I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Un pericoloso batterio si nasconde nei nostri soldi sporchi

Uno studio rivela quanti e quali batteri vivano nei nostri soldi, che siano banconote o monete

Pubblicato il 31/12/2015 da Prevenzione a tavola

Che i soldi non fossero il ritratto della pulizia già lo si poteva immaginare, ma gli studenti dell'Università di Surrey ne hanno dato dimostrazione osservandoli al microscopio.

I batteri che crescono nel denaro sono raggruppati in migliaia di colonie che proliferano, indistintamente, su banconote e monete. L'esperimento degli studenti è consistito nel trattare il denaro con una sostanza che agevola la crescita dei batteri allo scopo di dimostrare quanto sporchi possano essere i soldi.

Se nella maggior parte dei casi i tipi di batteri riscontrati risultavano innocui, come nel caso del bacillus mycoides (bacillo micoide), in altri sono risultati pericolosi. Tra questi, spiega il professor Simon Park, docente di biologia molecolare presso l'università, “Abbiamo riscontrato la presenza dell'MRSA e di altri batteri che possono provocare infezioni alimentari”. L'MRSA è conosciuto anche come Staphylococcus aureus resistente alla meticillina ed è proprio questa loro resistenza agli antibiotici che li rende più virulenti e dannosi, poiché possono portare ad infezioni della cute e dei tessuti molli, ma anche polmonite e sindrome da shock tossico. Proprio perché passato di mano in mano, il denaro è un perfetto ecosistema nel quale i batteri possono moltiplicarsi e fortificarsi. Non tutte le persone vengono contagiate dall'MRSA, altrimenti ad oggi dovremmo parlare di pandemia, ma a rischio sono i soggetti con basse difese immunitarie.

In passato, gli studenti dell'Università di Surrey hanno effettuato un esperimento simile sui cellulari. Anche in quel caso furono trovate molte colonie di batteri, ma, trattandosi di un oggetto personale, risultavano meno pericolosi poiché provenienti dal proprietario stesso. L'esperimento inglese, oltre a fornirci maggiore consapevolezza del mondo di batteri che ci circonda, sicuramente ci mette nell'ottica di comprendere quanto sia importante lavarsi le mani una volta tornati a casa.

Fonte



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Corsi - Prevenzione a tavola

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Corsi - Prevenzione a tavola

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati

Il colesterolo delle uova mette a rischio il cuore?

Nuovo studio riapre il dibattito sulle uova

Arriva la quinoa tutta italiana

Una varietà adattabile alle nostre condizioni climatiche di quinoa, lo pseudocereale delle Ande