I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Pane nero al carbone vegetale: le posizioni del Ministero

Pane al carbone: è davvero pericoloso o fa bene alla salute?

Pubblicato il 08/03/2016 da

Ormai l’argomento è sulla bocca di tutti: non si può produrre pane nero. O meglio, non lo si può fare quando a conferirgli il caratteristico colore è quel colorante, l’E153, da cui questo panificato prende l’altro nome con cui è noto, “pane al carbone vegetale”. L’E153 non è infatti altro che il carbone vegetale (o carbone attivo), un prodotto della combustione di alcuni tipi di legno già ampiamente utilizzato a scopo medico in base alle sue proprietà adsorbenti. La porosità che lo caratterizza permetterebbe infatti di assorbire i gas presenti nell’apparato digerente, riducendo fastidiosi gonfiori, anche se a onor del vero non tutti i medici concordano sulla sua reale utilità, soprattutto in presenza di condizioni, come la sindrome del colon irritabile, in cui i fastidi con cui si ha a che fare sono dovuti più a un aumento della sensibilità al gonfiore che a quello della produzione di gas. Forse proprio per questo da qualche mese a questa parte i panificatori hanno deciso di inserirlo nelle loro ricette; recentemente il Corpo Forestale dello Stato ha però proceduto al sequestro, in Puglia, di un ingente quantitativo di prodotti a base di carbone vegetale proprio perché il suo impiego sarebbe vietato per legge.

LEGGI ANCHE Il pane nero: una moda che potrebbe farci del male

Dopo a quella del pane al carbone, si è così finiti per assistere alla diffusione dei tentativi di chiarimento su se sia o meno lecito produrlo e su quali siano i benefici per la salute associati al suo consumo. A scendere in campo è stato anche il Ministero della Salute, che già lo scorso 22 dicembre ha diffuso una nota (47415 del 22 dicembre 2015) in cui ha precisato che “è ammissibile la produzione di un ‘prodotto della panetteria fine’ denominato come tale, che aggiunga agli ingredienti base (acqua, lievito e farina), tra gli altri, anche il carbone vegetale come additivo colorante e nelle quantità ammesse dalla regolamentazione europea in materia”, ma che tale prodotto non può essere denominato ‘pane’. Il Ministero precisa inoltre che non è nemmeno ammesso il riferimento al ‘pane’ nell’etichettatura di tale prodotto, nella sua presentazioni o nelle pubblicità, e che tale regola è valida sia nel caso dei prodotti preconfezionati che in quello dei prodotti sfusi. Continua a leggere…



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Ecco i cibi che fanno invecchiare

Conoscere per evitare i cibi che causano l'invecchiamento del nostro organismo

La salute dei capelli passa dall’alimentazione

Anche la nostra dieta mediterranea ci può aiutare a mantenere e a riportare la salute nei nostri capelli

Riso con mandorle e friggitelli

Una ricetta sfiziosa e inusuale per sorprendere i vostri ospiti e deliziare il palato

Tortine di farro con marmellata al limone

La ricetta di oggi è perfetta sia per fare una colazione nutriente e golosa, sia per godersi una merenda squisita. Ecco cosa vi serve per prepararla e il procedimento

Come scegliere un dolcificante: tradizione o formule chimiche?

Eritritolo o malto? Ecco qualche strumento in più che ci possa guidare nella scelta del dolcificante più sano.

Corsi - Prevenzione a tavola

Estate, l’alimentazione corretta

Per tenere sotto controllo il caldo, per idratarsi correttamente e rinfrescarsi attraverso le scelte alimentari più corrette

Anguria beach, un fresco aperitivo

Concediamoci un po' di relax con un aperitivo estivo a base di anguria

Umeboshi: cos’è, benefici e ricette

Alla scoperta dell'Umeboshi, la prugna essiccata dalle meravigliose proprietà terapeutiche

Corsi - Prevenzione a tavola

Salsa verde all’acetosella

Anche se non conoscevo proprio questa pianta, nella mia ricerca di ricette tradizionali sono incappata in questa ricetta sfiziosa e semplicissima

Il Corso Base si arricchisce di un nuovo capitolo e due ricettari

La nostra scuola cerca di dare il meglio ogni giorno di più, per questo ci sembrava giusto fornire ulteriori strumenti di apprendimento e comprensione ai nostri allievi che vogliono cambiare la propria alimentazione

Stroncatura, l’antica ricetta calabrese

Oggi andiamo in Calabria per un primo che dentro contiene il sapore del mare e del grano, dei mercanti e dei contadini: la stroncatura è un piatto veloce che si prepara con pochissimi ingredienti

Menopausa, l’alimentazione che ne allevia i sintomi

Consigli alimentari e pratici per vivere la menopausa come un'opportunità e non come un disturbo

Migliaccio, una ricetta antica dal sapore unico

Ecco la mia ricetta del migliaccio, un dolce a base di miglio e guarnito con la composta di albicocche

Combattere il caldo con la giusta alimentazione

Alcuni cibi e abitudini possono aiutarci a sopportare meglio le alte temperature di questo periodo

Treccine di mais senza glutine

Queste treccine si preparano in pochi minuti e si accompagnano benissimo ad una tazza di tè o un bicchiere di succo di frutta naturale