I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Crampi dolorosi e pancia gonfia? Potrebbe essere allergia al nichel

Ecco una lista dei cibi che contengono nichel e potrebbero farvi male

Pubblicato il 15/03/2016 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

I disturbi gastrointestinali non sono rari se si mangia uno dei tanti cibi in cui il minerale abbonda come legumi, spinaci, pomodori, cavoli, frutti come pere, prugne, albicocche, kiwi e ananas, frutta secca, cacao e farine integrali o avena, crusca e grano saraceno.

IN ALTO IL VIDEO: COME CAPIRE SE SI E’ ALLERGICI AL NICHEL

La pancia si gonfia e si hanno crampi dolorosi, senza però aver mangiato nulla di apparentemente “rischioso”: potrebbe non essere un’allergia ai cibi ma al nichel, un problema di cui soffre circa un italiano su cinque, soprattutto donne. In genere i sintomi sono cutanei, con rossore e prurito dopo il contatto con oggetti che contengono nichel, ma i disturbi gastrointestinali non sono rari se si mangia uno dei tanti cibi in cui il minerale abbonda come legumi, spinaci, pomodori, cavoli, frutti come pere, prugne, albicocche, kiwi e ananas, frutta secca, cacao e farine integrali o avena, crusca e grano saraceno. Quando l’allergia si manifesta soprattutto con il consumo dei cibi la diagnosi può non essere immediata, perché si pensa a colon irritabile e simili. In realtà per accertarlo basta un patch test, applicando il nichel sulla pelle e osservando l’eventuale reazione. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Ecco i cibi ricchi di Omega 3

Non sottovalutare il potere degli Omega 3, anti-infiammatorio naturale che contrasta psoriasi, colesterolo alto e protegge la vista

I carciofi sono facili da preparare: come pulirli e due ricette

L'autunno e l'inverno sono le stagioni perfette per gustare i carciofi: ecco come pulirli, prepararli e gustarli

Come preparare una deliziosa vellutata di carote e patate

Ingredienti e procedimento per una squisita vellutata, sana e nutriente

I cibi che fanno tornare il buonumore in inverno

Ecco i cibi che sorreggono il nostro umore, in quanto aiutano il rilascio di serotonina e rinforzano il sistema immunitario

Vivere più a lungo? Basta bere tè tre volte a settimana

Un nuovo studio afferma che il tè riduce il rischio di malattie cardiovascolari e il tasso di mortalità

Corsi - Prevenzione a tavola

Il cibo influenza subito la qualità del seme maschile

Troppi zuccheri peggiorano la qualità dello sperma, dieta sana la migliora. Ecco cosa mangiare

Il peperoncino allunga la vita: dimezza rischio di morte per ictus e infarto

Una buona notizia per gli amante del piccante, specie per chi lo usa 4 volte alla settimana

Colesterolo alto: cosa mangiare a Natale?

Ecco i cibi consigliati e quelli da evitare da mangiare durante le feste per chi soffre di colesterolo alto

Corsi - Prevenzione a tavola

Esagerare a cena mette in pericolo il cuore

Il cuore delle donne corre il rischio maggiore

Proteggi il tuo cuore con pasta integrale, peperoncino, caffè e cioccolato fondente

Gli alimenti, se scelti con cura e cucinati nella maniera giusta, sono i veri farmaci del futuro

DOLCI, online il nostro nuovo corso di cucina

Dolci squisiti senza zucchero ma con dolcificanti naturali più sani, senza farine raffinate e senza latte

L’aspartame è pericoloso per la salute?

Ecco cosa dicono alcuni studi recenti e come sono regolamentati in Europa gli additivi alimentari

Mela rosa dei Sibillini utile nella prevenzione di malattie cardiovascolari e neurodegenerative

Lo dimostrano i risultati di uno studio dell'Università di Camerino sulle proprietà salutistiche del frutto

Scampi e gamberi italiani pieni di microplastiche

I ricercatori delle Università di Cagliari e delle Marche hanno scovato un'alta concentrazione nei crostacei

Un avocado al giorno toglie il colesterolo cattivo di torno

La scoperta dei ricercatori americani: Bisogna includerlo nella propria alimentazione