I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Due selfie alla pancia a distanza di 12 ore: ecco come ha fatto

Ecco l'esperimento della fitness blogger su Facebook

Pubblicato il 23/06/2016 da Prevenzione a tavola

Tiffany Brien, una fitness blogger, ha deciso di mostrare con due foto pubblicate sul suo profilo Facebook quanto il corpo non sia statico e perfetto ma estremamente suscettibile alle abitudini, allo stress e anche all’umore. Tiffany Brien si è scattata due selfie davanti allo specchio, identici, a distanza di 12 ore. Nel primo Tiffany sembra fuori forma con una pancia molto gonfia. Nel secondo selfie, scattato soltanto dopo 12 ore, Tiffany sembra molto più tonica e in forma con una pancia decisamente meno gonfia.

“Non tutti siamo ciò che sembriamo sui social network. Ho pensato di condividere una brutta giornata con voi per mostrarvi nessuno è perfetto ed è giusto avere un giorno di riposo in cui il nostro corpo decide semplicemente di non essere in sintonia con noi”, ha scritto la blogger. Per Tiffany però questa altalena di emozioni e di reazioni con il proprio corpo non è altro che un qualcosa di intrinsecamente femminile, e dunque un valore, oltre che la normalità.

“Non preoccupatevi ragazze, succede a tutte ed è una parte integrante dell’essere donna! È un delizioso mix di mancanza di sonno, stress, ormoni e intolleranze alimentari. Una miscela esplosiva che provoca un gran gonfiore. Può essere causato da qualcosa che si mangia o da una combinazione di stress, mancanza di sonno, stipsi, la cattiva abitudine di parlare mentre si mangia, celiachia, intolleranze alimentari”.

Cosa fare allora per far sparire il gonfiore?

Tiffany Brien consiglia: “Yoga, passeggiate con il cane, stare in piedi, guardare una serie tv, dormire, scrivere un diario del cibo e tenere d’occhio il gonfiore. Non fare esercizi perché è gonfiore, non grasso, e l’esercizio molto probabilmente non farà altro che peggiorare la situazione. Mangiare il giusto (non di meno, solo il necessario), bere tè alla menta per dare sollievo allo stomaco, rilassarsi ed essere felice”. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Corsi - Prevenzione a tavola

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Corsi - Prevenzione a tavola

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle