I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Cosa mangiare in presenza di colesterolo alto

Ecco quali sono i grassi che si possono mangiare in presenza di colesterolo alto

Pubblicato il 04/02/2016 da Prevenzione a tavola

Quali sono i grassi che posso mangiare se ho il colesterolo alto? Facciamo un po' di chiarezza per una corretta alimentazione!

Grassi saturi e rischio cardiovascolare

La quantità di grassi saturi (solidi a temperatura ambiente, come i grassi del latte, del burro, dei formaggi, i grassi delle carni), secondo uno studio pubblicato a metà agosto da un’autorevole rivista medica inglese1 (che riassume i risultati di tutti gli studi epidemiologici pubblicati sull’argomento) non influenzerebbe in alcun modo il rischio di infarto o di morte per qualunque causa. Consumarne pochi o tanti, in altre parole, lascia del tutto invariato il rischio di questi eventi. Attenzione: lo studio non dice che questi grassi non “alzano il colesterolo”, se consumati in quantità elevate, dice piuttosto che non aumentano il rischio di infarto o di morte, nonostante l’effetto sul colesterolo sia ben documentato.

Potrebbe interessarti anche Come ridurre naturalmente il colesterolo e i trigliceridi nel sangue

Forse l’assenza di effetti sul rischio di infarto è dovuta al contemporaneo aumento, che questi grassi cono capaci di indurre, del colesterolo “buono” HDL: ma su questo aspetto i pareri degli esperti sono divisi. Il rischio di morte o di infarto aumenta invece in maniera significativa per chi consuma quantità elevate di particolari grassi insaturi, denominati “trans”. Questi grassi, presenti nelle vecchie margarine dure in panetto (ma non nelle più moderne, morbide e spalmabili, in genere presentate in vaschetta sugli scaffali dei supermercati), sono peraltro poco utilizzati nel nostro Paese, dove storicamente è sempre prevalsa la cultura dell’olio di oliva al centro sud, e del burro al nord. Sono tuttora reperibili soprattutto in alcuni prodotti da forno di non alta qualità (appaiono nelle etichette come “grassi vegetali parzialmente idrogenati”).

Grassi saturi e oli vegetali

Se sostituite in parte questi grassi (sia i saturi, e sia soprattutto i “trans”), con oli di origine vegetale (sia di oliva e sia di semi) fate qualcosa di ancora più utile per le vostre coronarie. Su una delle più importanti riviste cardiologiche americane (Li J et al, J Am Coll Cardiol 2015, 66:1538) esce infatti un articolo che mostra come la sostituzione dei saturi con monoinsaturi, e polinsaturi (ne sono ricchi, rispettivamente, l’olio di oliva e gli oli di semi) riduca il rischio di infarto del 15% e del 25%, sempre rispettivamente.

Cosa possiamo mangiare?

Potete mangiare un po’ più liberamente i grassi saturi (e specie quelli dei prodotti della filiera del latte, come latte, formaggi e burro): di per se’ non aumentano il rischio di infarto o di morte. Nel Paese del Parmigiano, del Gorgonzola, dell’Asiago, del Bitto e di mille formaggi eccezionali questa notizia non può che farci piacere! Ma se sostituite una parte dei saturi della vostra dieta con gli oli (sia di oliva e sia di semi) fate qualcosa di più: riducete il vostro rischio di incorrere in questi eventi. Potete decidere voi, con equilibrio e buon senso (e tenendo conto delle vostre preferenze). State invece “alla larga” dagli insaturi trans (ricordate: in etichetta sono indicati come “grassi vegetali parzialmente idrogenati”). (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Corsi - Prevenzione a tavola

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Corsi - Prevenzione a tavola

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati

Il colesterolo delle uova mette a rischio il cuore?

Nuovo studio riapre il dibattito sulle uova

Arriva la quinoa tutta italiana

Una varietà adattabile alle nostre condizioni climatiche di quinoa, lo pseudocereale delle Ande

Funghi, mantengono giovane il cervello e contrastano la demenza

Lo afferma uno studio pubblicato su Journal of Alzheimer's Disease. Ecco quanti grammi a settimana ne servono.

Berrino, ecco cosa non mangiare per vivere in salute

L'ampiezza del girovita rivela un alto rischio di ammalarsi

Il tè verde migliora la salute intestinale e contrasta l’obesità

Il tè verde incoraggia la crescita di buoni batteri intestinali, e che porta a una serie di benefici che riducono significativamente il rischio di obesità

Ma è vero che gli spinaci contengono così tanto ferro?

E se Popeye, il nostro Braccio di Ferro, coi suoi spinaci ci avesse ingannati per tutto questo tempo? L'ISS fa chiarezza