I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Dieta vegana: cosa rischiano i nostri bambini

In questi anni l’approccio, anche culturale, ai temi dell’alimentazione è cambiato molto

Pubblicato il 12/07/2016 da Prevenzione a tavola

DUE CASI di cui si è avuta notizia nell’arco di pochissimi giorni hanno fatto riesplodere la questione delle diete vegane per i bambini. A Monza una mamma ha ottenuto dal Tribunale che la dieta vegana fosse garantita al figlio anche a scuola; a Milano un bimbo di un anno è finito gravissimo in ospedale proprio perché i genitori lo nutrivano in quel modo e non secondo metodi tradizionali. A me sembra un gran pasticcio. Eleonora V. - Monza

IN QUESTI ANNI l’approccio, anche culturale, ai temi dell’alimentazione è cambiato molto. E sono emerse anche nuove sensibilità circa questa materia. Senza contare che l’integrazione, nella nostra società, di persone provenienti da Paesi lontani, con abitudini e tradizioni diverse dalle nostre, ha inevitabilmente portato a un dibattito sulla dieta vegana. Il caso di Monza, piuttosto complesso e delicato, è stato risolto dai giudici e non è certo questa la sede per esaminare o discutere una sentenza. L’episodio del bimbo di Milano, portato al Fatebenefratelli in condizioni critiche, riporta d’attualità un problema noto ma forse non adeguatamente affrontato. Quello, cioè, dei cosiddetti «bambini invisibili». Chiamati così perché sconosciuti ai pediatri, nonostante regolarmente iscritti all’anagrafe. Bimbi nati all’interno di famiglie disagiate, con problematiche complesse e che per questo andrebbero rintracciati dalla macchina sanitaria e seguiti, come i figli delle coppie più normali e attente. Della loro dieta si occuperebbe il medico e non i genitori. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Corsi - Prevenzione a tavola

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

Corsi - Prevenzione a tavola

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?

Alla scoperta del topinambur, l’ortaggio che vi cambierà la vita

Il topinambur combina proprietà diuretiche con doti benefiche per abbassare la glicemia