I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Anche il cuore vuole dormire, 5 ore a notte lo danneggiano

Non solo l'ipertensione, poco sonno crea danni cardiaci

Pubblicato il 08/06/2016 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Dormire solo cinque ore a notte altera i ritmi del battito cardiaco e gli effetti negativi sulla salute del cuore sono ancora peggiori se si dorme nelle ore sbagliate ,ossia di giorno.

Ad osservare le conseguenze di una quantita' di sonno inadeguata su un gruppo di 27 adulti sani e' un nuovo studio pubblicato sulla rivista 'Hypertension' a firma di Daniela Grimaldi della Northwestern university Feinberg School of medicine. La ricerca suona un campanello d'allarme in particolare per i lavoratori notturni.

IN ALTO IL VIDEO: Come intervenire in caso di infarto, ischemia e angina

I volontari sono stati divisi in due gruppi e per una settimana hanno dormito solo 5 ore ogni 24, ma un gruppo le ha dormite di notte e l'altro di giorno. I ricercatori hanno misurato ripetutamente una serie di marker:la pressione sanguigna,il ritmo cardiaco,la variazione degli intervalli tra un battito e l'altro, i livelli dell'ormone dello stress norepinefrina nelle urine, ecc.

Questi gli esiti del rapporto:la pressione sanguigna e'rimasta stabile, ma il ritmo cardiaco si e' innalzato in tutti i volontari. Nel gruppo costretto a dormire nelle ore diurne, i livelli di norepinefrina sono risultati piu' elevati, e la variabilita' del battito cardiaco e'scesa durante le ore di veglia. "La diminuzione della variabilita' del ritmo dei battito cardiaci e' considerata un'indicazione di rischio cardiovascolare", ha spiegato Grimaldi.

Ma i segnali piu' allarmanti sono stati osservati durante la cosiddetta fase di sonno a 'onde lente', quando usualmente la pressione ed il ritmo cardiaco si abbassano e permettono la 'ricarica' del muscolo cardiaco.

Nei volontari, di entrambi i gruppi il ritmo cardiaco e' invece aumentato. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Cosa mangiare per combattere il freddo

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Corsi - Prevenzione a tavola

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Corsi - Prevenzione a tavola

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale