I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Rimedi naturali contro l’influenza intestinale

Allontana da stomaco e intestino l'influenza con rimedi naturali

Pubblicato il 08/01/2016 da Prevenzione a tavola

L’influenza intestinale, spesso confusa con l’influenza stagionale, è un disturbo allo stomaco generalmente diffuso e causato da un’infiammazione dovuta all’infezione da parte di virus che provoca vomito e/o diarrea.
Contrariamente a quanto si pensi, non è causata dal virus della comune influenza che, invece, genera problemi respiratori.I suoi sintomi più comuni sono:
  • nausea, accompagnata o meno da vomito;
  • dissenteria;
  • crampi o bruciori intestinali;
  • mancanza d’appetito;
  • spossatezza
  • febbre occasionale.
L’influenza intestinale ha un elevato potenziale contagioso, il suo decorso è generalmente semplice, ma questa malattia non deve essere sottovalutata nei bambini, negli anziani e in tutti quegli individui che hanno un sistema immunitario compromesso.Alcuni consigliSe si sospetta di aver contratto l’influenza intestinale, è consigliato non bere o mangiare per qualche ora, per lasciare il tempo allo stomaco di reagire al problema. Dopo questo tempo, è bene bere liquidi per prevenire la disidratazione. Anche a piccoli sorsi, se risulta difficile ingurgitarli: l’importante è rimanere ben idratati.Attenzione se avvertite vertigini o confusione mentale, segni di debolezza o di mancanza di liquidi nell’organismo.A poco a poco, potete tornare a mangiare. Meglio iniziare con alimenti facili da digerire. Evitate i prodotti lattiero-caseari per qualche giorno, il caffè e gli alimenti molto grassi o conditi. È inutile affaticare un apparato digerente che comunque non riesce a funzionare al meglio delle sue capacità.Per i bambini, è bene offrire piccole quantità di soluzioni orali di reidratazione, non solo acqua, quindi, ma anche sali minerali. No al latte e al succo di mela.Evitate anche i cibi ricchi di zuccheri che possono peggiorare la diarrea. Sì invece a succo di limone e, con cautela, alle banane. Le banane, in particolare, contengono potassio e magnesio e aiutano a placare la diarrea.Tra le bevande maggiormente consigliate, il tè, come il tè verde, e diverse tisane lenitive. Per quanto riguarda i rimedi naturali e gli infusi, però, bisogna prestare particolare attenzione, sia per gli effetti collaterali, ma anche perché alcune piante potrebbero peggiorare i sintomi. Alcune piante che offrono sollievo dal bruciore intestinale, come ad esempio la malva, hanno una leggera azione lassativa che potrebbe peggiorare la situazione.Sì a camomilla e menta, perché possono placare alcuni dei fastidi causati dall’influenza intestinale. Anche il tè all’anice potrebbe essere utile e, con le opportune precauzioni, lo zenzero.A prescindere dal rimedio che decidete di adottare, comunque, confrontatevi sempre con uno specialista. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Corsi - Prevenzione a tavola

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero