I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Che cibo scegliere per i nostri animali?

Bisogna saper scegliere attentamente i prodotti, partendo dall'analisi della tabella nutrizionale e dell'etichetta

Pubblicato il 15/01/2016 da Alessio Giordana
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Parliamo di alimentazione dei nostri piccoli amici. C’è chi preferisce l’alimentazione casalinga, chi preferisce dare alimenti crudi al proprio animale, chi è vegano e vuole che il proprio animale non mangi carne. Io personalmente ho avuto modo di conoscere diversi nutrizionisti, persone che si laureano dopo un corso di 5 anni e per i prossimi 30 si occupano solo di alimentazione e nutrizione animale e sono persone nelle quali ho molta fiducia. Propendo per l’alimentazione industriale: questi alimenti sono concepiti affinché un animale alimentato con quello e solo con quello, tutta la vita non abbia la minima carenza alimentare. Quindi ci sono delle integrazioni che, con tutta la buona volontà, un'alimentazione casalinga non può provvedere.

La differenza sostanziale è che il cane è un carnivoro opportunista, il gatto è un carnivoro elettivo, il cane passa, trova una lepre morta e la mangia tranquillamente, il gatto deve uccidere la propria preda perché? Perché il gatto non è in grado di sintetizzare determinate molecole tipo la biotina, l’arginina, la lisina che si degradano molto rapidamente dopo la morte, quindi la carne, seppur fresca, ma di un animale macellato 20 giorni fa è priva di questi elementi, come per l’alimentazione umana anche per l’alimentazione animale ci sono svariate tipologie di prodotti presenti sul mercato e è importante saper scegliere.

Potrebbe interessarti anche: Cosa c’è da sapere prima di adottare un cane o un gatto?

Ricordiamoci che un alimento è tanto più nobile, tante calorie sviluppa.

Sul fronte di qualsiasi prodotto, c’è l’immagine che può essere attraente o meno, cane, gatto etc., non bisogna soffermarsi a quella, bisogna leggere il cartellino, i componenti analitici dell’alimento: se vediamo che il sacchetto blu, andiamo a cercare il peso del nostro animale, dobbiamo dargliene 200 grammi e il sacchetto rosso che costa leggermente di più, ma dobbiamo dargliene solo 100 grammi, ne consegue che l’alimentazione rosso è fatto con delle materie più nobili, in quanto più nutrienti e  essendo più nutrienti bisogna dargliene meno. Quindi alla fine della fiera facciamo una scelta di qualità che si riflette anche in un risparmio.

È importante non fermarsi all’etichetta, ma andare a leggere il cartellino: nel cartellino oltre a tutti i componenti indicati per quantità presente, c’è la tabella nutrizionale che ci può consigliare quale alimento scegliere!

Non perderti gli aggiornamenti della pagina Facebook del dottor. Giordana



banner basso postfucina





Alessio Giordana

Alessio Giordana
Medico Veterinario

Laureato nel 1985 in Medicina Veterinaria, formato per anni nella più titolata clinica di torino, da 15 anni ho il mio ambulatorio a Milano. Da 30 anni mi occupo della salute e del benessere degli animali da compagnia. Seguo allevamenti felini titolati a livello ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

Corsi - Prevenzione a tavola

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Corsi - Prevenzione a tavola

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Cosa significano i numeri e le lettere sulle uova?

Importante informarsi per sapere che tipo di uova stiamo acquistando

Le uova non aumentano il colesterolo né rovinano il fegato

Sfiatiamo un falso mito e facciamo chiarezza sul ruolo delle uova nella nostra alimentazione

La pasta madre: proprietà, benefici e vantaggi in cucina

Anche chiamato lievito madre, migliora la regolazione della glicemia e la digeribilità dei prodotti