I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Ictus cerebrale: la prevenzione inizia a tavola

Seguire la dieta mediterranea riduce il rischio di esserne colpiti

Pubblicato il 05/04/2016 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

La dieta mediterranea potrebbe aiutare a prevenire l’ictus cerebrale. Il consumo regolare di olio extravergine d’oliva, frutta, verdura e pesce azzurro può, infatti, ridurre il rischio di esserne colpiti fino al 20%. Lo spiegano, in occasione della campagna: “Aprile mese della prevenzione dell’Ictus Cerebrale”, gli esperti della Federazione A.l.i.ce. Italia Onlus (Associazione per la lotta all’ictus cerebrale), secondo cui nell’80% dei casi la patologia non solo si può curare, ma si può anche prevenire. Ma come? Basta condurre uno stile di vita sano, combattere l’eccessivo peso corporeo e l’obesità, praticare un’attività fisica moderata e costante e, infine, seguire un’alimentazione salutare come la dieta mediterranea. Inoltre, è fondamentale tenere sotto controllo la pressione arteriosa fin dai 40 anni, soprattutto nei diabetici, fare attenzione a riconoscere l’aritmia cardiaca definita “fibrillazione atriale” e astenersi dal fumo.

IN ALTO IL VIDEO: I CIBI PER CONTRASTARE ICTUS

Gli specialisti precisano che l’ictus cerebrale si manifesta in seguito all'improvvisa chiusura o rottura di un vaso cerebrale. Rappresenta la seconda causa di morte a livello mondiale e la terza nei paesi industrializzati. Inoltre, si stima che entro il 2020 la mortalità per ictus dovrebbe raddoppiare a causa dell’invecchiamento della popolazione. Tuttavia, un cambiamento dello stile di vita, a partire dalle abitudini alimentari, potrebbe aiutare a prevenirlo.

Secondo A.l.i.ce., un incremento quotidiano di circa 200 grammidi frutta abbassa il pericolo di essere colpiti da ictus del 32%, mentre un aumento di due etti di verdura al giorno lo riduce dell’11%. Inoltre, aumentare il consumo di olio extravergine d’oliva di 23 grammi al giorno risulta inversamente associato all’incidenza di ictus (riduzione del rischio del 20%) e della mortalità (riduzione del rischio dell’11%).

Un valido alleato contro l’ictus cerebrale potrebbe essere rappresentato dalla dieta mediterranea. Questo regime alimentare è caratterizzato da un elevato apporto di frutta, verdura, legumi, cereali, olio extravergine d’oliva e pesce, mentre prevede un consumo moderato di carne e latticini. Permette di assumere diverse sostanze benefiche per l’organismo, come omega3, fibre, vitamina B6 e B12, calcio e potassio. Seguirla, pertanto, riduce anche il rischio di ipertensione, diabete, infarto, obesità e sindrome metabolica.

Sulla base dell’assunto che la “prevenzione inizia a tavola” gli esperti di A.l.i.ce. Italia Onlus (Associazione per la lotta all’ictus cerebrale), hanno quindi elencato cinque consigli dietetici, che dovrebbero essere seguiti fin dall’infanzia, per ridurre il pericolo di ictus cerebrale:

  • 1) consumare pesce almeno due volte a settimana, soprattutto salmone, pesce spada, pesce azzurro o trota;
  • 2) ridurre l’apporto di sale. Assumerne massimo 5 gr al giorno;
  • 3) consumare almeno tre porzioni di frutta e almeno due di verdura al giorno;
  • 4) limitare il consumo di grassi e condimenti di origine animale, preferendo quelli di origine vegetale;
  • 5) bere non più di due bicchieri di vino al giorno.

 Fonte



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Corsi - Prevenzione a tavola

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero

Grassi saturi: sempre più studi ribaltano tutto ciò che sapevamo finora

Oggi sono sempre più numerosi gli studi che ci raccontano tutta un’altra storia rispetto ai grassi cattivi

Corsi - Prevenzione a tavola

Il latte di soia fa male ai bambini?

Può essere dato ai bambini? Fa bene o fa male? È il giusto sostituto del latte?

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

Perché gli asparagi sono così buoni per la salute

Cinque ottimi motivi per mangiare gli asparagi e qualche ricetta per utilizzarli in cucina

L’olio extravergine di oliva fa ingrassare?

Quanti cucchiai bisogna consumarne, è meglio a crudo o cotto e altre risposte ai vostri dubbi

5 ottimi motivi per mangiare indivia

L'indivia è una verdura eccezionale per il nostro organismo

Le virtù del Pan di zucchero, la cicoria bianca

Stimola le funzioni intestinali,del fegato e dei reni. Ecco come cucinarla

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali