I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Alcol e carne lavorata: la coppia killer che fa venire il cancro allo stomaco

Uno studio del World Cancer Research Fund ha per la prima volta dimostrato uno stretto legame tra il consumo di alcol e carne lavorata con il cancro allo stomaco

Pubblicato il 27/04/2016 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Un nuovo studio revisionale condotto dai ricercatori dell’Imperial College di Londra, per conto del World Cancer Research Fund (WCRF), ha dimostrato per la prima volta che vi è un forte e stretto legame tra il consumo di alcol e carne lavorata con il cancro allo stomaco.

Le cifre Secondo il rapporto del WCRF, a rischio elevato di sviluppare il cancro allo stomaco sono coloro che assumono tre o più bevande alcoliche al giorno – equivalenti a oltre 45 grammi di alcol. E che assumono anche l’equivalente di 50 grammi al giorno di carne lavorata, come per esempio due fette di pancetta. Insieme a ciò, ad aumentare il rischio sono alimenti come quelli in salamoia, sotto sale e il pesce essiccato, oltre a l’essere sovrappeso o obesi. Per fortuna, mangiare frutta come per esempio gli agrumi, pare possa far diminuire di un po’ il rischio.

Lo studio La revisione sistematica ha preso in esame 89 studi provenienti da tutto il mondo, e ha coinvolto in tutto 17,5 milioni di adulti e quasi 77.000 casi di cancro allo stomaco. Secondo i dati, a essere più soggetti al cancro allo stomaco sono gli uomini, rispetto alle donne. Come ‘carni lavorate’ nello studio sono stati inclusi prosciutto, pancetta e salumi in genere, salsicce e wurstel. «Questa nuova prova ci offre un quadro più chiaro – ha commentato la dott.ssa Rachel Thompson, a capo della ricerca presso il WCRF – Ora possiamo dire per la prima volta che bere alcol, mangiare carni lavorate ed essere in sovrappeso o obesi possono aumentare il rischio di sviluppare il cancro allo stomaco. Questi risultati si spera possano aiutare le persone a capire meglio ciò che aumenta il rischio di cancro in modo che possano prendere decisioni informate circa i loro stili di vita».

Risultati chiave In base al rapporto, così come riportato nella nota del WCRF, si legge che

  • C’è una forte evidenza che il consumo di circa tre o più bevande alcoliche al giorno aumenta il rischio di cancro allo stomaco.
  • C’è una forte evidenza che il consumo di cibi conservati sotto sale aumenta il rischio di cancro allo stomaco. La ricerca si riferisce principalmente agli alimenti ad alto contenuto di sale e cibi salati conservati, tra cui verdure sott’olio e sotto sale o pesce secco, come tradizionalmente preparato in Asia orientale.
  • C’è una forte evidenza che il consumo di carne lavorata aumenta il rischio di cancro non-cardias stomaco.
  • C’è una forte evidenza che l’essere sovrappeso o obesi aumenta il rischio di cancro allo stomaco cardias. Essere in sovrappeso o obesi è stata valutata mediante l’indice di massa corporea (BMI). (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Corsi - Prevenzione a tavola

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Corsi - Prevenzione a tavola

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati

Il colesterolo delle uova mette a rischio il cuore?

Nuovo studio riapre il dibattito sulle uova

Arriva la quinoa tutta italiana

Una varietà adattabile alle nostre condizioni climatiche di quinoa, lo pseudocereale delle Ande