I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Il business del doping e il ruolo delle case farmaceutiche

Sandro Donati, ex allenatore della Nazionale italiana di atletica fa luce su questo controverso argomento

Pubblicato il 11/01/2016 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Originariamente il doping era essenzialmente l’uso di sostanze stimolanti estratte dalle piante, dalle erbe, poi con lo sviluppo dell’industria farmaceutica è diventato ben altro: è diventato un utilizzo improprio di farmaci originariamente creati per i malati ma che possono avere degli effetti di aumentare artificialmente le prestazioni; è diventato ancora più complicato quando l’industria farmaceutica ha cominciato a produrre gli ormoni e gli ormoni sono di diverso tipo gli ormoni anabolizzanti che favoriscono una crescita abnorme della muscolatura, purtroppo anche del cuore perché il cuore è muscolo. Poi gli ormoni invece cosiddetti aritroproteici che vengono utilizzati nella terapia medica per curare le persone affette da tumori nel sangue o da nefropatie gravi e invece nello sport per aumentare la resistenza, il numero dei globuli rossi. Il farmaco naturalmente lo assumi sul tuo corpo e provoca una serie di danni.

A metà negli anni 90, un’industria farmaceutica che stava già saturando il mercato e che quindi non riusciva più a trovare spazi, quindi uno sgomitamento tra le varie multinazionali farmaceutiche per assicurarsi porzioni di farmaci destinati ai malati, ha cominciato a intuire che forse c’era la possibilità di convincere anche i sani che in fondo un po’ malati lo fossero, o che comunque anche un sano potrebbe diventare più sano.

Quindi attraverso questo tipo di interesse è stata sviluppata una logica di marketing e uno dei filoni è stato individuato nello sport e si è capito chiaramente attraverso alcuni casi eclatanti che il mondo dello sport era alla ricerca di farmaci e che faceva fatica a trovarli e quindi a questo punto ha facilitato il compito per gli sportivi ossessionati da questa idea e sono cominciate delle linee di produzione che accortamente sono state allocate in paesi dove le normative sono molto blande, in genere nei paesi asiatici, africani sudamericani dove sono state lanciate delle produzioni gigantesche.

Ci sono delle indagini di qualche tempo fa del Senato belga che indicano come la produzione di alcuni ormoni sia superiore di 4/5 volte le esigenze dei malati, proprio per questo dirottamento nel mondo dello sport e recentemente il fenomeno delle farmacie online, a dire del traffico di farmaci attraverso Internet, ha aggravato ulteriormente il problema nel senso che ora con una carta di credito prepagata apri questi siti e che ti offrono anabolizzanti, ogni genere possibile di farmaci dopanti che, te lo ordini, ti arriva a casa con un pacchetto anonimo, poi di fatto non sai cosa arrivi e quindi i fenomeni aumentano ulteriormente, ma diciamo che non c’è nessunissimo controllo su questo tipo di traffico internazionale.



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Corsi - Prevenzione a tavola

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero