I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Ictus cerebrale: la prevenzione inizia a tavola

Seguire la dieta mediterranea riduce il rischio di esserne colpiti

Pubblicato il 05/04/2016 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

La dieta mediterranea potrebbe aiutare a prevenire l’ictus cerebrale. Il consumo regolare di olio extravergine d’oliva, frutta, verdura e pesce azzurro può, infatti, ridurre il rischio di esserne colpiti fino al 20%. Lo spiegano, in occasione della campagna: “Aprile mese della prevenzione dell’Ictus Cerebrale”, gli esperti della Federazione A.l.i.ce. Italia Onlus (Associazione per la lotta all’ictus cerebrale), secondo cui nell’80% dei casi la patologia non solo si può curare, ma si può anche prevenire. Ma come? Basta condurre uno stile di vita sano, combattere l’eccessivo peso corporeo e l’obesità, praticare un’attività fisica moderata e costante e, infine, seguire un’alimentazione salutare come la dieta mediterranea. Inoltre, è fondamentale tenere sotto controllo la pressione arteriosa fin dai 40 anni, soprattutto nei diabetici, fare attenzione a riconoscere l’aritmia cardiaca definita “fibrillazione atriale” e astenersi dal fumo.

IN ALTO IL VIDEO: I CIBI PER CONTRASTARE ICTUS

Gli specialisti precisano che l’ictus cerebrale si manifesta in seguito all'improvvisa chiusura o rottura di un vaso cerebrale. Rappresenta la seconda causa di morte a livello mondiale e la terza nei paesi industrializzati. Inoltre, si stima che entro il 2020 la mortalità per ictus dovrebbe raddoppiare a causa dell’invecchiamento della popolazione. Tuttavia, un cambiamento dello stile di vita, a partire dalle abitudini alimentari, potrebbe aiutare a prevenirlo.

Secondo A.l.i.ce., un incremento quotidiano di circa 200 grammidi frutta abbassa il pericolo di essere colpiti da ictus del 32%, mentre un aumento di due etti di verdura al giorno lo riduce dell’11%. Inoltre, aumentare il consumo di olio extravergine d’oliva di 23 grammi al giorno risulta inversamente associato all’incidenza di ictus (riduzione del rischio del 20%) e della mortalità (riduzione del rischio dell’11%).

Un valido alleato contro l’ictus cerebrale potrebbe essere rappresentato dalla dieta mediterranea. Questo regime alimentare è caratterizzato da un elevato apporto di frutta, verdura, legumi, cereali, olio extravergine d’oliva e pesce, mentre prevede un consumo moderato di carne e latticini. Permette di assumere diverse sostanze benefiche per l’organismo, come omega3, fibre, vitamina B6 e B12, calcio e potassio. Seguirla, pertanto, riduce anche il rischio di ipertensione, diabete, infarto, obesità e sindrome metabolica.

Sulla base dell’assunto che la “prevenzione inizia a tavola” gli esperti di A.l.i.ce. Italia Onlus (Associazione per la lotta all’ictus cerebrale), hanno quindi elencato cinque consigli dietetici, che dovrebbero essere seguiti fin dall’infanzia, per ridurre il pericolo di ictus cerebrale:

  • 1) consumare pesce almeno due volte a settimana, soprattutto salmone, pesce spada, pesce azzurro o trota;
  • 2) ridurre l’apporto di sale. Assumerne massimo 5 gr al giorno;
  • 3) consumare almeno tre porzioni di frutta e almeno due di verdura al giorno;
  • 4) limitare il consumo di grassi e condimenti di origine animale, preferendo quelli di origine vegetale;
  • 5) bere non più di due bicchieri di vino al giorno.

 Fonte



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Corsi - Prevenzione a tavola

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Corsi - Prevenzione a tavola

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti