I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

E’ possibile eliminare definitivamente i tatuaggi?

Il tatuaggio ormai viene gradualmente eliminato con risultati estetici molto brillanti

Pubblicato il 18/05/2016 da
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

I tatuaggi sono ormai diffusissimi, bisogna sempre comunque seguire delle regole precise riguardo all’igiene e alla sterilità nell’eseguire un tatuaggio perché il rischio di passare al paziente alcuni batteri, virus o funghi è abbastanza elevato, alcuni virus tipo quello della epatite B o C e addirittura l’ HIV possono essere passati durante l’esecuzione di un tatuaggio. Altre complicazioni che possono creare i tatuaggi sono essenzialmente di carattere infiammatorio e riguardanti il settore allergologico perché alcuni pigmenti che vengono introdotti nella pelle, possono creare dermatiti o allergie da contatto e quindi tutta una serie di problemi di non facile risoluzione.

Inoltre si possono anche avere delle cicatrici non estetiche, quelle che definiamo cicatrici ipertrofiche o cheloidi che possono poi creare al medico delle difficoltà notevoli per l’eliminazione. Oggi vediamo molti pazienti, molte persone pentite del tatuaggio dopo averlo fatto, dopo un tempo più o meno lungo queste si pentono e vogliono cancellarlo, ormai su Internet gli utenti trovano di tutto, notizie di tutti i generi, ce le vengono a segnalare all’ultimo momento ed anche noi rimaniamo un po’ perplessi su alcune tecniche, diciamo che l’evoluzione che c’è stata in questi anni è molto importante, mentre prima si utilizzavano comunque sistemi ablativi, in cui il tatuaggio veniva asportato però a spese di un’abrasione cutanea, quindi il colore veniva cancellato, ma con il rischio di cicatrici veramente antiestetiche, oggi attualmente si usano delle tecniche tra cui un paio di laser molto interessanti, di cui il più utilizzato si chiama Q switched, è un laser con due lunghezze d’onda che emette impulsi nei nanosecondi, quindi miliardesimi di secondo e questo raggio colpisce esattamente alcuni tipi di colore, a seconda della lunghezza d’onda del raggio, frammentando il colore il quale poi viene eliminato in parte da alcune cellule della pelle che lo degradano e in parte dal ricambio dell’epidermide. Il risultato, in genere, è molto buono, occorrono però sicuramente diverse sedute, quando il paziente ci chiede di togliere il tatuaggio in tempi brevissimi viene subito scoraggiato perché i tempi sono quelli che ci devono essere, fisiologici,praticamente la pelle ha un suo ricambio e quindi il medico deve intervenire per isuccessivi trattamenti dopo almeno 30/40 giorni. Poi si è affiancato ultimissimamente un laser che lavora nel campo di picosecondi, addirittura quindi ancora più rapido e ancora con minori effetti collaterali e massima precisione.

Il tatuaggio quindi si può eliminare, non viene cancellato magicamente come una gomma , ma con sedute successive e quindi prendendosi dei tempi corretti, viene gradualmente asportato, con risultati estetici molto, molto brillanti.

Segui gli aggiornamenti della pagina Facebook del dottor Massimo Morelli



banner basso postfucina





Massimo Morelli

Massimo Morelli
Specialista in Dermatologia e Venereologia

Mi sono laureato e specializzato presso l’Università degli Studi di Milano nel 1987. Ho pubblicato articoli scientifici e partecipo regolarmente a numerosi corsi e convegni di dermatologia e medicina estetica. Frequento l’Istituto di scienze dermatologiche dell’Università di Milano. Ho esperienza ultra decennale nel campo della ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La ricetta degli Gnocchi di borragine

Se l'orto ti regala borragine, tu fanne gnocchi deliziosi

La ricetta dei Guadrotti di miglio con nocciole

Un dolce sano, senza glutine e squisito: eccovi la lista degli ingredienti e il procedimento

Torta di mele rovesciata

Oggi v'insegno la ricetta della mia squisita torta di mele rovesciata

Crema di zucca al profumo di rosmarino

Una crema da utilizzare per un dessert, oppure per fare delle crostate, o anche delle fragranti torte salate

Favette dei morti, ricetta e ingredienti

Per la ricorrenza odierna ho preparato un dolce tradizionale di molte regioni italiane, le favette dei morti

Corsi - Prevenzione a tavola

Ricette autunnali, è online il nuovo corso di cucina di Prevenzione a Tavola

Menù giornalieri equilibrati per affrontare il cambio di stagione senza malanni

Giornata mondiale dell’alimentazione: tra coscienza e consapevolezza

Oggi in 150 Paesi si festeggia il World Food Day: da anni Prevenzione a tavola si batte per diffondere una corretta cultura del cibo

Pane di riso cotto fermentato

Una ricetta squisita che ci permette di recuperare gli avanzi di un pasto precedente. Ecco come si prepara

Corsi - Prevenzione a tavola

Pancake alle carote con farina di mandorla e semi di papavero

Una rivisitazione più sana, leggera e nutriente del famosissimo dolce americano per la prima colazione

Troppo fruttosio mette a rischio il fegato

Secondo un nuovo studio causa la steatosi epatica non alcolica

Chi mangia pasta ha un’alimentazione più sana e più ricca di nutrienti

E presenta un'assunzione giornaliera inferiore di grassi saturi e zuccheri aggiunti, rispetto a chi non la mangia

Con la soia diminuiscono le recidive di cancro al seno

La ricerca scientifica ha ampiamente dimostrato come il consumo di cibi tradizionali a base di soia riduca il rischio di recidive e mortalità

Quercetina: la molecola di frutta e verdura che contrasta il Covid-19

Si tratta della quercetina, contenuta in molti frutti, verdure e ortaggi comuni. E anche in vino rosso e thè. Ecco lo studio che dà una speranza in più nella lotta contro il coronavirus

Torta alle mele con grano saraceno ed estratto di liquirizia

La torta che prepariamo oggi è un piacere per le pupille gustative e anche per gli occhi. Ecco la ricetta della Torta alle mele con grano saraceno ed estratto di liquirizia

Le tortine di farro rivisitate da una nostra allieva

Valentina, una studentessa di Prevenzione a Tavola, ha realizzato una delle nostre ricette con qualche piccola variante che noi abbiamo molto apprezzato