I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Riciclava confetti avariati, i Nas chiudono un’azienda a Sulmona

Prodotti con muffe trattati ad alte temperature per recuperare le mandorle, venivano rivenduti come freschi. La truffa di un'azienda abruzzese

Pubblicato il 17/03/2016 da Prevenzione a tavola

“Rigenerava” i confetti scaduti. A ciclo continuo. Un’attività, che per un’azienda della Val Peligna,in Abruzzo, fruttava diverse migliaia di euro l’anno.

Il "giochetto" era semplicissimo: produceva confetti freschi riciclando i resi, ovvero i confetti restituiti al produttore perché scaduti. A scoprire la truffa ai danni della salute dei consumatori, sono stati icarabinieri del Nas di Pescara che durante un normale controllo hanno, da subito riscontrato gravi carenze igieniche e poi uno stoccaggio di centinaia di chilogrammi di confetti avariati che dovevano essere stati smaltiti.

Ma in che modo, l’azienda riciclava i confetti avariati e li rivendeva per matrimoni, battesimi, comunioni e lauree? Nonostante il confetto presentasse esternamente muffe o la patinatura ormai ingiallita, l’azienda aveva deciso di trattarli ad alte temperature tali da sciogliere la parte di zucchero e recuperare così la mandorla per poi riutilizzarla.

Ma questa non era la sola azienda a “maltrattare” i confetti e a riciclare quelli scaduti. Nel corso di una serie di controlli nelle numerose confetterie della valle Peligna, infatti, i carabinieri del Nas di Pescara hanno sequestrato circa 3000 chili tra confetti e materie prime scadute oppure carenti di informazioni sulla tracciabilità.

Cinque attività sospese

Ma in pochi giorni, solamente nella provincia di Pescara, i carabinieri hanno sospeso 5 attività del settore dolciario per gravi carenze igienico sanitarie e sequestrati circa 4.000 kg di alimenti privi di tracciabilità oltre alle centinaia e centinaia di confezioni di confetti.

Ad esempio, presso una pasticceria del centro di Pescara, anche questa mantenuta in precarie condizioni igienico sanitarie, i militari dell’Arma hanno trovato dolci tipici esposti per la vendita indicati come “di produzione propria” e “freschi”, mentre in realtà erano stati acquistati, surgelati da una importante industria dolciaria e poi successivamente scongelati.

Sempre nel capoluogo adriatico, una pasticceria produceva prodotti dolci tipici pasquali tra muffe e infiltrazioni dai soffitti delle cucine. Analoga situazione è riscontrata presso anche presso una pasticceria del teramano, i cui ambienti di lavorazione, vendita e stoccaggio, erano in pessime condizioni igienico sanitarie e strutturali. Per tutte e tre le strutture è stata disposta l’immediata sospensione dell’attività da parte delle ASL competenti.

Ma a Chieti e L’Aquila, i pasticcieri non sono stati molto più virtuosi. In tre siti di produzione di dolci e uova pasquali,  i carabinieri del Nas hanno scoperto uova, pizze e dolci tipici, privi delle indicazioni obbligatorie per legge sulle etichette e con parte della documentazione non idonea ad attestarne la tracciabilità. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Miele di corbezzolo, nuova arma contro il tumore

Bloccherebbe la crescita delle cellule del tumore al colon

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Corsi - Prevenzione a tavola

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Corsi - Prevenzione a tavola

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati

Il colesterolo delle uova mette a rischio il cuore?

Nuovo studio riapre il dibattito sulle uova