I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Un pericoloso batterio si nasconde nei nostri soldi sporchi

Uno studio rivela quanti e quali batteri vivano nei nostri soldi, che siano banconote o monete

Pubblicato il 31/12/2015 da Prevenzione a tavola

Che i soldi non fossero il ritratto della pulizia già lo si poteva immaginare, ma gli studenti dell'Università di Surrey ne hanno dato dimostrazione osservandoli al microscopio.

I batteri che crescono nel denaro sono raggruppati in migliaia di colonie che proliferano, indistintamente, su banconote e monete. L'esperimento degli studenti è consistito nel trattare il denaro con una sostanza che agevola la crescita dei batteri allo scopo di dimostrare quanto sporchi possano essere i soldi.

Se nella maggior parte dei casi i tipi di batteri riscontrati risultavano innocui, come nel caso del bacillus mycoides (bacillo micoide), in altri sono risultati pericolosi. Tra questi, spiega il professor Simon Park, docente di biologia molecolare presso l'università, “Abbiamo riscontrato la presenza dell'MRSA e di altri batteri che possono provocare infezioni alimentari”. L'MRSA è conosciuto anche come Staphylococcus aureus resistente alla meticillina ed è proprio questa loro resistenza agli antibiotici che li rende più virulenti e dannosi, poiché possono portare ad infezioni della cute e dei tessuti molli, ma anche polmonite e sindrome da shock tossico. Proprio perché passato di mano in mano, il denaro è un perfetto ecosistema nel quale i batteri possono moltiplicarsi e fortificarsi. Non tutte le persone vengono contagiate dall'MRSA, altrimenti ad oggi dovremmo parlare di pandemia, ma a rischio sono i soggetti con basse difese immunitarie.

In passato, gli studenti dell'Università di Surrey hanno effettuato un esperimento simile sui cellulari. Anche in quel caso furono trovate molte colonie di batteri, ma, trattandosi di un oggetto personale, risultavano meno pericolosi poiché provenienti dal proprietario stesso. L'esperimento inglese, oltre a fornirci maggiore consapevolezza del mondo di batteri che ci circonda, sicuramente ci mette nell'ottica di comprendere quanto sia importante lavarsi le mani una volta tornati a casa.

Fonte



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?

Corsi - Prevenzione a tavola

Alla scoperta del topinambur, l’ortaggio che vi cambierà la vita

Il topinambur combina proprietà diuretiche con doti benefiche per abbassare la glicemia

Ecco gli alimenti per sorridere all’autunno

Cambio di stagione, gli alimenti alleati del buonumore

Ecco perché vale la pena mangiare i cachi

Racchiudono straordinarie proprietà per il nostro organismo

Corsi - Prevenzione a tavola

Dal cacao un aiuto per ossa fragili e malattie respiratorie

Il cacao e gli alimenti che lo contengono hanno quantità significative di vitamina D2

Raffreddore e influenza in arrivo: anticipiamo il TG col cibo giusto

Ecco i cibi che possono aiutarci a prevenire i mali di stagione

Perché la cicoria è così buona per la salute

La cicoria si può trovarla da settembre fino a febbraio: ecco una ricetta sana e gustosa

Ecco perché mangiare i fichi d’India

Un toccasana per il nostro organismo. Un trucco per sbucciarli e una ricetta gustosa

La zucca è ottima per la nostra salute: due ricette da leccarsi i baffi

La zucca, la regina dell'autunno, è ricca di proprietà benefiche per il nostro organismo

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

L’olio extravergine d’oliva protegge da infarti e ictus

Il merito è di una proteina salva-cuore