I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

I dieci cibi commestibili anche dopo la data di scadenza

Le indicazioni valgono per gli alimenti con etichetta

Pubblicato il 28/01/2016 da Prevenzione a tavola

La questione della scadenza riportata sulle etichette degli alimenti è da sempre fonte di dibattito. La stragrande maggioranza dei consumatori getta nella spazzatura i cibi "teoricamente" scaduti, a volte senza comprendere la differenza tra "consumare preferibilmente entro", "data di scadenza" e "da consumarsi entro". Per questo l'ingegnere britannico Dan Cluderay ha deciso di realizzare una lista di dieci cibi che posso essere mangiati anche dopo la data di scadenza, a patto che siano correttamente sigillati.

La lista è stata pubblicata sul sito Approved Food, che vende a prezzi scontati cibo che ha superato la data di scadenza.

Oltre ai consigli alimentari, Cluderay spiega la distinzione tra le diverse diciture riportate sull'etichetta. "Data di scadenza" indica che non è sicuro mangiare quel cibo oltre la data riportata; "da consumarsi entro" evidenzia il termine esatto entro cui l'alimento deve essere consumato; "da consumarsi preferibilmente entro", invece, vuol dire che dopo la data indicata l'alimento è ancora commestibile. La lista fa riferimento proprio a quest'ultima categoria. Ecco di seguito l'elenco completo dei dieci alimenti:
  • 1. Latte - Per comprendere quando si è arrivati "al limite", basta seguire una semplice regola empirica: se l'odore emesso è cattivo, non va consumato.
  • 2. Uova - Anche qui a rivelarci la scadenza "reale" è un rimedio della nonna: se immerse in una ciotola d'acqua le uova galleggiano, allora vuol dire che al loro interno si sono accumulati batteri e gas nocivi. Viceversa, se affondano, si possono ancora mangiare. Potrebbe interessarti anche Ecco come si legge il codice delle uova
  • 3. Cioccolato - La conservazione "prolungata" è garantita dalla quantità di zucchero contenuta nelle tavolette. 
  • 4. Yogurt - Può durare fino a sei settimane oltre la data di scadenza. Nel caso in cui si creasse uno strato di muffa, basta rimuoverla e mangiare la quantità sottostante.
  • 5. Formaggio a pasta dura o stagionato - Anche in questo caso, in presenza di muffa, è sufficiente raschiare via la patina superficiale. Pratica assolutamente non valida per i formaggi a pasta molle.
  • 6. Patatine - Di certo non il cibo più salutare del mondo, ma grazie alla presenza del sale la data di conservazione si prolunga ulteriormente.
  • 7. Ketchup - Può essere consumato anche un anno oltre la data di scadenza, al patto che venga conservato "in un luogo fresco e asciutto" o in frigorifero.
  • 8. Pane - Se appare un po' indurito o stantio, basta riscaldarlo nel forno. A patto, però, che non presenti alcuna traccia di muffa.
  • 9. Riso - Può durare mesi oltre la data di scadenza, anni se conservato sottovuoto.
  • 10. Frutta e verdura - Anche in questo caso vale la regola empirica: se non c'è traccia di muffa e se gli alimenti non sono "mollicci", allora si possono mangiare tranquillamente. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

Corsi - Prevenzione a tavola

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo