I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

La carta di alluminio è pericolosa?

Un oggetto che usiamo quotidianamente e di cui a volte abbiamo timore. I rischi sono reali?

Pubblicato il 04/04/2016 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Carta di alluminio, carta stagnola, carta argentata. La si chiama in tanti modi diversi, la usiamo molto spesso e la consideriamo sicura. Sono però tanti i siti che riportano allarmi sulla sua pericolosità: c'è da fidarsi? I rischi sono veri?

Rassicuriamo i lettori: la carta di alluminio, se usata correttamente, non è pericolosa. Diciamo intanto che stiamo effettivamente parlando di una carta in alluminio laminato, mentre il nome stagnola è dovuto al fatto che un tempo si usavano carte a base di Stagno. Questo tipo di "carta" viene usata per conservare gli alimenti, oltre che per alcuni tipi di cottura, a causa della leggerezza e dell'alta conducibilità termica.

IN ALTO IL VIDEO: COME VIENE PRODOTTA LA CARTA D'ALLUMINIO

Si sa che l'alluminio non fa bene alla salute e per questo stanno crescendo le preoccupazioni sul fatto che un contatto con il cibo possa essere deleterio. Come scritto su Ilfattoalimentare.it, però, va innanzitutto precisato che le vaschette tipicamente usate per contenere gli alimenti sono rivestite internamente da materiale polimerico.

BufaleUnTantoAlChilo ha cercato di capire per bene se l'alluminio di vaschette e "carte" può essere considerato un pericolo e, come si legge, esistono fortunatamente numerose indicazioni preventive come l'etichettatura dei prodotti in alluminio e la segnalazioni di idoneità o meno in base a temperatura, tempo e tipo di alimento. L'obiettivo è sostanzialmente quello di evitare il più possibile la migrazione dell'alluminio.

La temperatura è chiave: si consiglia di conservare gli alimenti in alluminio refrigerato e per un tempo il più possibile minore per limitare la migrazione. A essere fondamentale è infatti la quantità, che fino a 60mg alla settimana è considerata tollerabile senza problemi: numerosi studi e documenti mettono in relazione la quantità di alluminio migrata nei cibi in base a tempi, temperatura e tipo di alimento e quello che si è visto è che i maggiori rischi si hanno con lunghi contatti, in luogo non refrigerato, con alimenti acidi o troppo salati. Si parla comunque di livelli non pericolosi, ma sono le stesse istituzioni a sconsigliarne l'uso in questi casi.

In conclusione, la carta di alluminio non è pericolosa, anche se conviene limitare il più possibile la conservazione per lunghi tempi e a temperatura ambiente, soprattutto per alimenti ricchi di acidi e sale. In ogni caso, si può sempre usare la pellicola. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

Corsi - Prevenzione a tavola

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo