Infezioni ospedaliere, fino a 2100 morti prevenibili all’anno

Ogni anno si contano fino a 2.100 morti per un’infezione contratta in ospedale, e che si sarebbe potuta prevenire. A dirlo sono gli esperti, riuniti oggi a Milano in un evento dedicato alle strategie di prevenzione e cura dei germi multiresistenti in ospedale. “Le infezioni ospedaliere – dichiarano gli specialisti – rappresentano la complicanza più frequente e grave dell’assistenza sanitaria.

Anche se in Italia non esiste un sistema di sorveglianza stabile, sono stati condotti numerosi studi: si può stimare che in Italia il 5-8% dei pazienti ricoverati contrae un’infezione ospedaliera. Ogni anno si verificano 450-700 mila infezioni in italiani ricoverati in ospedale, soprattutto urinarie o della ferita chirurgica, ma anche polmoniti e sepsi. Di queste, circa il 30% sono potenzialmente prevenibili (135-210mila), mentre si arriva al decesso nell’1% dei casi (1.350-2.100)”. Un quadro complicato anche dal fatto che i microbi possono sviluppare delle resistenze ai farmaci, e quindi vanificare gli sforzi dei medici per trattare le infezioni.

Secondo l’ultimo report dell’European Centre for Disease Prevention and Control sulle antibiotico resistenze a livello europeo, l’Italia è tra i primi paesi in Europa per il volume di antibiotici usati nell’uomo; l’antibiotico resistenza tra gli italiani “è tra le più elevate in Europa ed è quasi sempre al di sopra della media europea”. Le resistenze più alte sono al Centro e al Sud rispetto al Nord Italia, “in relazione con il maggior consumo umano di antibiotici registrato in queste aree geografiche”. (Fonte)

Condividi il post

Comincia il tuo nuovo stile di vita

Vogliamo divulgare e diffondere consapevolezza alimentare tramite ricette, consigli e organizzazione della dispensa, grazie alle proprietà e benefici degli alimenti.

Tieniti informato

Tieniti in-forma(to)

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti per ricevere ogni settimana consigli e ricette

Connettiti con noi sui social

Leggi le ultime e goditi i video su

© Prevenzione a tavola - Partita Iva: 02739610992 - REA: 507759



I nostri corsi sono validati da: