I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Ha un tumore” e le asportano un polmone, ma aveva solo una bronchite

Protagonista dell'assurda vicenda un'insegnante di Cervia in pensione

Pubblicato il 23/05/2016 da Prevenzione a tavola

Le avevano diagnosticato un tumore maligno al polmone e per quello le avevano asportato completamente l'organo. Ma la diagnosi era sbagliata: la donna, un'insegnante di Cervia in pensione, aveva solo una bronchite.

La vicenda risale al 2012, come racconta Il Resto del Carlino, quando la donna ha fatto i primi controlli radiografici. Successive verifiche evidenziano un nodulo al polmone sinistro, finché la donna - oggi 77enne - viene ricoverata nella clinica convenzionata Maria Cecilia Hospital di Cotignola. Il nodulo viene asportato ma le cose si complicano.

Quando il nodulo viene inviato all’ospedale di Ravenna per un esame specifico (istologico intraoperatorio), la diagnosi che viene formulata è di quelle da capogiro: adenocarcinoma, ovvero un tumore del polmone particolarmente aggressivo tanto da avere una probabilità di sopravvivenza media ai 5 anni inferiore al 15%. Con quella diagnosi in mano, i chirurghi di Cotignola decidono di ampliare la rimozione. E, anche alla luce di alcune criticità, optano per rimuovere il polmone

Ma il referto istologico definitivo certifica che si trattava in realtà di bronchite obliterante cronica (Boop), una malattia infiammatoria del polmone.

La responsabilità dell’asportazione "del polmone sinistro è ascrivibile a questa errata diagnosi eseguita sul nodulo asportato durante l’intervento", è il parere del medico legale consultato dalla signora, il professor Adriano Tagliabracci, che parla di "errore diagnostico intraoperatorio compiuto dagli anatomopatologi che hanno armato la mano del chirurgo". L'avvocato della donna ha citato la Ausl Romagna e l'anatomopatologa che aveva formulato la diagnosi, mentre sia la dottoressa sia l’Ausl si sono già costituiti per chiedere che la richiesta dell’insegnante venga rigettata in quanto chi ha proceduto, lo avrebbe fatto rispettando tutte le linee guida e comunque nell’ambito di una situazione complicata che "poneva forti sospetti di tumore". (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Cosa mangiare per combattere il freddo

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Corsi - Prevenzione a tavola

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Corsi - Prevenzione a tavola

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale