I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Via libera Regioni a Livelli assistenza ma pesa nodo fondi

Lorenzin, Lea dopo 15 anni, grande giorno

Pubblicato il 08/07/2016 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Dopo 15 anni dalla loro entrata in vigore, nel 2001, arriva oggi il via libera della Conferenza delle Regioni ai nuovi Livelli essenziali di assistenza (Lea) aggiornati, ovvero le prestazioni e le cure erogate dal Servizio sanitario nazionale (Ssn) ai cittadini gratuitamente o pagando un ticket. Un semaforo verde, quello da parte dei governatori, molto atteso e che il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, saluta con soddisfazione. Ma sul tavolo resta il nodo dei finanziamenti.

''Nuovi Lea dopo 15 anni, nuovo nomenclatore protesi e ausili dopo 17, piano vaccini approvato: un grande giorno per la Sanità italiana'', ha commentato il ministro con un post su Facebook. I Lea, infatti, comprendono anche il nuovo Piano vaccinale 2014-16, con uno stanziamento previsto di 200 mln. Ma il 'sì' delle Regioni prevede dei 'paletti': ''Le Regioni hanno dato il sì all'accordo sui nuovi Lea - ha detto l'assessore Sergio Venturi, coordinatore vicario della Commissione Sanità della Conferenza delle Regioni - chiedendo che per il 2016 il Decreto del presidente del Consiglio dei ministri vada avanti e sbloccando quindi di fatto la questione Lea.  C'è da fare cioè un lavoro di riquantificazione per il 2017, mentre per il 2016 non ci sono problemi''. A confermarlo lo stesso presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini: ''Abbiamo raggiunto l'accordo all'unanimità, rassicuriamo quindi per quel che riguarda le risorse per il 2016 le Regioni. Ora va fatta una valutazione in sede tecnica per valutare quel che potrà servire per il 2017''.Un giudizio critico arriva invece dalla Fp-Cgil secondo cui i Lea ''senza finanziamenti adeguati in sanità - afferma il segretario Massimo Cozza - rischiano di rimanere sulla carta''. E per l'Associazione Coscioni, va bene l'assenso delle Regioni ma ''non si ha ancora notizia di un altro 'assenso' forse anche più importante: quello della Ragioneria Generale dello Stato che ha bloccato i Lea dal 2008 negando la famosa 'bollinatura', cioè il via libera alle forme di copertura''. Basta, è la richiesta, ''al gioco delle tre carte Ministero-Regioni-Ragioneria Generale''. Quanto alle nuove cure che saranno garantite ai cittadini con i Lea aggiornati, come già annunciato dalla stessa Lorenzin, dovrebbero entrare nelle lista delle prestazioni erogate dal Ssn l'epidurale per il parto indolore, i trattamenti per la fecondazione assistita omologa ed eterologa, le cure per l'endometriosi, per la ludopatia, per l'autismo, le indagini cliniche per la diagnosi della celiachia, i trattamenti per alcune malattie croniche, per oltre 100 nuove malattie rare e l'adroterapia oncologica (il trattamento dei tumori mediante l'impiego di protoni e e ioni carbonio). (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

L’olio extravergine d’oliva protegge da infarti e ictus

Il merito è di una proteina salva-cuore

Nel tuorlo d’uovo in segreto per non perdere i capelli

Secondo uno studio giapponese si nasconde un possibile composto contro l'alopecia

La dieta mediterranea allunga la vita degli anziani

Perché riduce del 25% il rischio di morte per qualsiasi causa negli over-65

Le fragole contrastano le malattie infiammatorie croniche intestinali

Secondo studio possono essere utili contro morbo di Chron e colite ulcerosa

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco perché le cicerchie fanno bene

Proprietà e benefici delle cicerchie

Cicerchie: tra falsi miti e realtà

In passato ingiustamente demonizzate, oggi le cicerchie sono oggetto di riscoperta

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Corsi - Prevenzione a tavola

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino