I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Tumori, realizzato un biochip che riconosce e rimuove le cellule malate

La nuova tecnica riconosce e rimuove le cellule malate: emula il meccanismo della dialisi

Pubblicato il 21/12/2015 da Prevenzione a tavola

Un gruppo di ricercatori dell'University of New South Wales di Sydney ha messo a punto un biochip in grado di identificare e rimuovere le cellule tumorali. La nuova tecnica permetterà in futuro di filtrare il sangue dei pazienti affetti da forme di cancro, emulando il meccanismo della dialisi. Gli studiosi australiani spiegano che a essere colpite sono le "poche" unità che minacciano di diffondere il cancro tra i miliardi di cellule sane.

Un metodo non invasivo - Il meccanismo, ideato da Majid Warkiani del Centre for Nanomedicine, "centrifuga" e isola le cellule tumorali circolanti (CTC) che vengono diffuse nel flusso sanguigno da un tumore solido. "E' come una biopsia liquida non invasiva - ha spiegato l'esperto - che può segnalare la presenza di qualsiasi tipo di cancro solido, che sia ai polmoni, al seno o all'intestino, senza dover ricorrere alla chirurgia".

Il biochip potrà essere usato sia per una diagnosi tempestiva, sia per monitorare la risposta del paziente ai trattamenti. "Il potenziale tuttavia si spinge molto oltre queste funzionalità", scrive Warkiani. Sangue ripulito - Perfezionando il sistema di filtraggio, tutto il sangue del paziente potrà essere "lavato" e depurato, rimuovendo le cellule pericolose e riciclando il resto del sangue. Il biochip "porterà una rivoluzione nel trattamento del cancro", ha osservato Warkiani. E ha aggiunto: "Si potrà continuare a filtrare via le cellule pericolose, prolungando la vita del paziente". (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Corsi - Prevenzione a tavola

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

Corsi - Prevenzione a tavola

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?

Alla scoperta del topinambur, l’ortaggio che vi cambierà la vita

Il topinambur combina proprietà diuretiche con doti benefiche per abbassare la glicemia