I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Cosa contiene una confezione di Saikebon Star?

Questa dovrebbe essere la svolta per un pranzo/cena veloci? Digiunate, fate meno male al vostro corpo!

Pubblicato il 20/01/2016 da

“Con Saikebon reinventi il tuo modo di mangiare: tanti gusti diversi che stuzzicano il palato, da preparare in 3 minuti senza sporcare la cucina. Disponibili in comode Bag, per averli sempre a disposizione, e in pratiche Cup per mangiarli dove vuoi in tutta comodità.”

La Star ha puntato sulla cucina orientale proponendo a noi consumatori “comodi” (a detta loro) pasti già pronti, o quasi: in 3 minuti abbiamo il nostro pranzo fumante davanti. Le varianti sono 6: 2 da preparare in padella, 4 in “pratiche Cup” (tazze) dove è sufficiente aggiungere dell’acqua bollente, lasciare riposare qualche minuto e mangiare.

Più che cucina orientale a mio avviso siamo davanti a prodotti in linea con le modalità di consumo americane, e gli americani hanno ben poco da insegnarci quanto a buona cucina.

Vediamo gli ingredienti della variante al manzo in tazza.

INGREDIENTI: Noodles istantanei (90%): farina di frumento, olio di palma, amido modificato, sale, agenti lievitanti: carbonato di sodio, carbonato di potassio. Condimento in polvere (10%): sale, esaltatori di sapidità: E621, E635; amido di patata, zucchero, lattosio, aroma (contiene glutine), estratto di lievito, carote, olio di palma, prezzemolo, coloranti: E100, E150c; aglio tostato, pepe bianco, salsa di soia in polvere [salsa di soia (semi di soia, frumento, sale), maltodestrine, sale], carne di manzo 0.5%, sedano, porro, correttore di acidità: acido citrico.

Visto il notevole numero di ingredienti per analizzarli uno ad uno ci vorrebbe troppo tempo. Vediamo però i principali. Ciò che spicca immediatamente agli occhi è la presenza di olio di palma sia nei noodles che nel condimento in polvere. Anche il sale non è poco, associato, come spesso accade in questi prodotti, ad altri additivi (in questo caso E621 ed E635) che rendono l’alimento irresistibile al nostro palato.

Potrebbe interessarti anche: Cosa contengono davvero i biscotti Oro Saiwa?

La quantità di manzo che contiene una confezione è veramente irrisoria: 0,3 gr di manzo a tazza, in pratica come se non ci fosse. Se questi noodles sanno di carne è grazie agli additivi, in particolare gli aromi, aggiunti alla preparazione.

Un’ultima cosa, tra i coloranti è presente l’additivo E150c. Fa parte di una classe di coloranti caramello che sono aggiunti agli alimenti per dare loro una colorazione tendente al marrone. Sono utilizzati in molti prodotti alimentari industriali come bevande analcoliche (come la coca-cola), dolci, condimenti, birra, etc. Sono miscele di composti che derivano dal trattamento di alcuni carboidrati con calore e reagenti. Proprio in base al reagente utilizzato, che può essere ammoniaca o solfito (in alcuni casi non è usato alcun reagente) questa classe di coloranti è suddivisa in 4 gruppi: E150a, E150b, E150c ed E150d.

Il gruppo di esperti scientifici sugli additivi alimentari e sulle fonti di nutrienti aggiunti agli alimenti (ANS) dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare ha stabilito una dose giornaliera accettabile (DGA) pari a 300 mg per kg di peso corporeo al giorno valida per tutti e quattro i coloranti ad eccezione del caramello E150c, per il quale il gruppo di esperti scientifici ha fissato una DGA più bassa di 100 mg/kg pc/giorno. Secondo il presidente del gruppo di esperti scientifici ANS: “Il gruppo di esperti scientifici ha deciso di determinare un livello di DGA più basso per il caramello E 150c, con l’intento di considerare alcuni dubbi relativi ai possibili effetti provocati sul sistema immunitario da uno dei suoi costituenti: il 2-acetil-4-tetraidrossibutilimmidazolo (THI). Questo significa che all’interno del gruppo DGA, su 300 mg/kg pc/giorno stabiliti per i quattro coloranti caramello, solo 100 mg/kg pc/giorno possono essere costituiti da E150c”.

A voi la scelta!

Più di 20 ingredienti, presenza del colorante E150c di dubbia sicurezza, olio di palma, zucchero, aromi e…neanche un…

Posted by Dott.ssa Chiara Cevoli Biologo Nutrizionista on Mercoledì 20 gennaio 2016



banner basso postfucina





Chiara Cevoli

Chiara Cevoli
Biologa Nutrizionista

Laureata in Biologia Applicata alla Ricerca Biomedica presso l'Università di Roma La Sapienza nel 2009 con lode, mi sono da subito interessata alla tematica dell'alimentazione frequentando diversi corsi e collaborando in alcuni Ospedali del Lazio come volontaria. Negli anni successivi è quindi iniziata la mia attività come Biologo Nutrizionista ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Ecco i cibi che fanno invecchiare

Conoscere per evitare i cibi che causano l'invecchiamento del nostro organismo

La salute dei capelli passa dall’alimentazione

Anche la nostra dieta mediterranea ci può aiutare a mantenere e a riportare la salute nei nostri capelli

Riso con mandorle e friggitelli

Una ricetta sfiziosa e inusuale per sorprendere i vostri ospiti e deliziare il palato

Tortine di farro con marmellata al limone

La ricetta di oggi è perfetta sia per fare una colazione nutriente e golosa, sia per godersi una merenda squisita. Ecco cosa vi serve per prepararla e il procedimento

Come scegliere un dolcificante: tradizione o formule chimiche?

Eritritolo o malto? Ecco qualche strumento in più che ci possa guidare nella scelta del dolcificante più sano.

Corsi - Prevenzione a tavola

Estate, l’alimentazione corretta

Per tenere sotto controllo il caldo, per idratarsi correttamente e rinfrescarsi attraverso le scelte alimentari più corrette

Anguria beach, un fresco aperitivo

Concediamoci un po' di relax con un aperitivo estivo a base di anguria

Umeboshi: cos’è, benefici e ricette

Alla scoperta dell'Umeboshi, la prugna essiccata dalle meravigliose proprietà terapeutiche

Corsi - Prevenzione a tavola

Salsa verde all’acetosella

Anche se non conoscevo proprio questa pianta, nella mia ricerca di ricette tradizionali sono incappata in questa ricetta sfiziosa e semplicissima

Il Corso Base si arricchisce di un nuovo capitolo e due ricettari

La nostra scuola cerca di dare il meglio ogni giorno di più, per questo ci sembrava giusto fornire ulteriori strumenti di apprendimento e comprensione ai nostri allievi che vogliono cambiare la propria alimentazione

Stroncatura, l’antica ricetta calabrese

Oggi andiamo in Calabria per un primo che dentro contiene il sapore del mare e del grano, dei mercanti e dei contadini: la stroncatura è un piatto veloce che si prepara con pochissimi ingredienti

Menopausa, l’alimentazione che ne allevia i sintomi

Consigli alimentari e pratici per vivere la menopausa come un'opportunità e non come un disturbo

Migliaccio, una ricetta antica dal sapore unico

Ecco la mia ricetta del migliaccio, un dolce a base di miglio e guarnito con la composta di albicocche

Combattere il caldo con la giusta alimentazione

Alcuni cibi e abitudini possono aiutarci a sopportare meglio le alte temperature di questo periodo

Treccine di mais senza glutine

Queste treccine si preparano in pochi minuti e si accompagnano benissimo ad una tazza di tè o un bicchiere di succo di frutta naturale