I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Una tazzina di caffè al giorno allunga la vita e riduce rischio tumori

Bere un piccola dose di caffè ogni giorno potrebbe ridurre il rischio di sviluppare il cancro all'intestino

Pubblicato il 04/04/2016 da Prevenzione a tavola

Bere un piccola dose di caffè ogni giorno potrebbe ridurre significativamente il rischio di sviluppare il cancro all'intestino. E' la tesi sostenuta da alcuni ricercatori della University of Southern California, secondo i quali consumare solo una o due tazze di caffè al giorno ridurrebbe il rischio di neoplasie intestinali fino al 26 per cento. Come scrive 'The Independent', la percentuale tende ad abbassarsi drasticamente se si tratta di una tazzina di espresso.

"Gli effetti benefici del caffè variano a seconda del chicco, della tostatura e del metodo di preparazione - afferma Stephanie Schmit, autore principale dello studio pubblicato dalla American Association for Cancer Research - la buona notizia è che la diminuzione percentuale del cancro del colon-retto non è influenzata da un aroma o da un tipo particolare di caffè". La caffeina presente nel caffè, inoltre, non sarebbe la sola a 'proteggere' l'intestino, visto che gli stessi effetti benefici sono stati riscontrati anche in bevande decaffeinate.

Secondo i ricercatori, i responsabili delle proprietà benefiche della bevanda più amata dagli italiani sarebbero infatti antiossidanti e altre componenti chimiche. Anche se sembra ancora prematuro consigliare di bere più espresso per prevenire neoplasie intestinali, il coautore dello studio Stephen Gruber ha detto che "incoraggerà gli amanti del caffè a gioire del fatto che con la loro tazza di caffè quotidiana possono diminuire il rischio di sviluppare il cancro al colon-retto". "Prima di raccomandare il caffè come misura preventiva al cancro, però - conclude il ricercatore - abbiamo bisogno di svolgere ulteriori ricerche". (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

L’olio extravergine d’oliva protegge da infarti e ictus

Il merito è di una proteina salva-cuore

Nel tuorlo d’uovo in segreto per non perdere i capelli

Secondo uno studio giapponese si nasconde un possibile composto contro l'alopecia

La dieta mediterranea allunga la vita degli anziani

Perché riduce del 25% il rischio di morte per qualsiasi causa negli over-65

Le fragole contrastano le malattie infiammatorie croniche intestinali

Secondo studio possono essere utili contro morbo di Chron e colite ulcerosa

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco perché le cicerchie fanno bene

Proprietà e benefici delle cicerchie

Cicerchie: tra falsi miti e realtà

In passato ingiustamente demonizzate, oggi le cicerchie sono oggetto di riscoperta

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Corsi - Prevenzione a tavola

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino