I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Cosa contiene una confezione di Saikebon Star?

Questa dovrebbe essere la svolta per un pranzo/cena veloci? Digiunate, fate meno male al vostro corpo!

Pubblicato il 20/01/2016 da Chiara Cevoli

“Con Saikebon reinventi il tuo modo di mangiare: tanti gusti diversi che stuzzicano il palato, da preparare in 3 minuti senza sporcare la cucina. Disponibili in comode Bag, per averli sempre a disposizione, e in pratiche Cup per mangiarli dove vuoi in tutta comodità.”

La Star ha puntato sulla cucina orientale proponendo a noi consumatori “comodi” (a detta loro) pasti già pronti, o quasi: in 3 minuti abbiamo il nostro pranzo fumante davanti. Le varianti sono 6: 2 da preparare in padella, 4 in “pratiche Cup” (tazze) dove è sufficiente aggiungere dell’acqua bollente, lasciare riposare qualche minuto e mangiare.

Più che cucina orientale a mio avviso siamo davanti a prodotti in linea con le modalità di consumo americane, e gli americani hanno ben poco da insegnarci quanto a buona cucina.

Vediamo gli ingredienti della variante al manzo in tazza.

INGREDIENTI: Noodles istantanei (90%): farina di frumento, olio di palma, amido modificato, sale, agenti lievitanti: carbonato di sodio, carbonato di potassio. Condimento in polvere (10%): sale, esaltatori di sapidità: E621, E635; amido di patata, zucchero, lattosio, aroma (contiene glutine), estratto di lievito, carote, olio di palma, prezzemolo, coloranti: E100, E150c; aglio tostato, pepe bianco, salsa di soia in polvere [salsa di soia (semi di soia, frumento, sale), maltodestrine, sale], carne di manzo 0.5%, sedano, porro, correttore di acidità: acido citrico.

Visto il notevole numero di ingredienti per analizzarli uno ad uno ci vorrebbe troppo tempo. Vediamo però i principali. Ciò che spicca immediatamente agli occhi è la presenza di olio di palma sia nei noodles che nel condimento in polvere. Anche il sale non è poco, associato, come spesso accade in questi prodotti, ad altri additivi (in questo caso E621 ed E635) che rendono l’alimento irresistibile al nostro palato.

Potrebbe interessarti anche: Cosa contengono davvero i biscotti Oro Saiwa?

La quantità di manzo che contiene una confezione è veramente irrisoria: 0,3 gr di manzo a tazza, in pratica come se non ci fosse. Se questi noodles sanno di carne è grazie agli additivi, in particolare gli aromi, aggiunti alla preparazione.

Un’ultima cosa, tra i coloranti è presente l’additivo E150c. Fa parte di una classe di coloranti caramello che sono aggiunti agli alimenti per dare loro una colorazione tendente al marrone. Sono utilizzati in molti prodotti alimentari industriali come bevande analcoliche (come la coca-cola), dolci, condimenti, birra, etc. Sono miscele di composti che derivano dal trattamento di alcuni carboidrati con calore e reagenti. Proprio in base al reagente utilizzato, che può essere ammoniaca o solfito (in alcuni casi non è usato alcun reagente) questa classe di coloranti è suddivisa in 4 gruppi: E150a, E150b, E150c ed E150d.

Il gruppo di esperti scientifici sugli additivi alimentari e sulle fonti di nutrienti aggiunti agli alimenti (ANS) dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare ha stabilito una dose giornaliera accettabile (DGA) pari a 300 mg per kg di peso corporeo al giorno valida per tutti e quattro i coloranti ad eccezione del caramello E150c, per il quale il gruppo di esperti scientifici ha fissato una DGA più bassa di 100 mg/kg pc/giorno. Secondo il presidente del gruppo di esperti scientifici ANS: “Il gruppo di esperti scientifici ha deciso di determinare un livello di DGA più basso per il caramello E 150c, con l’intento di considerare alcuni dubbi relativi ai possibili effetti provocati sul sistema immunitario da uno dei suoi costituenti: il 2-acetil-4-tetraidrossibutilimmidazolo (THI). Questo significa che all’interno del gruppo DGA, su 300 mg/kg pc/giorno stabiliti per i quattro coloranti caramello, solo 100 mg/kg pc/giorno possono essere costituiti da E150c”.

A voi la scelta!

Più di 20 ingredienti, presenza del colorante E150c di dubbia sicurezza, olio di palma, zucchero, aromi e...neanche un... Posted by Dott.ssa Chiara Cevoli Biologo Nutrizionista on Mercoledì 20 gennaio 2016



banner basso postfucina





Chiara Cevoli

Chiara Cevoli
Biologa Nutrizionista

Laureata in Biologia Applicata alla Ricerca Biomedica presso l'Università di Roma La Sapienza nel 2009 con lode, mi sono da subito interessata alla tematica dell'alimentazione frequentando diversi corsi e collaborando in alcuni Ospedali del Lazio come volontaria. Negli anni successivi è quindi iniziata la mia attività come Biologo Nutrizionista ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Corsi - Prevenzione a tavola

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

Corsi - Prevenzione a tavola

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?

Alla scoperta del topinambur, l’ortaggio che vi cambierà la vita

Il topinambur combina proprietà diuretiche con doti benefiche per abbassare la glicemia