I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Mangiare di notte riduce la capacità di apprendimento e la memoria

Mangiare nelle ore in cui invece dovremmo dormire può essere pericoloso per la salute del nostro cervello

Pubblicato il 06/04/2016 da

La mamma ha sempre ragione: mangiare fuori orario fa male, soprattutto di notte. A darci la conferma di questa consapevolezza popolare sono anche i ricercatori della David Geffen School of Medicine della University of California, Los Angeles (UCLA) che, attraverso lo studio intitolato “Misaligned feeding impairs memories” e pubblicato su eLife, ci spiegano come mai sia importante seguire gli orari prestabiliti per la colazione, il pranzo e la cena e quali potrebbero essere i danni di reiterate mangiate fuori orario.

I test sono stati effettuati sui topi in laboratorio, ma, spiegano i ricercatori, si presuppone che i risultati riportati possano essere paragonabili a quelli che si otterrebbero se l’esperimento venisse replicato su di noi.

I ricercatori hanno testato l’abilità delle cavie di riconoscere un oggetto nuovo. Per riuscirci hanno messo in paragone le capacità degli animali che seguivano la regolare routine quotidiana e di quelli ai quali il cibo veniva somministrato invece durante quelle le ore di sonno. Così facendo, gli scienziati hanno notato che il secondo gruppo di topi faceva più fatica a riconoscere l’oggetto.

Successivamente, i ricercatori hanno testato gli effetti del pasto fuori orario anche attraverso esperimenti di condizionamento legati alla paura e hanno notato che, sempre per il secondo gruppo di topi, la loro memoria a lungo termine si riduceva di molto.

Sia la memoria e lungo termine che l’abilità di riconoscere un nuovo oggetto sono gestite dell’ippocampo, che in generale agisce sulle nostre capacità di associare le esperienze con la memoria e di organizzare e immagazzinare nuovi ricordi.

Gli scienziati spiegano inoltre che la memoria e la capacità di riconoscimento sono regolate da una proteina chiamata CREB (adenosina monofosfato ciclico) che, quando è meno attiva, induce ad un peggioramento della memoria.

Analisi effettuate sui topi, hanno mostrato che, nei soggetti nutriti durante l’orario di pasto, l’attività della CREB attraverso l’ippocampo era particolarmente ridotta.

Concludendo, i ricercatori della UCLA hanno dimostrato come e perché mangiare quando invece dovremmo dormire non faccia bene alla salute del nostro cervello. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La ricetta degli Gnocchi di borragine

Se l'orto ti regala borragine, tu fanne gnocchi deliziosi

La ricetta dei Guadrotti di miglio con nocciole

Un dolce sano, senza glutine e squisito: eccovi la lista degli ingredienti e il procedimento

Torta di mele rovesciata

Oggi v'insegno la ricetta della mia squisita torta di mele rovesciata

Crema di zucca al profumo di rosmarino

Una crema da utilizzare per un dessert, oppure per fare delle crostate, o anche delle fragranti torte salate

Favette dei morti, ricetta e ingredienti

Per la ricorrenza odierna ho preparato un dolce tradizionale di molte regioni italiane, le favette dei morti

Corsi - Prevenzione a tavola

Ricette autunnali, è online il nuovo corso di cucina di Prevenzione a Tavola

Menù giornalieri equilibrati per affrontare il cambio di stagione senza malanni

Giornata mondiale dell’alimentazione: tra coscienza e consapevolezza

Oggi in 150 Paesi si festeggia il World Food Day: da anni Prevenzione a tavola si batte per diffondere una corretta cultura del cibo

Pane di riso cotto fermentato

Una ricetta squisita che ci permette di recuperare gli avanzi di un pasto precedente. Ecco come si prepara

Corsi - Prevenzione a tavola

Pancake alle carote con farina di mandorla e semi di papavero

Una rivisitazione più sana, leggera e nutriente del famosissimo dolce americano per la prima colazione

Troppo fruttosio mette a rischio il fegato

Secondo un nuovo studio causa la steatosi epatica non alcolica

Chi mangia pasta ha un’alimentazione più sana e più ricca di nutrienti

E presenta un'assunzione giornaliera inferiore di grassi saturi e zuccheri aggiunti, rispetto a chi non la mangia

Con la soia diminuiscono le recidive di cancro al seno

La ricerca scientifica ha ampiamente dimostrato come il consumo di cibi tradizionali a base di soia riduca il rischio di recidive e mortalità

Quercetina: la molecola di frutta e verdura che contrasta il Covid-19

Si tratta della quercetina, contenuta in molti frutti, verdure e ortaggi comuni. E anche in vino rosso e thè. Ecco lo studio che dà una speranza in più nella lotta contro il coronavirus

Torta alle mele con grano saraceno ed estratto di liquirizia

La torta che prepariamo oggi è un piacere per le pupille gustative e anche per gli occhi. Ecco la ricetta della Torta alle mele con grano saraceno ed estratto di liquirizia

Le tortine di farro rivisitate da una nostra allieva

Valentina, una studentessa di Prevenzione a Tavola, ha realizzato una delle nostre ricette con qualche piccola variante che noi abbiamo molto apprezzato