I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Come usare il deodorante nel modo giusto?

Probabilmente lo abbiamo sempre utilizzato nel modo sbagliato. Il consiglio degli esperti

Pubblicato il 01/02/2016 da Prevenzione a tavola

Il deodorante è un prodotto che utilizziamo quotidianamente per la cura della nostra igiene. E’ noto anche come antitraspirante e permette di non emanare cattivi odori quando si suda, mantenendo l’ascella fresca e profumata a lungo. Anche se sembrerà assurdo, dato che è un prodotto il cui uso è abbastanza elementare, probabilmente lo abbiamo sempre utilizzato nel modo sbagliato.

Potrebbe interessarti anche Sudorazione eccessiva: meglio il deodorante o l’antitraspirante?

A dimostrarlo è uno studio condotto dall'International Hyperhidrosis Society che ha indicato qual è il metodo giusto per applicarlo e per renderlo efficace a lungo. Gli antitraspiranti sono realizzati con i sali di alluminio e devono essere applicati direttamente sulle ghiandole sudoripare per essere assorbiti dalla pelle. Considerando la natura degli elementi che li compongono, l’ideale è applicarli la sera sulla pelle asciutta, subito dopo la doccia. Quando vengono utilizzati al mattino, la loro azione sarebbe infatti limitata. Quando dormiamo, la sudorazione è minima e di conseguenza l’ascella può soffrire di secchezza.

Il risultato? Gli antitraspiranti non riescono ad entrare nelle ghiandole sudoripare e non danno gli effetti sperati. “Subito dopo la doccia la pelle resta sempre un po' umida. Per ottimizzare le condizioni di utilizzo del deodorante, è consigliabile strofinare l'ascella con un asciugamano pulito e asciutto. In questo modo, gli antitraspiranti avranno otto ore per entrare nelle ghiandole sudoripare e neutralizzare il problema” ha dichiarato Vanessa Giraldo dell'Accademia Europea di Dermatologia. Per far funzionare al meglio un deodorante, è dunque necessario fare una doccia prima di applicarlo. Solo in questo modo il prodotto riesce a garantire unaa durata di 24 ore.

(Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Corsi - Prevenzione a tavola

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali