I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Che cibo scegliere per i nostri animali?

Bisogna saper scegliere attentamente i prodotti, partendo dall'analisi della tabella nutrizionale e dell'etichetta

Pubblicato il 15/01/2016 da Alessio Giordana
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Parliamo di alimentazione dei nostri piccoli amici. C’è chi preferisce l’alimentazione casalinga, chi preferisce dare alimenti crudi al proprio animale, chi è vegano e vuole che il proprio animale non mangi carne. Io personalmente ho avuto modo di conoscere diversi nutrizionisti, persone che si laureano dopo un corso di 5 anni e per i prossimi 30 si occupano solo di alimentazione e nutrizione animale e sono persone nelle quali ho molta fiducia. Propendo per l’alimentazione industriale: questi alimenti sono concepiti affinché un animale alimentato con quello e solo con quello, tutta la vita non abbia la minima carenza alimentare. Quindi ci sono delle integrazioni che, con tutta la buona volontà, un'alimentazione casalinga non può provvedere.

La differenza sostanziale è che il cane è un carnivoro opportunista, il gatto è un carnivoro elettivo, il cane passa, trova una lepre morta e la mangia tranquillamente, il gatto deve uccidere la propria preda perché? Perché il gatto non è in grado di sintetizzare determinate molecole tipo la biotina, l’arginina, la lisina che si degradano molto rapidamente dopo la morte, quindi la carne, seppur fresca, ma di un animale macellato 20 giorni fa è priva di questi elementi, come per l’alimentazione umana anche per l’alimentazione animale ci sono svariate tipologie di prodotti presenti sul mercato e è importante saper scegliere.

Potrebbe interessarti anche: Cosa c’è da sapere prima di adottare un cane o un gatto?

Ricordiamoci che un alimento è tanto più nobile, tante calorie sviluppa.

Sul fronte di qualsiasi prodotto, c’è l’immagine che può essere attraente o meno, cane, gatto etc., non bisogna soffermarsi a quella, bisogna leggere il cartellino, i componenti analitici dell’alimento: se vediamo che il sacchetto blu, andiamo a cercare il peso del nostro animale, dobbiamo dargliene 200 grammi e il sacchetto rosso che costa leggermente di più, ma dobbiamo dargliene solo 100 grammi, ne consegue che l’alimentazione rosso è fatto con delle materie più nobili, in quanto più nutrienti e  essendo più nutrienti bisogna dargliene meno. Quindi alla fine della fiera facciamo una scelta di qualità che si riflette anche in un risparmio.

È importante non fermarsi all’etichetta, ma andare a leggere il cartellino: nel cartellino oltre a tutti i componenti indicati per quantità presente, c’è la tabella nutrizionale che ci può consigliare quale alimento scegliere!

Non perderti gli aggiornamenti della pagina Facebook del dottor. Giordana



banner basso postfucina





Alessio Giordana

Alessio Giordana
Medico Veterinario

Laureato nel 1985 in Medicina Veterinaria, formato per anni nella più titolata clinica di torino, da 15 anni ho il mio ambulatorio a Milano. Da 30 anni mi occupo della salute e del benessere degli animali da compagnia. Seguo allevamenti felini titolati a livello ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Corsi - Prevenzione a tavola

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Corsi - Prevenzione a tavola

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina