Mangiare di notte riduce la capacità di apprendimento e la memoria

La mamma ha sempre ragione: mangiare fuori orario fa male, soprattutto di notte. A darci la conferma di questa consapevolezza popolare sono anche i ricercatori della David Geffen School of Medicine della University of California, Los Angeles (UCLA) che, attraverso lo studio intitolato “Misaligned feeding impairs memories” e pubblicato su eLife, ci spiegano come mai sia importante seguire gli orari prestabiliti per la colazione, il pranzo e la cena e quali potrebbero essere i danni di reiterate mangiate fuori orario.

I test sono stati effettuati sui topi in laboratorio, ma, spiegano i ricercatori, si presuppone che i risultati riportati possano essere paragonabili a quelli che si otterrebbero se l’esperimento venisse replicato su di noi.

I ricercatori hanno testato l’abilità delle cavie di riconoscere un oggetto nuovo. Per riuscirci hanno messo in paragone le capacità degli animali che seguivano la regolare routine quotidiana e di quelli ai quali il cibo veniva somministrato invece durante quelle le ore di sonno. Così facendo, gli scienziati hanno notato che il secondo gruppo di topi faceva più fatica a riconoscere l’oggetto.

Successivamente, i ricercatori hanno testato gli effetti del pasto fuori orario anche attraverso esperimenti di condizionamento legati alla paura e hanno notato che, sempre per il secondo gruppo di topi, la loro memoria a lungo termine si riduceva di molto.

Sia la memoria e lungo termine che l’abilità di riconoscere un nuovo oggetto sono gestite dell’ippocampo, che in generale agisce sulle nostre capacità di associare le esperienze con la memoria e di organizzare e immagazzinare nuovi ricordi.

Gli scienziati spiegano inoltre che la memoria e la capacità di riconoscimento sono regolate da una proteina chiamata CREB (adenosina monofosfato ciclico) che, quando è meno attiva, induce ad un peggioramento della memoria.

Analisi effettuate sui topi, hanno mostrato che, nei soggetti nutriti durante l’orario di pasto, l’attività della CREB attraverso l’ippocampo era particolarmente ridotta.

Concludendo, i ricercatori della UCLA hanno dimostrato come e perché mangiare quando invece dovremmo dormire non faccia bene alla salute del nostro cervello. (Fonte)

Condividi il post

Torta di fiocchi d’avena

Possiamo vivere questo periodo di reclusione forzata come una splendida…

Tortine di mele con pasta madre

Il nostro Chef Francesco, dopo averci insegnato come preparare e…

Come preparare dei biscotti senza glutine per la prima colazione

Ieri ero ispirata, e quando sono ispirata creo. Volevo fare…

Comincia il tuo nuovo stile di vita

Vogliamo divulgare e diffondere consapevolezza alimentare, tramite ricette, consigli e organizzazione della dispensa grazie le proprietà e benefici degli alimenti.

Tieniti informato

Tieniti in-forma(to)

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti per ricevere ogni settimana consigli e ricette

Connettiti con noi sui social

Leggi le ultime su

Goditi i video su

Prevenzione a tavola è un marchio registrato - P.I. 04215320963