I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Addio alla guardia medica di notte

Il sindacato dei medici boccia le novità introdotte dal governo

Pubblicato il 09/05/2016 da
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

“Non spegnere le luci all’assemblea medica notturna”. E’ l’appello rivolto al premier Matteo Renzi dal sindacato dei medici italiani che l’11 maggio sarà in sit-in davanti a Montecitorio per protestare contro lo “smantellamento della guardia medica notturna” e più in generale contro il nuovo atto di indirizzo per il rinnovo della convenzione di medicina generale.

La “riforma” prevede, tra le altre cose, che gli studi medici restino aperti 16 ore al giorno, dalle 8 alle 24, sette giorni su sette, mentre nelle ore notturne subentrerà il 118 con il servizio Emergenza Urgenza.

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

In sostanza dalla mezzanotte alle 8, per qualsiasi urgenza, dovremo chiamare il 118 o andare al pronto soccorso e la guardia medica diventerà una specie in via d’estinzione.

 LE CRITICHE DEL SINDACATO – Una rivoluzione che ha trovato da subito la contrarietà del Sindacato dei medici italiani, Cgil-Cisl-Uil e Simet. “Senza il filtro della guardia medica tutto verrà scaricato su un 118 che, a sua volta, sarà costretto a intasare i Pronto Soccorso, già al collasso”, denuncia la segretaria Generale Smi, Pina Onotri. Si tratta di un provvedimento “inadeguato è sbagliato”, continua il sindacato, “che nei piccoli comuni, porterà alla eliminazione della stessa presenza del SSN, e che in generale cancellerà 3 oltre milioni di interventi l’anno”.

A fare le spese della riforma, secondo il sindacato, saranno soprattutto i piccoli comuni, dove le guardie mediche sono essenziali per evitare ai pazienti di spostarsi fino al pronto soccorso.

“AL PRONTO SOCCORSO ANCHE PER UNA FEBBRE” – Secondo la Cgil così “si elimina chi è incaricato di visite domiciliari e consulenze telefoniche che possono risolvere il problema, evitando di andare in ospedale” e “si prevede di utilizzare il 118 per andare a vedere una febbre, un mal di pancia, un mal di schiena, con il rischio di lasciare scoperto quel paziente a cui il 118 può salvare la vita. Inoltre, per qualunque malore notturno si dovrebbe andare al pronto soccorso. Insomma, la notte tutti al pronto soccorso da soli o con il 118. Ciò evidentemente aumenterebbe le attese e anche le barelle perché si dovrebbero ospedalizzare di fatto più persone”.

Ma c’è anche chi è favorevole alla riforma, come la Federazione dei medici di medicina generale Fimmg, secondo cui “l’assistenza sarà garantita nelle sedici ore quando c’è una maggiore richiesta”. Il provvedimento, inoltre, dovrebbe unificare la guardia medica con i camici bianchi di base creando delle “aggregazioni territoriali funzionali” in grado di garantire assistenza per 16 ore su 24.(Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Ecco i cibi che fanno invecchiare

Conoscere per evitare i cibi che causano l'invecchiamento del nostro organismo

La salute dei capelli passa dall’alimentazione

Anche la nostra dieta mediterranea ci può aiutare a mantenere e a riportare la salute nei nostri capelli

Riso con mandorle e friggitelli

Una ricetta sfiziosa e inusuale per sorprendere i vostri ospiti e deliziare il palato

Tortine di farro con marmellata al limone

La ricetta di oggi è perfetta sia per fare una colazione nutriente e golosa, sia per godersi una merenda squisita. Ecco cosa vi serve per prepararla e il procedimento

Come scegliere un dolcificante: tradizione o formule chimiche?

Eritritolo o malto? Ecco qualche strumento in più che ci possa guidare nella scelta del dolcificante più sano.

Corsi - Prevenzione a tavola

Estate, l’alimentazione corretta

Per tenere sotto controllo il caldo, per idratarsi correttamente e rinfrescarsi attraverso le scelte alimentari più corrette

Anguria beach, un fresco aperitivo

Concediamoci un po' di relax con un aperitivo estivo a base di anguria

Umeboshi: cos’è, benefici e ricette

Alla scoperta dell'Umeboshi, la prugna essiccata dalle meravigliose proprietà terapeutiche

Corsi - Prevenzione a tavola

Salsa verde all’acetosella

Anche se non conoscevo proprio questa pianta, nella mia ricerca di ricette tradizionali sono incappata in questa ricetta sfiziosa e semplicissima

Il Corso Base si arricchisce di un nuovo capitolo e due ricettari

La nostra scuola cerca di dare il meglio ogni giorno di più, per questo ci sembrava giusto fornire ulteriori strumenti di apprendimento e comprensione ai nostri allievi che vogliono cambiare la propria alimentazione

Stroncatura, l’antica ricetta calabrese

Oggi andiamo in Calabria per un primo che dentro contiene il sapore del mare e del grano, dei mercanti e dei contadini: la stroncatura è un piatto veloce che si prepara con pochissimi ingredienti

Menopausa, l’alimentazione che ne allevia i sintomi

Consigli alimentari e pratici per vivere la menopausa come un'opportunità e non come un disturbo

Migliaccio, una ricetta antica dal sapore unico

Ecco la mia ricetta del migliaccio, un dolce a base di miglio e guarnito con la composta di albicocche

Combattere il caldo con la giusta alimentazione

Alcuni cibi e abitudini possono aiutarci a sopportare meglio le alte temperature di questo periodo

Treccine di mais senza glutine

Queste treccine si preparano in pochi minuti e si accompagnano benissimo ad una tazza di tè o un bicchiere di succo di frutta naturale