I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Controlli antidroga nelle scuole con test salivari: la novità che fa discutere

Al via controlli anti-droga e anti-alcol a scuola: le modalità fanno discutere in Francia

Pubblicato il 20/05/2016 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Al via controlli anti-droga e anti-alcol a scuola: le modalità fanno discutere in Francia.

La conservatrice Valérie Pécresse, presidente della regione Ile de France, lo aveva promesso in campagna elettorale e adesso, nonostante le perplessità di molti, va avanti. La regione (quella attorno a Parigi) ha adottato infatti la sua proposta di finanziare dei test salivari per verificare l'assunzione della droga e dell'alcol nei licei, per lottare contro le dipendenze, "causa dell'abbandono scolastico".

"Nell'Ile de France c'è un vero e proprio flagello, che è l'abbandono scolastico. Alle radici di questo flagello possiamo mettere dei nomi nero su bianco: le dipendenze, la droga, l'alcol e i videogiochi, che sono un'altra forma di dipendenza", ha tuonato Pecresse.

Magrado l'opposizione della sinistra e l'astensione dell'estrema destra del Front national (FN), la regione chiederà a ogni istituto di "fornire un rapporto sul consumo di sostanze che danno dipendenza" e di identificare eventuali traffici nei pressi dei licei.

Per i dirigenti scolastici che lo richiederanno, i test salivari potranno dimostrarsi come degli "strumenti di diagnostica", condotti nel segreto medico e i cui risultati individuali non saranno trasmessi alla scuola ma alle famiglie o agli stessi studenti se sono già maggiorenni.

Si valuta anche la possibilità di individuare il consumo di droghe grazie all'analisi delle acque di scarico delle scuole superiori, "un sistema assolutamente anonimo" che però consentirà una "visione chiara ed obiettiva" del consumo in ogni liceo. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Corsi - Prevenzione a tavola

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Corsi - Prevenzione a tavola

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente