I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Dieta mediterranea: cosa mangiare per dimagrire e stare bene

La dieta mediterranea è un vero e proprio stile alimentare, considerato tra i più salutari ed equilibrati

Pubblicato il 09/03/2016 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Seguire la dieta mediterranea apporta molti benefici al nostro organismo: migliora la memoria aiutando a prevenire malattie come l'Alzheimer, l'olio extravergine di oliva aiuta, infatti aiuta a migliorare la memoria a breve termine. Inoltre protegge il nostro organismo dallo stress ossidativo e riduce la probabilità di sviluppare malattie renali croniche. Secondo gli esperti poi, i veri benefici della dieta mediterranea derivano dal consumo giornaliero di frutta, verdura, legumi, cerali, carni bianche, riducendo invece al minimo il consumo di carni rosse, prodotti industriali e dolciumi. Consumare olio extravergine di oliva e frutta secca, aiuterebbe anche a prevenire ictus e infarti oltre alle malattie cardiovascolari.

IN ALTO UNA SETTIMANA TIPO DI DIETA MEDITERRANEA

Cosa mangiare nella dieta mediterranea Tra i carboidrati sono da preferire quelli a medio indice glicemico come: pasta, pane, riso e cereali integrali, e quelli a basso indice glicemico come yogurt, frutta secca (noci), mele. Carne magra: pollo, tacchino, manzo, grassi buoni ricchi di omega 3 contenuti nell'olio di oliva e in alcuni pesci come: salmone o orata, anche ricchi di vitamine B2 e PP oltre a minerali importanti come fosforo, iodio e ferro. Inoltre è consigliato il consumo di frutta e verdura di stagione che forniscono il giusto apporto di vitamine e sali minerali se inserite ogni giorno nella nostra alimentazione.

Esempio di dieta settimanale da 1200 kcal Per mangiare in modo sano, come consigliato dalla Dr. Grimaudo, seguendo la dieta mediterranea, e stare in forma, è importante fare cinque pasti al giorno, così da aiutare il metabolismo: colazione, spuntino, pranzo, spuntino pomeridiano e cena.

Colazione da 250 calorie: 150 ml di latte scremato con due fette biscottate o due biscotti secchi, meglio se integrali.

Spuntino da 100 calorie: uno yogurt greco o una macedonia

Pranzo da 400 calorie:  80 gr. di riso o pasta integrale con verdure o al pomodoro e un cucchiaio di olio extravergine di oliva.

Spuntino pomeridiano da 100 calorie: 1 succo di frutta senza zucchero o 1 yogurt.

Cena da 400 calorie: pesce da preparare lessato, al cartoccio o alla griglia condito con spezie e con contorno di verdure a piacere condite con un cucchiaio di olio extravergine e aceto balsamico e 40 gr. di pane integrale.

Dieta mediterranea: i benefici del pesce Sono davvero tanti infatti i benefici del pesce: uno studio condotto alla McGill University e pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition ha infatti dimostrato che il pesce potrebbe aiutare a prevenire il cancro, in particolare quello alla prostata. Ecco quali sono i pesci che non possono mancare sulla nostra tavola.

Orata: le orate sono pesci salutari, perché contengono una quantità di grassi limitata e sono ricche di omega 3; inoltre l'apporto del colesterolo è moderato. L'orata è ricca di vitamine come la B2 e la PP e fornisce energia al corpo umano grazie alle proteine e agli acidi grassi; buono anche il livello dei sali minerali come fosforo, iodio e ferro.

Branzino: conosciuto anche come spigola, è ricco di sali minerali tra i quali potassio, calcio, fosforo e magnesio ma al suo interno contiene anche le vitamine A, utile per migliorare la vista e la funzionalità della retina, e la vitamina D che favorisce l'assorbimento del calcio. È molto digeribile e unisce il gusto a una quantità limitata di calorie. È un alimento ottimo per gli sportivi ma anche per le mamme in gravidanza.

Cozze: hanno proprietà antiossidanti e sono fonte di proteine nobili. La vitamina B e i sali minerali combattono la stanchezza eccessiva, mentre il potassio aiuta a controllare la pressione. Grazie al contenuto di glucosamina inoltre è considerato un antibiotico naturale molto efficace per combattere dolori come artriti e reumatismi.

Ostriche: povere di grassi e ricche di ferro, al loro interno contengono anche zinco, iodio e potassio. È proprio lo iodio uno dei componenti più nutrienti e benefici dal momento che regola il livello di energia e rafforza unghie, capelli e migliora l'aspetto della pelle. Lo zinco fortifica il sistema immunitario e aiuta a curare le cicatrici.

Le donne che seguono la dieta mediterranea vivono più a lungo Le donne che seguono una dieta mediterranea hanno maggiori probabilità di vivere una vita più lunga e sana, lo dimostra una recente ricerca scientifica. Una regime alimentare ricco di frutta, verdura e pesce diminuisce le probabilità di malattie croniche e disturbi fisici e aumenta del 40% la possibilità di avere una vita sana oltre i 70 anni. La ricercatrice Cecilia Samieri ha condotto lo studio presso la Harvard Medical School e il Brigham and Women Hospital di Boston scoprendo che le donne di mezza età possono godere di una salute maggiore e di un vita più lunga se seguono con regolarità una dieta mediterranea. Coloro che una volta superati i 50 assumono cibi sani hanno il 40% in più delle probabilità di vivere a lungo. I ricercatori hanno valutato la dieta e le cartelle cliniche di più di 10.000 tra i 50 e i 60 anni, analizzando la loro salute 15 anni dopo. I risultati dimostrano che una maggiore assunzione di frutta, verdura, legumi, cereali integrali e pesce, unita ad una una minore assunzione di carni rosse, alcol e grassi saturi, fortifica il fisico e allunga l'aspettativa di vita. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Corsi - Prevenzione a tavola

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Corsi - Prevenzione a tavola

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati

Il colesterolo delle uova mette a rischio il cuore?

Nuovo studio riapre il dibattito sulle uova

Arriva la quinoa tutta italiana

Una varietà adattabile alle nostre condizioni climatiche di quinoa, lo pseudocereale delle Ande