I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Aprire un negozio bio: alcuni consigli per partire con il piede giusto.

Pubblicato il 13/05/2016 da Prevenzione a tavola

Il mercato dei prodotti bio è in continua ascesa. Sempre più persone, infatti, decidono di interessarsi in maniera attiva in merito all’origine e alla qualità dei prodotti che consumano. L’assenza di conservanti, additivi e OGM, la garanzia di un trattamento rispettoso nei confronti degli animali coinvolti nella produzione di alimenti, ma anche la provenienza dei beni da produttori locali, sono sempre più spesso criteri-chiave con i quali il consumatore si orienta nella vasta offerta che il mercato propone per effettuare una scelta consapevole per la propria salute e nel rispetto dell’ambiente, anche a costo di spendere qualche euro in più. Uno scenario decisamente incoraggiante, per chi stesse pensando di aprire una propria attività nell’ambito del commercio di prodotti biologici.

Se a questa congiuntura felice, poi, si sposa una passione personale e una conoscenza dei prodotti biologici, ecco che aprire un negozio di prodotti bio comincia ad essere un progetto davvero concretizzabile. Come succede con tutte le attività commerciali, è importante innanzitutto informarsi sulle varie formalità burocratiche necessarie, dalla scelta della forma giuridica, alla creazione di un business plan, alla ricerca di un locale adatto ad ospitare il negozio.

Anche la scelta dei fornitori rappresenta un momento cruciale. Per questo è bene spendere un po’ di tempo contattando i produttori a km 0 per individuare le aziende più “green” e i fornitori di prodotti che già si conoscono per valutare le proposte commerciali. La promozione di un’attività nel campo del commercio di prodotti bio può avvenire su diversi fronti. Accanto alle classiche forme di pubblicità, è una buona idea proporre delle attività collaterali, perfette per avvicinare il pubblico al punto vendita: degustazioni, seminari, corsi volti a creare curiosità e interesse nei confronti dei prodotti venduti.

Anche internet è ovviamente una risorsa da tenere in considerazione. La presenza online con un sito web e una pagina social sulla quale condividere notizie e novità, è al giorno d’oggi fondamentale per farsi conoscere. Il sito internet dovrebbe contenere aggiornamenti e potrebbe, per esempio, contenere un blog che recensisce i prodotti e dà consigli naturali sulla cura della casa e della persona: un servizio al cliente, ma anche un’astuta mossa per rendere il proprio sito ricco di contenuti rilevanti, al fine di una buona indicizzazione sui motori di ricerca.

Inoltre, al classico negozio fisico, si potrebbe aggiungere un e-commerce, in modo da raggiungere anche i clienti più distanti ed offrire loro il servizio di consegna a domicilio. Creare un sito internet efficace è diventato ormai estremamente semplice: è sufficiente scegliere il nome che si vuole registrare, completo di estensione e la propria presenza sul web è assicurata. Molti provider, come ad esempio 1&1, offrono la possibilità di registrare anche siti con estensione .bio e collegare ad essi pacchetti di hosting che includono pratici strumenti per la creazione di pagine web, adatti anche a chi non sa nulla di programmazione.

Si sa, siamo in un periodo che per molti risulta incerto dal punto di vista lavorativo. Per chi però sa affiancare una buona dose di imprenditorialità, la passione per il mondo bio e tanta creatività, quella di aprire un’attività in questo settore può essere davvero un’idea vincente.



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero

Corsi - Prevenzione a tavola

Grassi saturi: sempre più studi ribaltano tutto ciò che sapevamo finora

Oggi sono sempre più numerosi gli studi che ci raccontano tutta un’altra storia rispetto ai grassi cattivi

Il latte di soia fa male ai bambini?

Può essere dato ai bambini? Fa bene o fa male? È il giusto sostituto del latte?

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

Corsi - Prevenzione a tavola

Perché gli asparagi sono così buoni per la salute

Cinque ottimi motivi per mangiare gli asparagi e qualche ricetta per utilizzarli in cucina

L’olio extravergine di oliva fa ingrassare?

Quanti cucchiai bisogna consumarne, è meglio a crudo o cotto e altre risposte ai vostri dubbi

5 ottimi motivi per mangiare indivia

L'indivia è una verdura eccezionale per il nostro organismo

Le virtù del Pan di zucchero, la cicoria bianca

Stimola le funzioni intestinali,del fegato e dei reni. Ecco come cucinarla

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ecco cosa mangiare dopo i 60 anni

Ogni età ha la sua dieta: ecco come dovrebbe essere quella degli over 60

Soia ai bambini: sì o no?

Esisterebbe un rischio nel consumo abbondante e prolungato di prodotti di soia: i fitoestrogeni