I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Il business del doping e il ruolo delle case farmaceutiche

Sandro Donati, ex allenatore della Nazionale italiana di atletica fa luce su questo controverso argomento

Pubblicato il 11/01/2016 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Originariamente il doping era essenzialmente l’uso di sostanze stimolanti estratte dalle piante, dalle erbe, poi con lo sviluppo dell’industria farmaceutica è diventato ben altro: è diventato un utilizzo improprio di farmaci originariamente creati per i malati ma che possono avere degli effetti di aumentare artificialmente le prestazioni; è diventato ancora più complicato quando l’industria farmaceutica ha cominciato a produrre gli ormoni e gli ormoni sono di diverso tipo gli ormoni anabolizzanti che favoriscono una crescita abnorme della muscolatura, purtroppo anche del cuore perché il cuore è muscolo. Poi gli ormoni invece cosiddetti aritroproteici che vengono utilizzati nella terapia medica per curare le persone affette da tumori nel sangue o da nefropatie gravi e invece nello sport per aumentare la resistenza, il numero dei globuli rossi. Il farmaco naturalmente lo assumi sul tuo corpo e provoca una serie di danni.

A metà negli anni 90, un’industria farmaceutica che stava già saturando il mercato e che quindi non riusciva più a trovare spazi, quindi uno sgomitamento tra le varie multinazionali farmaceutiche per assicurarsi porzioni di farmaci destinati ai malati, ha cominciato a intuire che forse c’era la possibilità di convincere anche i sani che in fondo un po’ malati lo fossero, o che comunque anche un sano potrebbe diventare più sano.

Quindi attraverso questo tipo di interesse è stata sviluppata una logica di marketing e uno dei filoni è stato individuato nello sport e si è capito chiaramente attraverso alcuni casi eclatanti che il mondo dello sport era alla ricerca di farmaci e che faceva fatica a trovarli e quindi a questo punto ha facilitato il compito per gli sportivi ossessionati da questa idea e sono cominciate delle linee di produzione che accortamente sono state allocate in paesi dove le normative sono molto blande, in genere nei paesi asiatici, africani sudamericani dove sono state lanciate delle produzioni gigantesche.

Ci sono delle indagini di qualche tempo fa del Senato belga che indicano come la produzione di alcuni ormoni sia superiore di 4/5 volte le esigenze dei malati, proprio per questo dirottamento nel mondo dello sport e recentemente il fenomeno delle farmacie online, a dire del traffico di farmaci attraverso Internet, ha aggravato ulteriormente il problema nel senso che ora con una carta di credito prepagata apri questi siti e che ti offrono anabolizzanti, ogni genere possibile di farmaci dopanti che, te lo ordini, ti arriva a casa con un pacchetto anonimo, poi di fatto non sai cosa arrivi e quindi i fenomeni aumentano ulteriormente, ma diciamo che non c’è nessunissimo controllo su questo tipo di traffico internazionale.



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Corsi - Prevenzione a tavola

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Corsi - Prevenzione a tavola

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti