I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Attenzione ai cibi “sani”, si ingrassa anche con quelli

Chi deve perdere peso è spesso condizionato dalla natura degli alimenti

Pubblicato il 28/01/2016 da Prevenzione a tavola

Dal momento che un alimento è percepito come sano, secondo quanto evidenziato dallo studio, c’è una chiara tendenza a consumarlo in quantità maggiori essenzialmente per due motivi: da un lato ci si sente più in pace con la coscienza e quindi istintivamente si tende a esagerare, dall’altro si è convinti (erroneamente) che i cibi più salutari siano meno sazianti di quelli meno salutari. L’idea che abbiamo in mente delle varie categorie di alimenti appare in definitiva riconducibile a due estremi, sano/non sano e saziante/non saziante, mentre in realtà sono i livelli intermedi a fare la differenza. Senza contare cheanche gli alimenti etichettati come sani hanno calorie, grassi e zuccheri, che devono essere ben tenuti da conto in una dieta bilanciata.

QUALE LEGAME C’E’ TRA «SALUTARE» E «SAZIANTE»  

La ricerca statunitense è giunta a questa conclusione attraverso un esperimento suddiviso in tre fasi. Nella prima fase, i ricercatori hanno illustrato a 50 studenti del college delle immagini di alimenti salutari o non salutari, con i giovani che dovevano associare a ciascun alimento parole strettamente associate al senso di sazietà.

Potrebbe interessarti anche 7 alimenti che favoriscono il cancro e che bisogna evitare

In seconda battuta, i ricercatori hanno invitato 40 giovani a mangiare uno stesso biscotto che veniva presentato di volta in volta come salutare o non salutare. Come risultato, gli studenti che consideravano il biscotto salutare tendevano a sentire i morsi della fame prima degli altri, malgrado il biscotto fosse lo stesso.

Nella terza fase, infine, i ricercatori hanno presentato dei pop corn come salutari, non salutari oppure nutrienti, dopodiché ai giovani era chiesto di ordinarli in modo da non accusare la fame fino al pasto successivo. Anche in questo caso, i giovani tendevano a ordinare maggiori quantità di pop corn che consideravano salutari, seguiti da quelli nutrienti e da quelli non salutari.

SANO O NUTRIENTE? 

In tutte le fasi dell’esperimento, è apparsa quindi chiara la tendenza a mangiare in eccesso i cibi più sani per via di una considerazione errata del loro potere saziante, e non solo. Il pensiero di Joy Dubost, portavoce della Academy of Nutrition and Dietetics statunitense, esprime al meglio le conclusioni dello studio: «quella che è la percezione del cibo che mangiate può essere molto differente dal modo in cui il vostro corpo risponde a quel cibo. Chiaramente dobbiamo cominciare a indirizzare sia la parte cosciente che quella subcosciente nei nostri messaggi sul mangiare sano», ha ammesso la portavoce.

Secondo gli autori della ricerca, un buon modo per cominciare potrebbe essere quello di sostituire la parola «sano» sulla confezione dei cibi con «nutriente»: in questo modo il senso di sazietà potrebbe essere meno fuorviato. Per il resto spetta a noi non esagerare con le porzioni, di qualunque cibo si tratti. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Corsi - Prevenzione a tavola

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali