I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Carne nell’alimentazione, vegani e vegetariani non vivono più a lungo

La regola per proteggere la salute è la moderazione

Pubblicato il 01/02/2016 da

Quando se ne fa un consumo moderato la carne non espone la salute a rischi significativi. Per questo non sembra essere necessario mettere al bando tale alimento per promuovere la longevità, anzi, continuare a consumarlo aiuterebbe a garantirsi quell’equilibrio nutrizionale necessario per vivere non solo a lungo, ma anche in salute.

A spingere a queste conclusioni è uno studio dell’Università di Oxford pubblicato sulle pagine dell’American Journal of Clinical Nutrition. “Per vegetariani ed altri non-consumatori di carne sono stati osservati tassi di incidenza inferiore di alcune malattie croniche rispetto a chi mangia carne, ma non è chiaro se ciò si traduca in una mortalità ridotta”, premettono gli autori dello studio, giungendo però poi alla conclusione che, anche se nella popolazione coinvolta nello studio (oltre 60 mila adulti nel Regno Unito) sono state rilevate differenze per specifiche cause di decesso, la mortalità per tutte le cause rilevata tra i vegetariani è paragonabile a quella rilevata tra i non vegetariani.

Potrebbe interessarti anche 4 validi sostituti vegani della carne

La carne rossa è stata più volte portata sul banco degli imputati in quanto accusata di favoreggiamento dell’insorgenza di gravi problemi di salute, ad esempio dei tumori del colon retto. Negli ultimi mesi le accuse si sono riaccese in seguito alla classificazione da parte dell’Organizzazione Mondiale della Sanità della carne rossa come “possibile cancerogeno” e delle carni lavorate come “cancerogene”, ma diversi esperti hanno spostato l’attenzione su quello che sarebbe il vero punto cruciale della questione: la quantità di carne consumata. Lo stesso studio dei ricercatori di Oxford ha infatti svelato che se è vero che per vegetariani e vegani c’è una riduzione della mortalità per tumori al pancreas e del sistema linfopoietico pari al 50% circa rispetto a chi mangia carne 5 volte alla settimana, anche limitarsi a un consumo moderato riduce del 30-45% la mortalità per cancro al pancreas e malattie respiratorie. Per quanto riguarda, più in generale, la mortalità per tutti i tumori, la riduzione osservata in assenza di consumo di carne è limitata a un -10%, mentre concentrandosi sulle prime 6 cause di decesso non è stata rilevata nessuna differenza significativa nella mortalità dei vegani rispetto a quella di chi mangia abitualmente carne.

Potrebbe interessarti anche Oms: la carne rossa favorisce il cancro, come il fumo e l’amianto

A sostegno del consumo di carne si pongono anche le nuove Linee Guida Alimentari per gli Americani 2015-2020, in cui si esorta al consumo di carne magra e di pollame. Sì alla carne, quindi, a patto che se ne faccia un consumo consapevole. Come ricordano infatti gli esperti dell’ex Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (Inran, oggi Crea – Centro di ricerca per gli alimenti e la nutrizione), gli studi che hanno associato un elevato consumo di carne – soprattutto di quella rossa e dei salumi – a un aumento del rischio di vari tumori non mancano e le prove scientifiche sono molto forti, ma escludere questo alimento dall’alimentazione può portare a carenze “senza nessun beneficio”. La scelta migliore, consigliano dall’Inran, “è mangiarne poca”. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La ricetta degli Gnocchi di borragine

Se l'orto ti regala borragine, tu fanne gnocchi deliziosi

La ricetta dei Guadrotti di miglio con nocciole

Un dolce sano, senza glutine e squisito: eccovi la lista degli ingredienti e il procedimento

Torta di mele rovesciata

Oggi v'insegno la ricetta della mia squisita torta di mele rovesciata

Crema di zucca al profumo di rosmarino

Una crema da utilizzare per un dessert, oppure per fare delle crostate, o anche delle fragranti torte salate

Favette dei morti, ricetta e ingredienti

Per la ricorrenza odierna ho preparato un dolce tradizionale di molte regioni italiane, le favette dei morti

Corsi - Prevenzione a tavola

Ricette autunnali, è online il nuovo corso di cucina di Prevenzione a Tavola

Menù giornalieri equilibrati per affrontare il cambio di stagione senza malanni

Giornata mondiale dell’alimentazione: tra coscienza e consapevolezza

Oggi in 150 Paesi si festeggia il World Food Day: da anni Prevenzione a tavola si batte per diffondere una corretta cultura del cibo

Pane di riso cotto fermentato

Una ricetta squisita che ci permette di recuperare gli avanzi di un pasto precedente. Ecco come si prepara

Corsi - Prevenzione a tavola

Pancake alle carote con farina di mandorla e semi di papavero

Una rivisitazione più sana, leggera e nutriente del famosissimo dolce americano per la prima colazione

Troppo fruttosio mette a rischio il fegato

Secondo un nuovo studio causa la steatosi epatica non alcolica

Chi mangia pasta ha un’alimentazione più sana e più ricca di nutrienti

E presenta un'assunzione giornaliera inferiore di grassi saturi e zuccheri aggiunti, rispetto a chi non la mangia

Con la soia diminuiscono le recidive di cancro al seno

La ricerca scientifica ha ampiamente dimostrato come il consumo di cibi tradizionali a base di soia riduca il rischio di recidive e mortalità

Quercetina: la molecola di frutta e verdura che contrasta il Covid-19

Si tratta della quercetina, contenuta in molti frutti, verdure e ortaggi comuni. E anche in vino rosso e thè. Ecco lo studio che dà una speranza in più nella lotta contro il coronavirus

Torta alle mele con grano saraceno ed estratto di liquirizia

La torta che prepariamo oggi è un piacere per le pupille gustative e anche per gli occhi. Ecco la ricetta della Torta alle mele con grano saraceno ed estratto di liquirizia

Le tortine di farro rivisitate da una nostra allieva

Valentina, una studentessa di Prevenzione a Tavola, ha realizzato una delle nostre ricette con qualche piccola variante che noi abbiamo molto apprezzato