I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Un pericoloso batterio si nasconde nei nostri soldi sporchi

Uno studio rivela quanti e quali batteri vivano nei nostri soldi, che siano banconote o monete

Pubblicato il 31/12/2015 da Prevenzione a tavola

Che i soldi non fossero il ritratto della pulizia già lo si poteva immaginare, ma gli studenti dell'Università di Surrey ne hanno dato dimostrazione osservandoli al microscopio.

I batteri che crescono nel denaro sono raggruppati in migliaia di colonie che proliferano, indistintamente, su banconote e monete. L'esperimento degli studenti è consistito nel trattare il denaro con una sostanza che agevola la crescita dei batteri allo scopo di dimostrare quanto sporchi possano essere i soldi.

Se nella maggior parte dei casi i tipi di batteri riscontrati risultavano innocui, come nel caso del bacillus mycoides (bacillo micoide), in altri sono risultati pericolosi. Tra questi, spiega il professor Simon Park, docente di biologia molecolare presso l'università, “Abbiamo riscontrato la presenza dell'MRSA e di altri batteri che possono provocare infezioni alimentari”. L'MRSA è conosciuto anche come Staphylococcus aureus resistente alla meticillina ed è proprio questa loro resistenza agli antibiotici che li rende più virulenti e dannosi, poiché possono portare ad infezioni della cute e dei tessuti molli, ma anche polmonite e sindrome da shock tossico. Proprio perché passato di mano in mano, il denaro è un perfetto ecosistema nel quale i batteri possono moltiplicarsi e fortificarsi. Non tutte le persone vengono contagiate dall'MRSA, altrimenti ad oggi dovremmo parlare di pandemia, ma a rischio sono i soggetti con basse difese immunitarie.

In passato, gli studenti dell'Università di Surrey hanno effettuato un esperimento simile sui cellulari. Anche in quel caso furono trovate molte colonie di batteri, ma, trattandosi di un oggetto personale, risultavano meno pericolosi poiché provenienti dal proprietario stesso. L'esperimento inglese, oltre a fornirci maggiore consapevolezza del mondo di batteri che ci circonda, sicuramente ci mette nell'ottica di comprendere quanto sia importante lavarsi le mani una volta tornati a casa.

Fonte



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

Corsi - Prevenzione a tavola

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo