I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Contrordine tatuaggi: fanno bene. Ecco perché

Secondo lo studio: Tatuarsi può stimolare il sistema immunitario in un modo molto simile alla vaccinazione

Pubblicato il 24/03/2016 da Prevenzione a tavola

C'è chi si tatua per avere più autostima, chi perché senza quel disegno sul corpo si sentirebbe perso, o ancora, per nascondere una cicatrice dopo un incidente. Oggi però potrebbe esserci un motivo in più per decorare in modo indelebile il proprio corpo, perché oltre ad essere diventato un 'accessorio' irrinunciabile per schiere di giovani, sembra che il tattoo, contrariamente a quanto si pensa, possa essere un vero toccasana per la salute.

Un'utopia? Non proprio, visto che a suggerire i benefici dell'inchiostro sotto pelle è uno studio pubblicato dall''American Journal of Human Biology', secondo il quale le persone con molti tatuaggi hanno una migliore risposta immunitaria rispetto a chi si tatua per la prima volta. Tatuarsi dalla testa ai piedi, insomma, rafforzerebbe il sistema immunitario. Come riporta 'Ball State Daily', per effettuare lo studio, i ricercatori della University of Alabama hanno raccolto i campioni della saliva di 29 persone prima e dopo essersi tatuate. I campioni di saliva erano utili per analizzare i livelli dell'immunoglobina A, un anticorpo coinvolto nella risposta immunitaria dell'organismo.

Ebbene, durante l'esperimento, mentre i livelli di immunoglobina A delle persone che si tatuavano per la prima volta si abbassavano, lo stesso non accadeva a quelli delle persone che avevano già molti tattoo. Questo perché, secondo i ricercatori, le persone con più tatuaggi svilupperebbero una forte vigilanza contro i fattori di stress connessi ai danni ai tessuti molli e di conseguenza anche il sistema immunitario risulterebbe, nel complesso, più forte.

"Tatuarsi può stimolare il sistema immunitario in un modo molto simile alla vaccinazione - si legge nell'articolo pubblicato sull'American Jorunal of Human Biology' - e far sì che il corpo diventi meno suscettibile a future infiltrazioni patogene". Secondo Christopher Lynn, professore di antropologia alla University of Alabama e co-autore dello studio, farsi un solo tattoo può equivalere ad abbassare temporaneamente le difese immunitarie.

"Quando si fa un tatuaggio i muscoli diventano doloranti - ha detto Lynn - ma quando se ne fanno diversi, il dolore svanisce e il sistema immunitario riesce a rinforzarsi. Dopo la risposta iniziale allo stress, il corpo ritorna a un punto di equilibrio". "Tuttavia - ha sottolineato Lynn - se si continua a stressare il proprio corpo più e più volte, dopo la tensione iniziale, la risposta immunitaria del corpo diventa 'più forte'". (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Corsi - Prevenzione a tavola

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali