I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Raro caso di scorbuto in un bimbo: beveva solo latte di mandorla

Un raro caso di scorbuto è stato documentato in un bambino di 11 mesi in Spagna

Pubblicato il 19/01/2016 da Prevenzione a tavola

Malattie dimenticate, che a volte ritornano. Un raro caso discorbuto è stato documentato in un bambino di 11 mesi in Spagna. Il motivo è che la famiglia lo alimentava solo con un latte in polvere a base di mandorle, privo di vitamina C,la cui carenza porta proprio a questa malattia. Lo scorbuto è raro oggi nei Paesi sviluppati, ma pazienti occasionali si registrano soprattutto nelle persone anziane che hanno un'alimentazione sbagliata, così come, appunto, in bambini con diete non variate, ricorda la rivista 'Pediatrics', dove i medici hanno pubblicato i dettagli del caso spagnolo.

Il bambino è stato portato dal medico perché era irritabile, perdeva peso e piangeva se qualcuno gli toccava le gambe. Anche se in grado di stare seduto da solo da quando aveva 7 mesi, era diventato instabile e, raggiunti gli 11 mesi, ancora non camminava. I test hanno dimostrato che il neonato aveva una perdita di tessuto osseo, alcune fratture del femore e livelli molto bassi di vitamina C.

La diagnosi è stata dunque di scorbuto, una condizione che si verifica quando la dieta di una persona è gravemente carente di vitamina C, sostanza necessaria per produrre collagene, una proteina importante per la salute dei tessuti del corpo umano, come cartilagini, ossa, pelle e denti.

I neonati hanno bisogno di circa 50-60 mg di vitamina C al giorno, contenuti nel latte materno, nei classici latti in polvere, nella frutta e nella verdura. La madre ha riferito che da bebè era stato nutrito con latte di mucca in polvere, ma a 2 mesi e mezzo aveva sviluppato una reazione cutanea, per cui il pediatra aveva raccomandato di cambiare la dieta del piccolo.

L'unica fonte di nutrimento che sembrava non disturbarlo era una bevanda che conteneva principalmente latte di mandorle, farina di mandorle, sesamo in polvere e una miscela di cereali. Ma in questa bevanda mancavano alcune importanti vitamine, come la C.

Dopo la diagnosi, il bambino è stato trattato con integratori orali di vitamine C e D, ed è stato anche alimentato con latte, cereali, carne, frutta e verdura. Dopo alcuni mesi, i sintomi sono migliorati, i livelli di vitamina C si sono normalizzati e il bimbo ha cominciato a camminare. "Questo caso presenta lo scorbuto come nuova e grave complicazione di un uso improprio delle bevande a base di mandorla nel primo anno di vita", scrivono i ricercatori dell'Ospedale Universitario La Fe y Politecnico di Valencia. "Pediatri e genitori devono essere consapevoli che le bevande a base di piante non sono un alimento completo e non possono sostituire l'allattamento o il latte in polvere". (Fonte)

Potrebbe interessarti anche: Come scegliere un buon “latte vegetale” al supermercato? della nutrizionista e biologa Chiara Cevoli



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Corsi - Prevenzione a tavola

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Corsi - Prevenzione a tavola

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati

Il colesterolo delle uova mette a rischio il cuore?

Nuovo studio riapre il dibattito sulle uova

Arriva la quinoa tutta italiana

Una varietà adattabile alle nostre condizioni climatiche di quinoa, lo pseudocereale delle Ande