I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

La clorofilla contro vene varicose, artrite e per purificare il fegato

Un validissimo aiuto per la nostra salute e il nostro organismo

Pubblicato il 19/02/2016 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Questo pigmento verde non è solo importante per la sopravvivenza delle piante ma ha molti benefici anche per il nostro organismo. La clorofilla, che possiamo assumere sia da molte verdure come broccoli, cavolo, cicoria, spinaci, insalate oppure attraverso integratori, ha proprietà antianemiche, cicatrizzanti e abbassa il colesterolo cattivo nel sangue.

IN ALTO IL VIDEO DELLA DOTTORESSA CHE SPIGA COME ASSUMERE LA CLOROFILLA

È molto utile per l'intestino perché regola la flora batterica e agisce anche contro i radicali liberi, ha quindi proprietà anti invecchiamento. Purifica il fegato e viene utilizzata anche in caso di artrite ed è un valido aiuto in caso di vene varicose. Stimola in metabolismo ed è fonte di energia per l'organismo, inoltre viene utilizzata anche dopo l'influenza come ricostituente. Aiuta i globuli rossi a portare il ferro verso gli organi, ciò la rende anche utile in caso di anemia. Inoltre si è dimostrata efficace nel regolare il ciclo mestruale, e migliorando il lavoro del cuore, è utile anche nella prevenzione dell'ipertensione.

Dove trovare la clorofilla e come usarla Abbiamo detto che la clorofilla la troviamo anche in tutte le verdure a foglia verde, soprattutto quelle che hanno le foglie verde scuro, perché ne contengono una maggiore concentrazione. Possiamo assumerla quindi direttamente mangiando queste verdure (spinaci, insalata, broccoli, cicoria), meglio se crude o poco cotte o attraverso dei centrifugati. La troviamo però anche come integratore alla clorofilla, in forma liquida. L'assunzione consigliata è di 30 gocce in un po' d'acqua prima dei pasti, oppure in compresse e la dose suggerita è di una o due al giorno durante i pasti. Si acquista in farmacia o erboristeria ma, ovviamente, a consigliare gli integratori dovrà essere sempre il medico che li adatterà anche in base al nostro stato di salute. (fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Corsi - Prevenzione a tavola

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Corsi - Prevenzione a tavola

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina