I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Mangiare di notte riduce la capacità di apprendimento e la memoria

Mangiare nelle ore in cui invece dovremmo dormire può essere pericoloso per la salute del nostro cervello

Pubblicato il 06/04/2016 da Prevenzione a tavola

La mamma ha sempre ragione: mangiare fuori orario fa male, soprattutto di notte. A darci la conferma di questa consapevolezza popolare sono anche i ricercatori della David Geffen School of Medicine della University of California, Los Angeles (UCLA) che, attraverso lo studio intitolato “Misaligned feeding impairs memories” e pubblicato su eLife, ci spiegano come mai sia importante seguire gli orari prestabiliti per la colazione, il pranzo e la cena e quali potrebbero essere i danni di reiterate mangiate fuori orario.

I test sono stati effettuati sui topi in laboratorio, ma, spiegano i ricercatori, si presuppone che i risultati riportati possano essere paragonabili a quelli che si otterrebbero se l'esperimento venisse replicato su di noi.

I ricercatori hanno testato l'abilità delle cavie di riconoscere un oggetto nuovo. Per riuscirci hanno messo in paragone le capacità degli animali che seguivano la regolare routine quotidiana e di quelli ai quali il cibo veniva somministrato invece durante quelle le ore di sonno. Così facendo, gli scienziati hanno notato che il secondo gruppo di topi faceva più fatica a riconoscere l'oggetto.

Successivamente, i ricercatori hanno testato gli effetti del pasto fuori orario anche attraverso esperimenti di condizionamento legati alla paura e hanno notato che, sempre per il secondo gruppo di topi, la loro memoria a lungo termine si riduceva di molto.

Sia la memoria e lungo termine che l'abilità di riconoscere un nuovo oggetto sono gestite dell'ippocampo, che in generale agisce sulle nostre capacità di associare le esperienze con la memoria e di organizzare e immagazzinare nuovi ricordi.

Gli scienziati spiegano inoltre che la memoria e la capacità di riconoscimento sono regolate da una proteina chiamata CREB (adenosina monofosfato ciclico) che, quando è meno attiva, induce ad un peggioramento della memoria.

Analisi effettuate sui topi, hanno mostrato che, nei soggetti nutriti durante l'orario di pasto, l'attività della CREB attraverso l'ippocampo era particolarmente ridotta.

Concludendo, i ricercatori della UCLA hanno dimostrato come e perché mangiare quando invece dovremmo dormire non faccia bene alla salute del nostro cervello. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Mangiare frutta e verdura rende felici

Uno studio dimostra che il benessere individuale cresce all'aumentare delle porzioni di frutta e verdura

Se mangi cavolo viola la tua salute ti ringrazierà

Ricco di vitamine, ottimo per la salute degli occhi e per abbassare il colesterolo

Zuppa di borlotti con maltagliati fatti in casa

Berrino: come invecchiare in salute con la corretta alimentazione

Il cibo è la nostra arma più forte contro le malattie croniche

Come usare gli agrumi per combattere tosse, mal di gola, raffreddore

I trucchi del contadino a base di agrumi contro i malanni di stagione

Corsi - Prevenzione a tavola

Muffin con olive e capperi agli aromi

Oggi prepariamo di gustosi muffin salati buonissimi ma ottimi per il nostro organismo

Cosa mangiare per combattere il freddo

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Corsi - Prevenzione a tavola

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Veronesi: le sostanze anti-cancro di frutta e verdura

Come proteggerci dalle numerose sostanze potenzialmente cancerogene intorno a noi

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore