I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Il rimedio naturale per depurare lo stomaco

Ecco come depurare naturalmente lo stomaco da bruciori, eccesso di succhi gastrici

Pubblicato il 23/12/2015 da Prevenzione a tavola

Chi soffre di disturbi digestivi sa bene quanto siano fastidiosi, tanto da peggiorare significativamente la qualità di vita e anche lo stato d’animo.

La causa del problema può essere un’intolleranza a qualche alimento o sostanza, come il glutine o il lattosio, ma nella maggior parte dei casi i motivi sono i seguenti:

  • Alimentazione poco sana per tanto tempo.
  • Abitudini alimentari scorrette: masticare poco, mescolare troppi alimenti, mangiare troppe volte, saltare i pasti, etc.
  • Problemi emotivi.
  • Stress o ansia.
  • Regolare assunzione di farmaci.
  • Agenti patogeni che colpiscono lo stomaco.
  • Predisposizione genetica.

Succo di patata

Il succo di patata cruda regola naturalmente il pH dello stomaco, soprattutto in caso di eccesso di acidità, in quanto è un ottimo alcalinizzante.

  • Il momento migliore per bere succo di patata è a digiuno.
  • Bisogna lavare e sbucciare mezza patata, frullarla e berne il succo dopo avervi aggiunto un cucchiaio di olio di oliva di prima spremitura a freddo (25 grammi).
  • Infine, bisogna aspettare mezz’ora prima di mangiare qualsiasi cosa.

Questo rimedio aiuta a riequilibrare lo stomaco e ad eliminare gli agenti patogeni o le sostanze che approfittano delle condizioni di un pH alterato.

Acqua di umeboshi

Questo nome esotico indica una varietà di prugne fermentate che vengono consumate in Cina, Corea e Giappone fin dall’antichità. Hanno un sapore molto forte, salato e acido, e un colore marrone rossiccio.

Sono un rimedio di grande beneficio per riequilibrare e depurare lo stomaco in maniera quasi immediata.

Le prugne umeboshi hanno il vantaggio di avere una doppia funzione regolatrice. Da un lato, alcalinizzano lo stomaco se è troppo acido, dall’altro, stimolano la secrezione naturale dei succhi gastrici.

C’è chi preferisce mangiare direttamente il frutto o una piccola parte. Tuttavia, dato che ha un sapore molto forte e bisogna abituarcisi, si può mettere una prugna in una bottiglia di acqua calda e bere a piccoli sorsi continuamente.

L’acqua di umeboshi va bevuta lontano dai pasti per godere appieno delle proprietà di questo frutto.

Acqua di argilla

Per eliminare le tossine dall’esterno, spesso si ricorre all’argilla. Tuttavia, l’argilla vanta diverse proprietà anche a livello interno, in quanto questa meravigliosa sostanza presente in natura ha la capacità di assorbire le tossine e facilitarne l’eliminazione.

Nel caso di alterazioni a livello dello stomaco, la funzione dell’argilla è quella di neutralizzare l’eccesso di acidità senza alterare il pH naturale di quest’organo. In questo modo, la si può assumere come antiacido naturale ed evitare gli effetti dannosi dei farmaci convenzionali che a lungo andare compromettono la secrezione dei succhi gastrici.

Bisogna seguire rigidamente alcune indicazioni nel caso si voglia ricorrere a questo rimedio:

  • L’argilla deve essere bianca, adatta all’uso orale. La confezione deve specificarlo chiaramente, oltre a non contenere sostanze tossiche per l’organismo.
  • Non bisogna usare utensili o recipienti di plastica o metallo, altrimenti l’argilla perderebbe le sue proprietà. L’ideale è usare contenitori di vetro, legno o ceramica.
  • Bisogna versare un cucchiaino di argilla in polvere (5 grammi) in un bicchiere d’acqua (200 ml).
  • Usare un cucchiaio, che non sia di plastica o di metallo, per mescolare.
  • Lasciare riposare una decina di minuti, mescolare ancora una volta e poi bere il preparato.
  • In caso di stitichezza o di ipertensione arteriosa, bisogna evitare di mescolare una seconda volta, ma bere il preparato evitando di ingerire i depositi sul fondo del bicchiere. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Corsi - Prevenzione a tavola

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali