I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Immunoterapia, funziona sulle leucemie

Uno studio presentato negli Stati Uniti dai ricercatori italiani

Pubblicato il 28/04/2016 da Prevenzione a tavola

Lo studio del San Raffaele di Milano presentato al congresso dell’AAAS, AmerIcan Association for the Advancement of Science può rappresentare una vera svolta nella cura delle leucemie, soprattutto di quelle fulminanti e che non rispondono ai trattamenti, ed è una conferma della validità della immunoterapia, la nuova frontiera della lotta al cancro.

Potenziare il nostro stesso sistema immunitario contro la proliferazione incontrollata di cellule neoplastiche, dargli istruzioni diverse da quelle del tumore che riesce prima a camuffarsi, poi a sfruttare le nostre difese immunitarie per espandersi. Il team dell’ematologa Chiara Bonini, vicedirettore della Divisione di immunologia, trapianti e malattie infettive del San Raffaele è riuscito a trasformare, con l’editing genetico, particolari linfociti T di alcuni malati di leucemia acuta in cellule anticancro, una specie di vaccino vivente, come le ha definite Bonini.

Ogni tumore, come ogni organismo estraneo al corpo, viene riconosciuto dal sistema immunitario attraverso antigeni, una sorta di radiofaro che attrae le difese immunitarie permettendoci di sconfiggere una malattia: i proiettili con cui il nostro sistema immunitario uccide quelle cellule infette o mutate sono i linfociti: quelli T, con l’ingegneria genetica, sono stati resi capaci di intercettare sia gli antigeni sulla superficie della cellula, sia quelli al suo interno. In 10 malati di leucemia acuta che nel 2000 avevano avuto trapianto di midollo, i ricercatori del San Raffaele hanno scoperto che è restata la memoria immunologica dei linfociti T geneticamente modificati: ed infatti sono tutti guariti, e oggi hanno i livelli immunitari di una persona sana.

In Italia ci sono ogni anno più di 8.000 casi di leucemia,In base ai dati AIRTUM (Associazione Italiana Registri Tumori), nel nostro Paese le forme più frequenti sono la linfatica cronica (33,5% del totale delle leucemie), la mieloide acuta (26,4%), la mieloide cronica (14,1%) e la linfatica acuta (9,5%). (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Corsi - Prevenzione a tavola

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Corsi - Prevenzione a tavola

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti