I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Dall’Italia una nuova terapia contro la leucemia linfatica cronica

Nuova speranza contro la leucemia da un gruppo di ricercatori italiani

Pubblicato il 15/02/2016 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Un gruppo di ricercatori facenti capo al San Raffaele di Milano ha  scoperto che proprio ad uno degli infiniti difetti del sistema immunitario e ad un eccessivo carico di aggressività delle cellule denominate macrofagi si deve lo sviluppo della particolare forma tumorale del sangue, la cui crescita anomala è favorita proprio dall'azione dei macrofagi che si pongono come inconsapevoli alleati delle cellule cancerose.

La sensazionale scoperta operata dalla struttura meneghina consente quindi, una volta individuata la causa dell'aumento di virulenza della leucemia linfatica cronica, di intervenire sulla patologia mediante un approccio terapeutico rivoluzionario, basato sull'eliminazione selettiva dei macrofagi coinvolti nel processo e in un depotenziamento della loro azione realizzato grazie all'inibizione della molecola CSF1R.

Andando a bloccare l'azione della molecola coinvolta, risulta cioè possibile diminuire la portata dell'azione esercitata dai macrofagi sulle cellule sane e ridurre modalità e tempistiche relative alla diffusione del tumore del sangue, consentendo così di giungere ad una terapia molecolare efficace ad impedire alla patologia di trovare inaspettati alleati all'interno del nostro sistema immunitario.

L'azione prodotta dai macrofagi nel caso specifico della leucemia non è purtroppo che una delle infinite dimostrazioni di quanto le nostre difese immunitarie possano essere facilmente vittime di fraintendimenti che le portano ad attaccare il bersagli sbagliati e di quanto alcune specifiche patologie risultino curabili solo andando a depotenziare il sistema immunitario, checché ne dica il variopinto universo di internet e l'immaginario comune. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Le virtù del Pan di zucchero, la cicoria bianca

Stimola le funzioni intestinali,del fegato e dei reni. Ecco come cucinarla

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ecco cosa mangiare dopo i 60 anni

Ogni età ha la sua dieta: ecco come dovrebbe essere quella degli over 60

Soia ai bambini: sì o no?

Esisterebbe un rischio nel consumo abbondante e prolungato di prodotti di soia: i fitoestrogeni

Il latte vegetale più equilibrato è quello di soia

Studio ha analizzato latte di mandorla, soia, riso e cocco

Curcuma, la spezia che migliora la memoria e l’umore

Potrebbe contrastare anche l'Alzheimer. Ecco qualche ricetta per utilizzarla in cucina

Il miglior farmaco naturale si chiama melagrana

I suoi principi attivi sono utili nella prevenzione e nel trattamento di moltissime patologie

Ecco cosa succede al nostro corpo quando mangiamo cibo da fast food

I risultati di uno studio dell'Università di Bonn

I grani antichi sono davvero più sani di quelli moderni?

E' vero che sono più nutrienti e contengono meno glutine?

Come sbucciare la melagrana in 1 minuto

Ecco un trucchetto per aprire la melagrana facilmente

Mele e pomodori riparano i polmoni degli ex-fumatori

Rallentano il declino della funzione respiratoria anche per chi non fuma

La colazione per non sentire fame fino a pranzo

Sazia a spegne la fame nervosa, è una colazione talmente completa che possiamo evitare lo spuntino

Quante calorie contiene una fetta di panettone o di pandoro?

In ogni fetta sono contenuti 5 cucchiaini di zucchero che ci fa superare la soglia fissata dal OMS

Perché i broccoletti sono così buoni per la salute

Tutte i benefici dei broccoletti e qualche ricetta sfiziosa per cucinarli

10 valide ragioni per consumare i porri

I porri rappresentano un alimento che racchiude sorprendenti proprietà curative e nutrizionali.