I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Cosa mangiare in presenza di colesterolo alto

Ecco quali sono i grassi che si possono mangiare in presenza di colesterolo alto

Pubblicato il 04/02/2016 da Prevenzione a tavola

Quali sono i grassi che posso mangiare se ho il colesterolo alto? Facciamo un po’ di chiarezza per una corretta alimentazione!

Grassi saturi e rischio cardiovascolare

La quantità di grassi saturi (solidi a temperatura ambiente, come i grassi del latte, del burro, dei formaggi, i grassi delle carni), secondo uno studio pubblicato a metà agosto da un’autorevole rivista medica inglese1 (che riassume i risultati di tutti gli studi epidemiologici pubblicati sull’argomento) non influenzerebbe in alcun modo il rischio di infarto o di morte per qualunque causa.
Consumarne pochi o tanti, in altre parole, lascia del tutto invariato il rischio di questi eventi.
Attenzione: lo studio non dice che questi grassi non “alzano il colesterolo”, se consumati in quantità elevate, dice piuttosto che non aumentano il rischio di infarto o di morte, nonostante l’effetto sul colesterolo sia ben documentato.

Potrebbe interessarti anche Come ridurre naturalmente il colesterolo e i trigliceridi nel sangue

Forse l’assenza di effetti sul rischio di infarto è dovuta al contemporaneo aumento, che questi grassi cono capaci di indurre, del colesterolo “buono” HDL: ma su questo aspetto i pareri degli esperti sono divisi.
Il rischio di morte o di infarto aumenta invece in maniera significativa per chi consuma quantità elevate di particolari grassi insaturi, denominati “trans”. Questi grassi, presenti nelle vecchie margarine dure in panetto (ma non nelle più moderne, morbide e spalmabili, in genere presentate in vaschetta sugli scaffali dei supermercati), sono peraltro poco utilizzati nel nostro Paese, dove storicamente è sempre prevalsa la cultura dell’olio di oliva al centro sud, e del burro al nord. Sono tuttora reperibili soprattutto in alcuni prodotti da forno di non alta qualità (appaiono nelle etichette come “grassi vegetali parzialmente idrogenati”).

Grassi saturi e oli vegetali

Se sostituite in parte questi grassi (sia i saturi, e sia soprattutto i “trans”), con oli di origine vegetale (sia di oliva e sia di semi) fate qualcosa di ancora più utile per le vostre coronarie. Su una delle più importanti riviste cardiologiche americane (Li J et al, J Am Coll Cardiol 2015, 66:1538) esce infatti un articolo che mostra come la sostituzione dei saturi con monoinsaturi, e polinsaturi (ne sono ricchi, rispettivamente, l’olio di oliva e gli oli di semi) riduca il rischio di infarto del 15% e del 25%, sempre rispettivamente.

Cosa possiamo mangiare?

Potete mangiare un po’ più liberamente i grassi saturi (e specie quelli dei prodotti della filiera del latte, come latte, formaggi e burro): di per se’ non aumentano il rischio di infarto o di morte.
Nel Paese del Parmigiano, del Gorgonzola, dell’Asiago, del Bitto e di mille formaggi eccezionali questa notizia non può che farci piacere!
Ma se sostituite una parte dei saturi della vostra dieta con gli oli (sia di oliva e sia di semi) fate qualcosa di più: riducete il vostro rischio di incorrere in questi eventi.
Potete decidere voi, con equilibrio e buon senso (e tenendo conto delle vostre preferenze). State invece “alla larga” dagli insaturi trans (ricordate: in etichetta sono indicati come “grassi vegetali parzialmente idrogenati”). (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

I carciofi sono facili da preparare: come pulirli e due ricette

L'autunno e l'inverno sono le stagioni perfette per gustare i carciofi: ecco come pulirli, prepararli e gustarli

Come preparare una deliziosa vellutata di carote e patate

Ingredienti e procedimento per una squisita vellutata, sana e nutriente

I cibi che fanno tornare il buonumore in inverno

Ecco i cibi che sorreggono il nostro umore, in quanto aiutano il rilascio di serotonina e rinforzano il sistema immunitario

Vivere più a lungo? Basta bere tè tre volte a settimana

Un nuovo studio afferma che il tè riduce il rischio di malattie cardiovascolari e il tasso di mortalità

Il cibo influenza subito la qualità del seme maschile

Troppi zuccheri peggiorano la qualità dello sperma, dieta sana la migliora. Ecco cosa mangiare

Corsi - Prevenzione a tavola

Il peperoncino allunga la vita: dimezza rischio di morte per ictus e infarto

Una buona notizia per gli amante del piccante, specie per chi lo usa 4 volte alla settimana

Colesterolo alto: cosa mangiare a Natale?

Ecco i cibi consigliati e quelli da evitare da mangiare durante le feste per chi soffre di colesterolo alto

Esagerare a cena mette in pericolo il cuore

Il cuore delle donne corre il rischio maggiore

Corsi - Prevenzione a tavola

Proteggi il tuo cuore con pasta integrale, peperoncino, caffè e cioccolato fondente

Gli alimenti, se scelti con cura e cucinati nella maniera giusta, sono i veri farmaci del futuro

DOLCI, online il nostro nuovo corso di cucina

Dolci squisiti senza zucchero ma con dolcificanti naturali più sani, senza farine raffinate e senza latte

L’aspartame è pericoloso per la salute?

Ecco cosa dicono alcuni studi recenti e come sono regolamentati in Europa gli additivi alimentari

Mela rosa dei Sibillini utile nella prevenzione di malattie cardiovascolari e neurodegenerative

Lo dimostrano i risultati di uno studio dell'Università di Camerino sulle proprietà salutistiche del frutto

Scampi e gamberi italiani pieni di microplastiche

I ricercatori delle Università di Cagliari e delle Marche hanno scovato un'alta concentrazione nei crostacei

Un avocado al giorno toglie il colesterolo cattivo di torno

La scoperta dei ricercatori americani: Bisogna includerlo nella propria alimentazione

Gli integratori non sostituiscono un’alimentazione corretta né i farmaci

Il Ministero della Salute ha stilato un Decalogo per il corretto uso degli integratori: "non esistono prodotti miracolosi"