I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Immunoterapia, funziona sulle leucemie

Uno studio presentato negli Stati Uniti dai ricercatori italiani

Pubblicato il 28/04/2016 da Prevenzione a tavola

Lo studio del San Raffaele di Milano presentato al congresso dell’AAAS, AmerIcan Association for the Advancement of Science può rappresentare una vera svolta nella cura delle leucemie, soprattutto di quelle fulminanti e che non rispondono ai trattamenti, ed è una conferma della validità della immunoterapia, la nuova frontiera della lotta al cancro.

Potenziare il nostro stesso sistema immunitario contro la proliferazione incontrollata di cellule neoplastiche, dargli istruzioni diverse da quelle del tumore che riesce prima a camuffarsi, poi a sfruttare le nostre difese immunitarie per espandersi. Il team dell’ematologa Chiara Bonini, vicedirettore della Divisione di immunologia, trapianti e malattie infettive del San Raffaele è riuscito a trasformare, con l’editing genetico, particolari linfociti T di alcuni malati di leucemia acuta in cellule anticancro, una specie di vaccino vivente, come le ha definite Bonini.

Ogni tumore, come ogni organismo estraneo al corpo, viene riconosciuto dal sistema immunitario attraverso antigeni, una sorta di radiofaro che attrae le difese immunitarie permettendoci di sconfiggere una malattia: i proiettili con cui il nostro sistema immunitario uccide quelle cellule infette o mutate sono i linfociti: quelli T, con l’ingegneria genetica, sono stati resi capaci di intercettare sia gli antigeni sulla superficie della cellula, sia quelli al suo interno. In 10 malati di leucemia acuta che nel 2000 avevano avuto trapianto di midollo, i ricercatori del San Raffaele hanno scoperto che è restata la memoria immunologica dei linfociti T geneticamente modificati: ed infatti sono tutti guariti, e oggi hanno i livelli immunitari di una persona sana.

In Italia ci sono ogni anno più di 8.000 casi di leucemia,In base ai dati AIRTUM (Associazione Italiana Registri Tumori), nel nostro Paese le forme più frequenti sono la linfatica cronica (33,5% del totale delle leucemie), la mieloide acuta (26,4%), la mieloide cronica (14,1%) e la linfatica acuta (9,5%). (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero

Corsi - Prevenzione a tavola

Grassi saturi: sempre più studi ribaltano tutto ciò che sapevamo finora

Oggi sono sempre più numerosi gli studi che ci raccontano tutta un’altra storia rispetto ai grassi cattivi

Il latte di soia fa male ai bambini?

Può essere dato ai bambini? Fa bene o fa male? È il giusto sostituto del latte?

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

Corsi - Prevenzione a tavola

Perché gli asparagi sono così buoni per la salute

Cinque ottimi motivi per mangiare gli asparagi e qualche ricetta per utilizzarli in cucina

L’olio extravergine di oliva fa ingrassare?

Quanti cucchiai bisogna consumarne, è meglio a crudo o cotto e altre risposte ai vostri dubbi

5 ottimi motivi per mangiare indivia

L'indivia è una verdura eccezionale per il nostro organismo

Le virtù del Pan di zucchero, la cicoria bianca

Stimola le funzioni intestinali,del fegato e dei reni. Ecco come cucinarla

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ecco cosa mangiare dopo i 60 anni

Ogni età ha la sua dieta: ecco come dovrebbe essere quella degli over 60

Soia ai bambini: sì o no?

Esisterebbe un rischio nel consumo abbondante e prolungato di prodotti di soia: i fitoestrogeni