I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Che cibo scegliere per i nostri animali?

Bisogna saper scegliere attentamente i prodotti, partendo dall'analisi della tabella nutrizionale e dell'etichetta

Pubblicato il 15/01/2016 da Alessio Giordana
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Parliamo di alimentazione dei nostri piccoli amici. C’è chi preferisce l’alimentazione casalinga, chi preferisce dare alimenti crudi al proprio animale, chi è vegano e vuole che il proprio animale non mangi carne. Io personalmente ho avuto modo di conoscere diversi nutrizionisti, persone che si laureano dopo un corso di 5 anni e per i prossimi 30 si occupano solo di alimentazione e nutrizione animale e sono persone nelle quali ho molta fiducia. Propendo per l’alimentazione industriale: questi alimenti sono concepiti affinché un animale alimentato con quello e solo con quello, tutta la vita non abbia la minima carenza alimentare. Quindi ci sono delle integrazioni che, con tutta la buona volontà, un'alimentazione casalinga non può provvedere.

La differenza sostanziale è che il cane è un carnivoro opportunista, il gatto è un carnivoro elettivo, il cane passa, trova una lepre morta e la mangia tranquillamente, il gatto deve uccidere la propria preda perché? Perché il gatto non è in grado di sintetizzare determinate molecole tipo la biotina, l’arginina, la lisina che si degradano molto rapidamente dopo la morte, quindi la carne, seppur fresca, ma di un animale macellato 20 giorni fa è priva di questi elementi, come per l’alimentazione umana anche per l’alimentazione animale ci sono svariate tipologie di prodotti presenti sul mercato e è importante saper scegliere.

Potrebbe interessarti anche: Cosa c’è da sapere prima di adottare un cane o un gatto?

Ricordiamoci che un alimento è tanto più nobile, tante calorie sviluppa.

Sul fronte di qualsiasi prodotto, c’è l’immagine che può essere attraente o meno, cane, gatto etc., non bisogna soffermarsi a quella, bisogna leggere il cartellino, i componenti analitici dell’alimento: se vediamo che il sacchetto blu, andiamo a cercare il peso del nostro animale, dobbiamo dargliene 200 grammi e il sacchetto rosso che costa leggermente di più, ma dobbiamo dargliene solo 100 grammi, ne consegue che l’alimentazione rosso è fatto con delle materie più nobili, in quanto più nutrienti e  essendo più nutrienti bisogna dargliene meno. Quindi alla fine della fiera facciamo una scelta di qualità che si riflette anche in un risparmio.

È importante non fermarsi all’etichetta, ma andare a leggere il cartellino: nel cartellino oltre a tutti i componenti indicati per quantità presente, c’è la tabella nutrizionale che ci può consigliare quale alimento scegliere!

Non perderti gli aggiornamenti della pagina Facebook del dottor. Giordana



banner basso postfucina





Alessio Giordana

Alessio Giordana
Medico Veterinario

Laureato nel 1985 in Medicina Veterinaria, formato per anni nella più titolata clinica di torino, da 15 anni ho il mio ambulatorio a Milano. Da 30 anni mi occupo della salute e del benessere degli animali da compagnia. Seguo allevamenti felini titolati a livello ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco cosa succede a mangiare un uovo al giorno

Nuovo studio riabilita l'alimento: riduce il rischio cardiovascolare

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Corsi - Prevenzione a tavola

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo