I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Allergia al melone, mix con reattività ai pollini

Esistono casi di reazioni allergiche, con edema delle labbra e della bocca

Pubblicato il 05/07/2016 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Nella stagione estiva si torna a mangiare il melone (Cucumis melo), ma questo dolce frutto nasconde qualche insidia. Esistono casi di reazioni allergiche, con edema delle labbra e della bocca che si manifestano immediatamente o al massimo entro una mezz'ora o un'ora dal contatto con l'alimento. Lo spiega l'allergologo Renato Ariano della rete di monitoraggio Aaito (Associazione allergologi e immunologi territoriali e ospedalieri), associazione che dedica a questo problema un approfondimento sul sito pollinieallergia.net.

"Possono comparire anche altri sintomi, come orticaria diffusa o diarrea, ma di solito non si osservano sintomi più gravi. Molto spesso queste reazioni sono dovute a una cross-reattività con allergeni pollinici ai quali il soggetto era già sensibilizzato. Secondo alcuni autori, in questi soggetti si riscontra una maggiore percentuale di asmatici e vi è recentemente un incremento nella frequenza di sensibilizzazioni a pollini arborei (come l'olmo) e la composite (ambrosia)", spiegano gli allergologi.

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Possono anche entrare in gioco allergie nei confronti di altri tipi di frutta, come la pesca. Un'altra delle cause che possono essere responsabili di queste reazioni sono le profiline, dei panallergeni presenti nel regno vegetale. Molte reazioni allergiche alla frutta sono dovute alle profiline che sono condivise dai pollini degli alberi e delle piante infestanti, oltre che nella frutta.

"Circa un terzo delle allergie da polline sono dovute alle profiline - proseguono gli specialisti dell'Aaito - e questi stessi soggetti possono manifestare sintomi dopo aver mangiato non solo il melone, ma anche l'anguria, gli agrumi, pomodori e banana. Il soggetto allergico alle profiline spesso presenta skin prick test positivi nei confronti degli estratti di graminacee o betulla, ma anche della parietaria, dell'olivo e delle composite".

Di solito le profiline rappresentano gli allergeni minori dei pollini, in quanto sensibilizzano meno del 50% degli allergici a una determinata specie. Possono invece rappresentare degli allergeni maggiori (ovvero sensibilizzano oltre il 50% dei pazienti) in alcuni alimenti allergenici di origine vegetale. La prevalenza di sensibilizzazione oscilla tra il 20 e il 30% nei soggetti allergici alla betulla, alle graminacee e all'ambrosia.

"Siccome le profiline sono presenti nei pollini di numerose piante, ma anche in numerosi alimenti di origine vegetale, una sensibilizzazione allergica verso una profilina, a causa della elevata similitudine tra le diverse profiline, può portare cross-reattività tra parecchi pollini alimenti". Questo fenomeno è molto frequente, avvertono gli allergologi. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Corsi - Prevenzione a tavola

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Corsi - Prevenzione a tavola

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina