I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Ogni anno annegano 100 giovani e 9 bimbi sotto i 4 anni

Oltre 2.500 casi dal 2003 al 2012. Iss,obiettivo dimezzare cifre

Pubblicato il 11/07/2016 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Mancanza di barriere nelle piscine, sorveglianza inadeguata, scarsa abilità al nuoto e poca consapevolezza dei pericoli. Oltre 2.500 persone in un decennio sono morte in Italia per annegamento nelle acque di piscine, mari, fiumi e laghi. E ogni anno, in particolare, a perdere la vita sono 9 bimbi sotto i 4 anni e circa 100 giovani, soprattutto se maschi e in condizioni economiche meno agiate. Morti in gran parte evitabili. A fare il punto su un problema che torna d'attualità nei mesi estivi, è l'Istituto Superiore di Sanità (Iss) nel rapporto "Incidenti in acque di balneazione: verso una strategia integrata di prevenzione degli annegamenti".

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Secondo i dati ISTAT, agli inizi degli anni '70 in Italia si verificavano 1200-1300 annegamenti l'anno. Nel 1995 il numero era sceso a circa 400, una riduzione del 70% che "dimostra - secondo gli esperti dell'Iss - l'efficacia di una serie di misure preventive", come capacità di nuotare, ruolo degli organi di stampa nel far comprendere i rischi e sorveglianza nelle spiagge. Tuttavia, da allora il numero delle vittime è rimasto pressoché costante. E dal 2003 al 2012 sono morte per annegamento complessivamente 2.530 persone, delle quali 432 in Lombardia, 344 in Veneto, 201 in Emilia Romagna, 196 in Piemonte, 189 in Sicilia, 157 nel Lazio, 145 in Puglia, 141 in Sardegna, 134 in Toscana, 109 in Campania.

Incidenti che si verificano soprattutto in spiagge con molta pendenza dei fondali, dove col mare agitato si possono formare pericolose correnti di ritorno e buche, ma anche arenili senza sorveglianza e segnaletica dei pericoli. Non mancano comportamenti ad alto rischio, come il consumo di alcol prima della balneazione o fare il bagno dopo aver mangiato. Dall'Organizzazione Mondiale della Sanità quindi arriva la richiesta di definire strategie, privilegiando la prevenzione.

Promuovere un migliore controllo in acqua da parte dei genitori ed stendere la sorveglianza anche alle spiagge libere, sono soltanto alcuni degli obiettivi contenuti nel Piano di Prevenzione dell'Iss, che punta, nel triennio 2016-2018, a dimezzare la mortalità per annegamento in Italia e azzerare, in particolare, quella dei bambini. Intanto, alcuni consigli, in particolare ai genitori, arrivano dalla Società Italiana di Medicina Emergenza Urgenza Pediatrica (Simeup).

"Prevenzione prima di tutto", spiega all'ANSA il presidente Riccardo Lubrano, "quindi mai distogliere gli occhi se i bimbi sono in acqua, anche se a riva, e recintare piscine o tenerle coperte quando non utilizzate". Per quanto riguarda il salvataggio, "appena la vittima è a terra iniziare un massaggio cardiaco e una ventilazione in attesa dei soccorsi. Consigliamo a tutti di seguire corsi di primo intervento (Basic Life-Support BLS) tenuti da strutture certificate. Ma la cosa più importante è che i bambini abbiamo confidenza con l'acqua e non si spaventino se entra nelle vie aeree, perché uno dei più grandi problemi in questi casi è la paura". Via libera quindi a "corsi di acquaticità già a partire dai 3 anni" (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco cosa succede a mangiare un uovo al giorno

Nuovo studio riabilita l'alimento: riduce il rischio cardiovascolare

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Corsi - Prevenzione a tavola

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo