi frutti non contengono la miracolosa molecola, ma piuttosto il suo precursore, convertito in urolitina attraverso i batteri che popolano l'intestino. A causa di questo, la quantità di urolitina può variare ampiamente, a seconda della specie animale e della flora presenti nel microbioma intestinale di chi consuma melagrane. E alcuni individui non la producono affatto. E se si è fra questi sfortunati, è possibile che il buon succo di frutta non abbia effetti benefici.

Per coloro che non possiedono i microbi adatti, tuttavia, gli scienziati stanno già lavorando a una soluzione: gli autori dello studio hanno fondato la start-up Amazentis, che ha sviluppato un metodo per fornire dosi finemente calibrate di urolitina A pronte per il consumo. La società sta attualmente conducendo i primi studi clinici in alcuni ospedali europei. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

Corsi - Prevenzione a tavola

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Corsi - Prevenzione a tavola

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Cosa significano i numeri e le lettere sulle uova?

Importante informarsi per sapere che tipo di uova stiamo acquistando

Le uova non aumentano il colesterolo né rovinano il fegato

Sfiatiamo un falso mito e facciamo chiarezza sul ruolo delle uova nella nostra alimentazione

La pasta madre: proprietà, benefici e vantaggi in cucina

Anche chiamato lievito madre, migliora la regolazione della glicemia e la digeribilità dei prodotti