I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Mangiare lontano dalla tv fa dimagrire: la dieta del crunch effect

Concentrarsi sul rumore della masticazione senza altre interferenze sonore induce a consumare meno cibo e quindi meno calorie: ne sono certi gli esperti che a questo metodo hanno dedicato uno studio

Pubblicato il 18/03/2016 da Prevenzione a tavola

Spegnere la tv come metodo alternativo alla lotta contro i chili di troppo: è questo il risultato a cui è giunto un gruppo di scienziati americani che ha dimostrato l'utilità del silenzio durante i pasti in uno studio pubblicato sulla rivista 'Food Quality and Preference'.

Secondo Gina Mohr della Colorado State University e Ryan Elder della Brigham Young University, l'unico rumore ammesso durante i pasti dovrebbe essere quello della bocca che si muove, poiché ascoltarsi aiuta a consumare meno cibo e quindi meno calorie secondo il cosiddetto 'effetto crunch'.

"Nella maggior parte dei casi" - dice Mohr - "consumatori e scienziati hanno sottovalutato il ruolo del 'suono dei cibi' come importante elemento sensoriale nell'esperienza del mangiare", e coprire con altri rumori quello prodotto dalla masticazione spinge ad assumerne più di quanto si farebbe senza interferenze acustiche.

È il 'Telegraph' a riportare il test compiuto dalla coppia di studiosi che in base ad alcuni esperimenti, ha notato come bastasse anche solo invitare una persona a pensare al rumore della bocca per ridurre il consumo di cibo. Ai partecipanti dell'indagine sono state fatte indossare delle cuffie per ascoltare della musica mentre mangiavano uno snack. In un gruppo le cuffie producevano suono forti, nell'altro no. Il risultato è stato che le persone del primo gruppo mangiavano 4 salatini, meno di 3 quelle del secondo. "Può sembrare poca cosa, ma nell'arco di una settimana, un mese, un anno diventa importante", garantisce Elder.

Mangiare davanti alla televisione è diventata negli anni un'abitudine sempre più diffusa: su 13 pasti consumati a casa ogni settimana, almeno 8 vengono assunti guardando la tv senza che i commensali si rivolgano parola, mentre 6 persone su 10 sono consapevoli del fatto che mangiare con un sottofondo televisivo sia una prassi in crescita, e ammettono di far parte di chi consuma cibo a schermo 'on'. (Fonte)

 



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Corsi - Prevenzione a tavola

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Corsi - Prevenzione a tavola

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati

Il colesterolo delle uova mette a rischio il cuore?

Nuovo studio riapre il dibattito sulle uova

Arriva la quinoa tutta italiana

Una varietà adattabile alle nostre condizioni climatiche di quinoa, lo pseudocereale delle Ande