I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Ecco come evitare i Calcoli renali

Calcoli renali: le cause, i sintomi e i cibi da evitare

Pubblicato il 02/03/2016 da Prevenzione a tavola

I calcoli renali sono delle piccole aggregazioni di sali minerali che si formano nel tratto urinario e che si presentano come degli ammassi duri di cristalli, creati per precipitazione dei sali minerali contenuti nelle urine. Solitamente, l’urina contiene delle sostanze chimiche capaci di prevenire la formazione di questi ultimi, ma può capitare che gli inibitori non funzionino nel modo giusto. Quando i sali si aggregano tra loro danno vita prima ad un cristallo, cioè un micro-calcolo, e possono poi diventare sempre più grossi fino a raggiungere le dimensioni di una pallina da golf. I calcoli possono muoversi dalla sede di origine ed andare ad ostacolare il flusso di urina, causando dolore e infezioni urinarie che, se non curate, possono provocare anche danni irreversibili ai reni. Non devono essere confusi con i calcoli biliari, che sono dei sassolini che si sviluppano nella cistifellea perché la bile prodotta dal fegato si solidifica, provocando dolore nella parte destra dell'addome, sotto la spalla destra e mal di schiena

Le cause I calcoli renali sono molto diffusi, colpiscono il 3% della popolazione, in particolare gli uomini tra i 20 e i 40 anni, e le cause possono essere svariate. Innanzitutto, insorgono con facilità quando si consumano pochi liquidi o quando si soffre di disidratazione poiché la cosa favorisce il ristagno delle urine e quindi la precipitazione dei sali. Può trattarsi inoltre di un disturbo ereditario, di un’infezione cronica alle vie urinarie o di ipertiroidismo, anche se il più delle volte l’insorgere dei calcoli può essere legato ad una dieta sregolata. L’alimentazione infatti può eliminare e favorire la formazione di un problema simile.

I sintomi I sintomi dei calcoli renali non sempre si manifestano in maniera specifica poiché spesso il dolore arriva solo quando il cristallo si muove nelle vie urinarie, ostruendo il flusso dell’urina. Nel momento in cui succede, nascono le cosiddette coliche renali, cioè dei forti crampi dalla durata variabile dai 20 ai 60 minuti alla schiena, ai fianchi e all’inguine. Se il calcolo non riesce a essere espulso, i muscoli dell’uretere si contraggono, i dolori si fanno più intensi e può comparire del sangue nell’urina. Nei casi più gravi possono comparire anche febbre, brividi, nausea e vomito.

I cibi da evitare e la dieta da seguire Per evitare che si formino dei calcoli renali, è importante tenere sotto controllo la propria alimentazione. Innanzitutto è necessario ridurre l’uso del sale, così da permettere ai reni di lavorare con più facilità. Coloro che ne soffrono dovranno addirittura eliminarlo dalla propria alimentazione, evitando anche quei cibi già pronti ricchi di cloruro di sodio, come minestre pronte, dado, salumi, alimenti impanati. E’ importante inoltre limitare al minimo il consumo di altri nutrienti come calcio, sodio, ossalato, potassio e proteine, contenuti in cibi come noccioline, caffè, barbabietole, fagioli, more, lamponi, fragole ribes, rabarbaro, uva, cioccolato, arance, birra, pepe e noci. Tuttavia, è necessario ricorrere sempre ad un consulto medico, visto che l’eliminazione di alimenti simili potrebbe portare ad altri problemi come osteoporosi e perdita di massa ossea. Anche una dieta ricca di zuccheri potrebbe portare alla formazione dei calcoli renali poiché queste sostanze interferiscono con il metabolismo del calcio, del magnesio e dei minerali che si trovano nel corpo. Da evitare sono dunque le bibite gassate, i succhi già pronti e i cibi poveri di calorie. L’ideale è aumentare l’assunzione di liquidi, in particolare di acqua, tisane e succhi naturali, così da impedire che i calcoli si formino di nuovo o che aumentino di dimensione. E’ inoltre consigliabile non assumere in quantità eccessiva le proteine di origine animali, contenute in manzo, pollo, maiale, pesce, ma anche in uova, latticini, formaggio e burro. In questo modo, si ridurrà nell’urina la quantità di sostanze di scarto.

Cure Quando si presentano i calcoli renali, è bene rivolgersi immediatamente ad un medico, sia per placare il dolore, sia per poter seguire la cura ideale. In caso di coliche, vengono solitamente somministrati dei farmaci antispastici e analgesici per alleviare il dolore. Successivamente, si ricorrerà al metodo "colpo d'acqua", cioè si farà bere al paziente un litro d'acqua rapidamente, così da provocare una spinta urinaria che favorisca l’eliminazione del calcolo. Solo nel caso in cui quest'ultimo ha un diametro inferiore ai 4 millimetri, si avrà l'80% di possibilità di riuscita. Nel caso in cui il calcolo non viene espulso, si dovrà ricorrere a delle onde d'urto o ad una sonda magnetica, capaci di frantumare i cristalli, favorendo la loro fuoriuscita dalla vescica. Il trattamento chirurgico viene considerato la soluzione più aggressiva e viene evitato fin quando possibile.

Rimedi naturali Le coliche renali provocano dei dolori incredibili, paragonabili solo a quelli del parto. Per alleviarli in modo naturale, bisogna immergendosi in una vasca colma d’acqua molto calda. Il calore crea infatti un effetto vasodilatatorio e favorisce il rilassamento della muscolatura. Per facilitare l'espulsione dei cristalli si può inoltre ricorrere ad alcune piante dall'azione diuretica come betulla, tarassaco, verga d'oro e gramigna. Nel caso in cui il calcolo si è ormai formato, non c'è molto da fare se non seguire una cura specifica. E' possibile però prendere una serie di precauzioni per evitare la sua ricomparsa, come ad esempio seguire una dieta sana. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Corsi - Prevenzione a tavola

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Corsi - Prevenzione a tavola

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente