I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Che cereali scegliere per la prima colazione?

Un'analisi accurata delle etichette rivela la presenza di ingredienti non buoni per il nostro organismo

Pubblicato il 29/01/2016 da Chiara Cevoli
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

È abitudine in molte case fare la prima colazione con latte e cereali, una delle colazioni più amate dai bambini. Nei supermercati si trovano diverse marche e diverse tipologie  di cereali: al cioccolato, con frutta secca, con la frutta etc., ma è importante imparare a sceglierli al supermercato. Generalmente quelli che ci vengono proposti sono molto ricchi in zuccheri, aromi e ingredienti aggiunti che in realtà non servono.

COMPARAZIONE

I primi che analizzeremo sono dei cereali abbastanza comuni, conosciuti, utilizzati soprattutto per la colazione dei bambini. La prima cosa da fare come sempre è andare a leggere la lista degli ingredienti:

  • farina di frumento
  • cioccolato in polvere
  • zucchero
  • sciroppo di glucosio
  • sale
  • cannella
  • aroma
  • vitamine
  • minerali

Prima di tutto salta all’occhio che per la produzione dei cereali non viene utilizzato il chicco di cereale: non abbiamo un cereale soffiato o dei fiocchi di cereali ma viene usata la farina, quindi è già sbagliato chiamarli cereali perché, di fatto, non lo sono.

Poi vediamo che il secondo ingrediente è il cioccolato in polvere il cui primo ingrediente è lo zucchero, poi ritroviamo lo zucchero e poi ancora lo sciroppo di glucosio, che altro non è che zucchero liquido. Gli effetti sul corpo dello sciroppo sono “peggiori” rispetto allo zucchero semplice, perché lo sciroppo è una forma di zucchero già parzialmente digerito quindi è pronto per essere assorbito: l’impatto sulla glicemia è più veloce e più importante.

Infatti andando a vedere la tabella nutrizionale, notiamo che per in 30 grammi di cereali che viene qui indicata come porzione tipo, questi contengono 8,7 grammi di zucchero che sono quasi due cucchiaini, 1 cucchiaino e mezzo abbondante e sono tanti! Prima di tutto è raro che si consumano solamente 30 grammi, quindi di solito la quantità consumata è di più perché sono cereali buoni, sono cereali gustosi e come tutte le cose buone generalmente se ne consuma di più rispetto a quello che bisognerebbe consumare. Avere un introito così importante di zuccheri già a colazione è sbagliato perché gli zuccheri sì è vero sono l’energia, la benzina per il nostro corpo, però assunti in elevata quantità causano ipoglicemia reattiva.

In seguito all’assunzione, il nostro corpo libera troppa insulina per poter utilizzare lo zucchero assunto con l’alimentazione: questa liberazione massiccia di insulina causa nel giro di qualche ora un’ipoglicemia che può causare giramenti di testa, debolezza, vengono a mancare la concentrazione e le funzionalità cognitive.

I cereali che andrebbero utilizzati sono per esempio tipo questi che sono fiocchi di 6 cereali misti!

Leggendo gli ingredienti vediamo che contentongo solo:

  • fiocchi di frumento
  • fiocchi d’orzo
  • fiocchi di farro
  • fiocchi di riso
  • fiocchi di segale
  • fiocchi d’avena

Sei cereali dichiarati in etichetta e sei cereali troviamo all'interno della confezione:  non ci sono zuccheri, aromi, vitamine, sali minerali, non c’è niente altro a parte il cereale. Questi sono i cereali che pur contenendo zuccheri, perché ovviamente li contengono naturalmente, ne contengono in misura molto, molto minore. In compenso hanno più fibre e sicuramente  un effetto più positivo sia sull’umore che sulla fame nell’arco della giornata.

Non perderti gli aggiornamenti della pagina Facebook della dottoressa Chiara Cevoli



banner basso postfucina





Chiara Cevoli

Chiara Cevoli
Biologa Nutrizionista

Laureata in Biologia Applicata alla Ricerca Biomedica presso l'Università di Roma La Sapienza nel 2009 con lode, mi sono da subito interessata alla tematica dell'alimentazione frequentando diversi corsi e collaborando in alcuni Ospedali del Lazio come volontaria. Negli anni successivi è quindi iniziata la mia attività come Biologo Nutrizionista ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Cicerchie: tra falsi miti e realtà

In passato ingiustamente demonizzate, oggi le cicerchie sono oggetto di riscoperta

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Corsi - Prevenzione a tavola

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Corsi - Prevenzione a tavola

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno